L'Analisi/"Nessuno può essere neutrale in un mondo lacerato": come il capit...

"Nessuno può essere neutrale in un mondo lacerato": come il capitalismo commercializza il suo declino

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Segue l'analisi di José Negrón Valera, antropologo e scrittore venezuelano, esperto di guerre non convenzionali, antiterrorismo e operazioni di controinformazione.

 
 
Nonostante quello che ti hanno insegnato, no, il capitalismo non fa parte della natura umana non è sempre stato lì. Una considerazione che per molti può sembrare ovvia e logica, ad altri sembra eresia.
 
Se la dottrina liberale ha lavorato molto duramente su un punto, è che il senso comune degli individui balla al ritmo che le loro narrazioni toccano. Quindi vediamo che la frase 'il socialismo ha fallito' ha molta più stampa di una molto più pertinente, ovvero dove ha trionfato il capitalismo?
 
Se partiamo dall'idea che gli obiettivi del sistema capitalista non sono di fornire benessere al maggior numero di persone, allora sì. Possiamo dire, senza esitazione, che è stato un successo.
 
Tuttavia, in questo momento, dove i calcoli degli studiosi ambientali ci danno solo un decennio per apportare correzioni al vorace sistema di consumo globale oppure dovremo affrontare l'estinzione della specie, il capitalismo sembra più superbo che mai e ha anche optato per una tendenza preoccupante. Ha smesso di nascondere ciò che chiamano in economia esternalizzazioni delle perdite. Cioè, vuol dire guarda le forme ora non la priorità.
 
Te lo dico in faccia
 
Se ci fermassimo alla logica dell'apparato finanziario e militare dell'Occidente, dovremmo ammettere che non c'è più tempo per le sottigliezze. I calcoli sono corretti e pertanto non possiamo annegare stipulando lunghi trattati economici o diplomatici per imporre condizioni economiche e militari in altri paesi.
 
Oggi abbiamo semplicemente deciso di farecolpi di stato e imporre presidenti senza nemmeno aver bisogno di una riunione in seno al Consiglio di sicurezza. O, in altre parole, l'obsolescenza programmata è passata dai dispositivi elettronici al sistema di diritto internazionale.  
 
Ehi, non ti scandalizzare! Ogni giorno vediamo cose peggiori in televisione, sugli schermi dei nostri cellulari, dirannno. Naturalmente, la maggior parte di ciò a cui siamo testimoni sono finzioni prodotte dal monopolio che manifesta il 90% del contenuto che viene prodotto e distribuito attraverso i media digitali. Un 'intrattenimento' che non solo è anestesia, ma semina nei cuori l'idea che sia impossibile cambiare le cose .
 
Nient'altro oggi, mentre queste riflessioni sono scritte, due notizie illuminano il percorso di questo declino.
 
Della moneta e del narco
 
Da un lato, vediamo come il paese che ha distrutto altre nazioni con bombe e colpi di stato, accusandole di non essere "abbastanza democratiche", abbia un sistema elettorale che consente ai candidati di essere lanciati con una moneta. Lo Iowa è il vertice più alto del modello democratico occidentale. Né Platone né Aristotele osarono così tanto.
 
Senza far svanire la nostra sorpresa e chissà se schiaffeggiare la paralisi del mondo. Il comandante dell'esercito colombiano esprime le sue condoglianze per la morte di uno dei più spietati assassini in America Latina.
 
Lasciamoci alle spalle il dibattito tra gli Stati Uniti e la Colombia, dove sono accusati rispettivamente di essere i primi consumatori e produttori al mondo di cocaina, e concentriamoci sulla serietà che un militare che dovrebbe avere nela responsabilità di fornire sicurezza a un intero  nazione faccia un'apologia di questa portata. 
 
Cosa dovremmo aspettarci domani? Che Ivan Duque decreti un funerale di stato per alias Popeye ?
Ma di cosa ci parla il comandante nel gesto del capo? Popeye non è diventato una celebrità mondiale dei media ?
 
I portali di destra e sinistra hanno dedicato grandi resoconti, realizzato documentari sul turismo nero, pubblicizzando i suoi omicidi come se il dolore delle vittime fosse una semplice attrazione da fiera. Il capitalismo di Gore, come lo chiamava il messicano Sayak Valencia, lo rese un riferimento per tutte le età. Quale bambino latinoamericano esposto alla divinizzazione del sicario di Popeye è esente dal credere che questo sia il modello?
 
Vendi la fine
 
Per i grandi pensatori del capitalismo del disastro, gli elogi di Popeye e la valuta dello Iowa sono esibizionismo inutili che possono essere evitati.
 
Come funzionerebbe allora la commercializzazione dell'apocalisse? Chiederebbero gli apprendisti meno avvantaggiati.
 
Assistiamo a un caso specifico. Nel 2015 la Federazione iberoamericana delle associazioni degli anziani ha elaborato un rapporto in cui esprimeva che nella nostra società "si stava verificando una dinamica tra gerascofobia, paura dell'invecchiamento e gerontofobia, che è il disprezzo irrazionale per gli anziani". 
 
Questa Federazione ha avvertito che "la società dei consumi sostituisce coloro che non consumano per inerzia. E gli adulti più anziani fanno parte di questo gruppo emarginato che, al contrario, sta crescendo in relazione ad altre fasce di età, secondo dati statistici".
 
Il rapporto pone una piccola difficoltà per il sistema capitalista già instabile. Non preoccuparti, gli esperti parleranno.
 
Christine Lagarde , che era presidente del Fondo monetario internazionale fino al 2019, aveva già messo in guardia su quelle persone che non producono più o consumano e generano "pressioni finanziarie su coloro che lo fanno". È probabile che i tecnici del FMI incoraggino la lotta fra cani intergenerazionale.
 
Nel 2012, Largarde ha spiegato che "le persone che vivono molto" a lungo termine "rappresentavano un rischio per l'economia mondiale".  
 
Il numero del FMI ha enunciato la solita raccomandazione. Aumenta il più possibile l'età pensionabile e "incrocia le dita perché le persone muoiono prima di riscuotere la pensione".
 
Lo ammettiamo, l'ultimo citato è nostro. Non ha usato quei termini. Ha scelto qualcosa di più elegante e adatto agli auditorium con moquette dell'élite globale:"Le implicazioni finanziarie delle persone che vivono più a lungo del previsto [il cosiddetto rischio di longevità ] sono molto grandi. Se la vita media aumenta di 2050 tre anni in più del previsto oggi, i costi dell'invecchiamento - che sono già enorme: aumenterebbero del 50% . Il rischio di longevità è un problema che richiede più attenzione ora, data l'entità del suo impatto finanziario e che misure di mitigazione efficaci impiegano anni per dare i suoi frutti ", ha dichiarato in un rapporto dove ogni filtro è stato rimosso. Tutti i filtri
 
Se non fossimo in qualche modo affrettati dalle pressioni esercitate dalle condizioni ambientali, seguiremmo la raccomandazione di Lagarde. Ma, dobbiamo agire!, Ho sentito che si dice in quasi ogni aggregazione sociale del famoso Club Bilderberg .
 
E quale modo migliore per far avanzare i palloncini di prova, piuttosto che fare appello al luogo che hanno posizionato come uno dei più progressivi del pianeta. 
 
Alcuni giorni fa, il quotidiano spagnolo della ABC ha pubblicato una nota in cui si annunciava che la possibilità di approvare l'uso di una pillola per i 70enni che erano già "stanchi di vivere" è stata ampiamente discussa dal parlamento olandese.
 
"Il governo olandese ha appena pubblicato un primo studio sulla definizione dello spettro di popolazione a cui sarebbe diretta questa pillola suicida, o la pillola Drion che potrebbe essere una realtà quest'anno. I dati derivati ??dall'indagine rivelano che, in effetti, c'è una parte della popolazione con più di 55 anni che, nonostante sia in buona salute, "ha il desiderio di morire in modo coerente e attivo", secondo la ABC.
 
 
Dobbiamo considerare la complessità del dibattito sull'eutanasia. Dalla capacità e dal desiderio dell'individuo di prendere decisioni sulla sua vita, a partire dai limiti che separano o no lo Stato da quella decisione. Tuttavia, in un mondo in cui è imposto che dopo il pensionamento sei un costo e non un essere umano, in cui gli individui di 30 anni si sentono già inutili perché non hanno raggiunto la fama e la fortuna a vent'anni, come quei modelli di successo che vendono l'industria culturale, non vale la pena chiedere quanta libertà e libera volontà ci siano in quelle decisioni sull'accelerazione della morte?
 
Un amico mi ha detto dei preoccupanti segni del nostro tempo  che, se uniamo le decisioni di guerra, il disinteresse per i limiti del pianeta, la promozione delle disuguaglianze, l'unica cosa che emerge chiaramente è che sembra esserci un piano di spopolamento. 
Oggi aggiungerei ... "e disumanizzazione".
 
Se hai già decretato la fine delle sottigliezze e gli eufemismi sono diventati anacronistici, è opportuno trattare ciò che accade con la stessa crudezza.
Ma dobbiamo anche capire, basato sullo scrittore Howard Zinn, che "nessuno è neutrale in un mondo che è fatto a pezzi".
 
La tendenza a imporre governi da Washington non è un problema solo del Venezuela o della Bolivia, le uccisioni generate dall'estrazione di coltan non sono solo una questione del Congo, la distruzione degli stati nazionali non è qualcosa che riguarda esclusivamente la Libia o Siria. Riguardano tutti fenomeni che parlano di logica e intenzionalità verso il pianeta. Questa è la premessa iniziale grande e inevitabile che dovrebbe guidare qualsiasi ricerca e sforzo di lotta. La risposta a questo grande enigma che chiamiamo crisi globale sarà collettiva o non lo sarà.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa