Nuova notte di violenza in Francia. Scontri con la polizia in diverse città e attacco a una prigione

 Nuova notte di violenza in Francia. Scontri con la polizia in diverse città e attacco a una prigione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli scontri tra manifestanti e polizia in Francia sono diventati più violenti durante il secondo giorno di proteste scatenate dalla morte di un adolescente per mano di un agente di polizia il giorno precedente. Così, nella mattinata di mercoledì e questa mattina, sono scoppiati forti scontri e incendi in diverse città del Paese.

Secondo i media locali e le immagini pubblicate sui social network, durante la giornata si sono verificati grandi incendi nella città di Tolosa. I manifestanti hanno anche appiccato il fuoco a cassonetti e diverse auto, oltre a erigere un'enorme barricata sul viale che parte dalla piazza principale.

Nella città di Nantes un centinaio di persone si sono radunate davanti alla stazione centrale di polizia gridando "Giustizia per Nahel" - questo il nome dell'adolescente assassinato -, mentre nella città di Lille decine di manifestanti si sono radunati anche davanti alla prefettura di polizia per protesta contro i "crimini della polizia".

Inoltre, nella città di La Courneuve sono state erette una ventina di barricate e incendiato un camion, mentre nel comune di Le Blanc-Mesnil sono stati dati alle fiamme un autobus e un mezzo da cantiere.

L'aumento delle tensioni si è verificato anche a Nizza, dove sono stati attaccati il ??commissariato e alcuni mezzi della polizia. È stato riferito che circa 30 persone hanno anche eretto una barricata e dato fuoco ai contenitori della spazzatura.

Contemporaneamente, nel dipartimento dell'Essonne, i manifestanti hanno fermato un autobus e chiesto all'autista di metterlo in mezzo a un incrocio per dargli fuoco. Così, dopo che i passeggeri sono scesi dall'autobus senza che nessuno sia rimasto ferito, il veicolo è stato incendiato, provocando un'interruzione dei servizi di trasporto.

Sempre all'inizio di questa giornata, è stato riferito che un posto di guardia all'ingresso di una delle più grandi prigioni di Francia, situata nel comune di Fresnes, è stato attaccato con fuochi d'artificio. Secondo fonti citate da Le Figaro, decine di uomini incappucciati e vestiti di nero hanno tentato di entrare nel carcere per far uscire alcuni detenuti. Tuttavia, i manifestanti non hanno avuto successo, poiché la Polizia Nazionale si è recata rapidamente sul posto.

Nel frattempo, secondo quanto riferito, a Nanterre, dipartimento Hauts-de-Seine, dove è morto il minorenne, i manifestanti hanno lanciato bombe molotov contro la polizia antisommossa. Da parte loro, le forze dell'ordine hanno risposto con "flash-ball" (LBD), armi che sparano proiettili di gomma. Si ipotizza che alcune zone della città siano ora sotto il pieno controllo dei manifestanti, dopo che polizia e vigili del fuoco si sono ritirate.

Secondo gli ultimi dati, almeno 150 persone sono state arrestate nella regione dell'Île-de-France, dove si trovano le città colpite.

  • Gli scontri sono iniziati questo martedì, poche ore dopo la morte di un adolescente di 17 anni per mano di un agente di polizia che ha usato la sua arma dopo che il giovane si era rifiutato di obbedire all’ordine di fermarsi.
  • Secondo la versione della polizia, due poliziotti si sono avvicinati al "veicolo che aveva commesso diverse infrazioni" per controllarlo, ma non si è fermato; quindi, uno di loro ha usato la sua arma da fuoco. Allo stesso tempo, un video dell'incidente pubblicato sui social media mostra una scena diversa.
  • Il presunto poliziotto è stato arrestato ed è indagato per omicidio volontario da parte di pubblico ufficiale.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti