Mosca: Le prove sui telefoni degli attentatori di Crocus conducono all'Ucraina

Mosca: Le prove sui telefoni degli attentatori di Crocus conducono all'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il comitato investigativo della Federazione Russa ha riferito, questa mattina, che le informazioni ottenute dai telefoni dei terroristi hanno rivelato un collegamento tra l'attacco al municipio di Crocus e il conflitto in Ucraina. 

Il responsabile stampa della commissione, Svetlana Petrenko, ha dichiarato che gli investigatori hanno ottenuto "dati significativi" sulle circostanze della preparazione dell’attentato dai telefoni che gli aggressori volevano distruggere.

Dall'esame dei telefoni è emerso che la sala da concerto era stata scelta come obiettivo dall'organizzatore dell’attacco, il quale ha diretto le azioni dei terroristi. Si precisa, inoltre, che il 24 febbraio 2024, in coincidenza con l'anniversario dell'inizio dell'operazione militare speciale, uno dei complici, seguendo le istruzioni dell'organizzatore, "ha trovato sulle risorse Internet screenshot delle immagini degli ingressi all'edificio Crocus City Hall e le strade di accesso e poi le ha inviate allo stesso organizzatore.”  L'imputato ha confermato tutte queste informazioni nella sua testimonianza.

"Inoltre, sul telefono del terrorista sono state trovate immagini fotografiche di persone in uniforme con una bandiera ucraina davanti agli edifici distrutti e un francobollo ucraino con un gesto osceno", ha precisato Petrenko, aggiungendo che le informazioni trovate "potrebbero indicare una connessione tra l'atto terroristico commesso e l'operazione militare speciale."

Allo stesso tempo, l'addetto stampa ha osservato che le indagini sull'attacco continuano e che vengono adottate misure operative per verificare la partecipazione dei membri dei servizi speciali ucraini e delle organizzazioni terroristiche islamiste internazionali nell'organizzazione e nel finanziamento dell'attacco terroristico.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti