Nuovo attacco a base USA in Siria. Fallimento delle difese aeree statunitensi

Nuovo attacco a base USA in Siria. Fallimento delle difese aeree statunitensi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le difese americane hanno registrato un catastrofico fallimento nel proteggere la base illegale gestita dall'esercito americano in uno dei più grandi giacimenti petroliferi, nel nord-est della Siria. Inoltre, ci sarebbero vittime all'interno della base.

A riferirlo, è il corrispondente di Sputnik in lingua araba nella Siria orientale, citando fonti locali, il quale ha affermato che "la base nei pressi del giacimento petrolifero di Al-Omar nella campagna di Deir ez-Zor, ad est del Paese, oggi, è stata oggetto di un nuovo attacco prima di mezzogiorno, con granate a propulsione a razzo e tramite droni provenienti dalla sponda occidentale del fiume Eufrate (zona controllata dall'esercito arabo siriano)". La provenienza  dell'attacca sancisce un nuovo e importante sviluppo riguardo alle operazioni della resistenza contro l'occupazione americana e i suoi alleati sul territorio della Repubblica araba siriana.

Le fonti hanno sottolineato che "i droni avevano lo scopo di filmare e monitorare, apparentemente per documentare l'attacco, e per impedire l'oscuramento delle perdite solitamente subite dalle forze americane in Siria e Iraq, dopo di che la base è stata bombardata con missili caduti sul perimetro e all'interno della base, con informazioni confermate su danni materiali e anche vittime."

La base statunitense situata vicino ai più grandi giacimenti petroliferi della Siria orientale è stata per la terza volta negli ultimi dieci giorni.  

Le fonti hanno aggiunto che "la base, che comprende un certo numero di componenti degli eserciti dei paesi della presunta (coalizione internazionale), i quali hanno utilizzato missili portatili di difesa aerea, nel tentativo di contrastare l'attacco, ma ottenendo solo un catastrofico fallimento nel raggiungimento dell'obbiettivo."

Dopo l'attacco, le forze americane, hanno immediatamente iniziato una massiccia campagna di rastrellamento sulle città circostanti della campagna di Deir Ezzor con il supporto delle sedicente 'Forze democratiche siriane", FDS, a guida curda, con informazioni sull'arresto di un gruppo di giovani membri di tribù arabe e portati verso una destinazione sconosciuta.

Dal canto suo, il direttore del cosiddetto Farhad Shami responsabile mediatico delle FDS ha confermato l'attacco dei droni minimizzando i danni e l'entità dell'offensiva.

 

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti