«Non ci sarà più il Nord Stream 2», Biden tratta la Germania come l'ultima provincia dell'impero

«Non ci sarà più il Nord Stream 2», Biden tratta la Germania come l'ultima provincia dell'impero

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Il presidente Joe Biden e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno avuto un imbarazzante scambio con un giornalista, in conferenza stampa alla Casa Bianca, sul futuro del gasdotto Nord Stream 2.

La discordia in una conferenza stampa durante la prima visita di Scholz alla Casa Bianca è stata breve e civile, ma ha mostrato che la Germania per gli Stati Uniti è solo una lontana provincia dell’Impero. Non proprio un buon esordio per il neocancelliere Olaf Scholz.

Il gasdotto Nord Stream 2 tra la Russia e la Germania è stato terminato nel settembre dello scorso anno, ma deve ancora entrare  in funzione e trasportare del gas. 

Biden ha affermato che il Nord Stream 2 verrebbe demolito se la Russia si lanciasse in un'invasione militare dell'Ucraina, cosa che i movimenti delle truppe di Mosca suggeriscono sia imminente secondo la narrazione statunitense. Ma Scholz ha mostrato di avere una posizione diversa sul tema rispetto a Biden. 

"Se la Russia invade - che significa carri armati o truppe che attraversano il confine dell'Ucraina, allora non ci sarà più il Nord Stream 2", ha detto Biden in una conferenza stampa congiunta con Scholz. "Metteremo fine a tutto questo".

"Ma come lo farete esattamente, visto che il progetto e il controllo del progetto sono sotto il controllo della Germania?" ha chiesto Andrea Shalal di Reuters, che aveva posto in origine la domanda a Biden sul Nord Stream.

"Lo faremo, ve lo prometto, saremo in grado di farlo", ha risposto Biden.

Quando la stessa domanda è stata posta a Scholz, tuttavia, il leader tedesco ha dato una risposta molto diversa.

"Abbiamo preparato intensamente tutto per essere pronti con le sanzioni necessarie se c'è un'aggressione militare contro l'Ucraina", ha detto, senza menzionare il gasdotto Nord Stream. "Fa parte del processo il fatto di non dire tutto in pubblico, perché la Russia dovrebbe capire che potrebbe roesserci esserci ulteriori azioni”.

"Vi impegnate oggi a spegnere e staccare la spina al Nord Stream 2?" ha chiesto Shalal.

Ma Scholz non ha voluto rispondere alla domanda. "Come ho già detto, stiamo agendo insieme. Siamo assolutamente uniti e non faremo passi diversi", ha risposto, ignorando la domanda di Shalal.

Ancora una volta abbiamo avuto la dimostrazione plastica che per gli Stati Uniti non esistono partner o alleati, ma solo paesi vassalli che devono scegliersi se conformarsi o meno alle decisioni prese in quel di Washington. 

Biden si oppone fortemente al progetto del gasdotto e Washington ha fatto per anni pressioni su Berlino affinché non aumentasse, secondo la visione statunitense, la sua dipendenza energetica dalla Russia.

La Germania, tuttavia, vede il gasdotto come un sistema di consegna essenziale per il gas naturale che la Germania già acquista dalla Russia, il fornitore numero uno in Europa sia di petrolio greggio che di gas naturale.

La Germania avrà la forza e la volontà di perseguire una propria politica autonoma?

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti