Nicaragua: sondaggio mostra livello di approvazione record per Daniel Ortega

Nicaragua: sondaggio mostra livello di approvazione record per Daniel Ortega

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Oltre l'85% dei nicaraguensi valuta positivamente l'attuale amministrazione del Presidente sandinista Daniel Ortega. Secondo i risultati presentati dalla società M&R Consultores, l'85,3% dei nicaraguensi valuta positivamente la sua capacità di gestione.

Inoltre, l'81,8% degli intervistati ha dichiarato di essere soddisfatto dei servizi pubblici. In questo senso, l'88,8% dei consultati si è detto favorevole all'istruzione pubblica, alle strade (88,1), alla sanità pubblica (86,8), ai trasporti (86,1) e all'energia elettrica (86,1).

I dati relativi al secondo trimestre dell'anno in corso valutano l'operato del presidente nicaraguense con il 77,3% di approvazione e l'80,6% afferma che il governo di Daniel Ortega genera speranza.

Inoltre, il 70,2% degli intervistati ha affermato che Daniel Ortega guida il Paese nella giusta direzione, mentre il 77,6% ha dichiarato che il capo di Stato lavora per gli interessi della popolazione in generale e il 71,3% ha affermato che cerca l'unità e la riconciliazione tra i nicaraguensi.

Secondo lo studio di M&R Consultores, il 74% degli intervistati ha un'immagine positiva del Presidente Ortega.

Allo stesso modo, i risultati del sondaggio riflettono che il 75,8% degli intervistati ritiene che ci sia più sicurezza in Nicaragua rispetto a cinque anni fa, con il 73,3% che valuta positivamente il lavoro della Polizia Nazionale e l'81,6% che riconosce il grado di professionalità dell'istituzione di polizia.

Il governo di Daniel Ortega viene spesso indicato dai liberali occidentali come simbolo di repressione, dittatura. Sarebbe quindi interessante comparare i dai di gradimento popolare di questi governi, a cominciare da Biden negli Stati Uniti che ha raggiunto un livello di disapprovazione da record, con quelli del Nicaragua Sandinista. 

Per non parlare dei governi europei che stanno immolando i propri interessi nazionali e le proprie economie, danneggiando fortemente la già ampiamente in declino qualità di vita delle classi popolari per soddisfare gli interessi di Washington nella guerra alla Russia tramite Ucraina ed Europa. 

I vari Macron, Draghi, Scholz - al contrario del ‘dittatore’ Ortega - lavorano scientemente e alacremente per soddisfare ben altri interessi rispetto ai bisogni delle classi popolari. Per questo motivo hanno accumulato livelli di disapprovazione da record, vengono ampiamente investiti da ondate crescenti di contestazione popolare, ma descritti come democratici e illuminati governanti. Al contrario dei leader come Daniel Ortega. I fatti hanno però la testa dura e smentiscono le narrazioni fallaci e fuorvianti che imperversano nelle cosiddette ‘democrazie’ occidentali. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti