/ Mosca: Il blackout in Venezuela orchestrato dall'estero. In Siria...

Mosca: Il blackout in Venezuela orchestrato dall'estero. In Siria avverte: I terroristi preparano provocazione con armi chimiche

 

Secondo, il Ministero degli Esteri russo il blackout elettrico sofferto dal paese latinoamericano stato effettuato a distanza contro attrezzature specializzate prodotte in Canada. Riguardo alla Siria, Mosca lancia l'allarme per la preparazione di un attacco con armi chimiche da parte dei terroristi per incolpare Damasco.


Venezuela
 
Il ministero degli Esteri russo afferma che il blackout elettrico in Venezuela dello scorso fine settimana è stato organizzato dall'estero da persone a conoscenza del sistema elettrico del paese sudamericano.
 
"Il settore dell'energia elettrica del Venezuela è stato oggetto di attacchi dall'estero", ha spiegato Maria Zakhárova, portavoce del ministero degli Esteri russo, citando fonti a conoscenza dei sistemi tecnici.
 
Secondo la portavoce, è stata condotta una "azione complessa a distanza" contro il sistema di controllo delle principali centrali elettriche, che dispongono di apparecchiature fabbricate in Canada. "Tutti gli algoritmi operativi e le vulnerabilità delle apparecchiature di quei sistemi erano ben noti agli organizzatori che hanno diretto l'aggressione", ha affermato.
 
Zakharova ha sottolineato che la responsabilità delle conseguenze del blackout, inclusa la morte delle persone a causa della mancanza di elettricità negli ospedali, ricade su coloro che hanno ordinato l'attacco.
 
 

 
 
Siria
 
Per quanto riguarda la Siria, Zakharova ha annunciato che Mosca sta monitorando attentamente la situazione a Idlib dopo aver ricevuto informazioni sul fatto che i terroristi del cosiddetto gruppo 'Hayat Tahrir al-Sham' stanno pianificando un attacco chimico nella provincia.
 
"Stiamo monitorando da vicino la situazione nella zona de-escalation di Idlib", ha riferito Zakharova parlando ai giornalisti. "I terroristi che operano qui dall'alleanza al Nusra non stanno fermando i loro provocatori attacchi di falsa bandiera contro le forze governative: dall'inizio dell'anno sono stati registrati oltre 460 attacchi, oltre 30 persone sono state uccise e 100 ferite", ha aggiunto.
 
Fonte: Ruptly - Foto Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa