/ "Nel Ghouta orientale accade esattamente la stessa cosa accaduta ...

"Nel Ghouta orientale accade esattamente la stessa cosa accaduta ad Aleppo"

 

Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che i rappresentanti delle Nazioni Unite "non hanno trovato una volta" prove dell'uso di armi chimiche contro i civili nel Ghouta orientale.


Il secondo giorno della tregua umanitaria nel Ghouta orientale, zona rurale di Damasco, è stato caratterizzato da una nuova serie di attacchi da parte di gruppi armati radicali che impediscono l'evacuazione dei civili. "Al momento, la situazione nella regione del corridoio umanitario rimane tesa", ha avvertito il rappresentante del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto, il generale di divisione Vladimir Zolotujin.
 
"Nella parte nordorientale di Duma, al mattino, più di 300 persone si sono riunite e non hanno potuto accedere al corridoio umanitario a causa degli attacchi dei membri del gruppo Yeish al Islam", ha riferito l'alto ufficiale russo.


 
Riproduzione dello scenario di Aleppo
 
Secondo l'analista internazionale Alberto García Watson, nel Ghouta Orientale accade "esattamente lo stesso" accaduta ad Aleppo. "Hanno aperto corridoi umanitari e di nuovo gruppi ribelli, in questo caso Yeish Al Islam, uno delle filiali di Al Qaeda in Siria, sta facendo esattamente lo stesso dei loro fratelli terroristi fecero a Aleppo: uccidere chiunque tenti la fuga,  chiunque cerchi di cercare rifugio nell'area controllata dall'esercito siriano."
 
"L'interesse che i gruppi terroristici hanno è quello di mantenere la popolazione del Ghouta orientale in ostaggio", che possono usare come scudi umani, ha dichiarato l'esperto.


 
Pionyang, nuovamente coinvolta in Siria
 
Nel frattempo, in occidente sembra che si ignorarino le azioni dei terroristi e invece appaiono nuove accuse che riguardano Mosca, Damasco e persino la Corea del Nord.
 
In diversi rapporti dei media è apparso che Pionyang avrebbe inviato di Damasco elementi utilizzati nei programmi di missili balistici e armi chimiche tra il 2012 e il 2017. Tuttavia, anche se le pubblicazioni citano un rapporto delle Nazioni Unite, da soli l'organizzazione non è stata in grado di confermare l'esistenza di tale documento.
 
"A quanto ho capito, è un rapporto indirizzato al gruppo di esperti del comitato per le sanzioni. Io non sono a conoscenza della data di pubblicazione, se esiste", ha dichiarto Stephane Dujarric, portavoce del segretario generale dell'ONU.
 
Una "farsa banale"
 
Da parte sua, il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, Igor Konashénkov, ha definito le accuse degli Stati Uniti e del Regno Unito contro Damasco per il presunto uso di armi chimiche nel Ghouta orientae come "una banale farsa".
 

 
Così, il portavoce del ministero della Difesa russo ha reagito alle parole del ministro degli Esteri del Regno Unito, Boris Johnson, il quale ha sostenuto l'idea che Gran Bretagna lancerà attacchi contro le truppe del governo siriano se si dimostrasse l'uso di armi chimiche contro la popolazione civile.
 
Va notato che a metà febbraio il presidente francese Emmanuel Macron ha fatto una dichiarazione simile. "Se abbiamo prove evidenti del fatto che le armi chimiche proibite dai trattati sono usate (...), attaccheremo il posto dove sono usate o localizzate", disse il presidente francese.
 
Konashenkov ha sottolineato che i rappresentanti delle Nazioni Unite, che hanno libero accesso nel Ghouta Orientale, "non hanno ancora trovato" prove dell'uso di armi chimiche contro i civili a Guta Oriental.
 
Disinformazione sul web
 
Allo stesso tempo, anche le pubblicazioni sui social network contribuiscono a fornire una visione chiara della situazione in Siria, in quanto spesso diffondono dati senza controllare, ad esempio, è il caso del prossimo Tweet, che è diventato virale.
 

 
"Questo non è un film, è la Siria", si legge nel post. Nel frattempo, è stato accertato che la foto di sinistra è stata scattata a Gaza, e la destra, nella città irachena di Mosul.
 
"Buchi neri"
 
Oltre al Ghouta orientale, anche le aree controllate dalla coalizione statunitense e dai gruppi armati di opposizione si trovano in una situazione difficile.
 
"Dopo gli annunci altisonanti sulla loro liberazione dall'ISIS, queste regioni sono diventate" buchi neri ", dove la situazione non è trasparente né per il governo siriano, né per gli osservatori internazionali", ha denunciato Konashenkov.
 
A questo proposito, il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha sollecitato la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti a garantire l'accesso umanitario alle aree sotto il suo controllo, compreso il campo profughi di Rukban e l'area circostante la città di confine di Al-Tanf (provincia di Homs).
 
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa