NYT: Il 7 ottobre Hamas ha colpito base israeliana dotata di missili a capacità nucleare

NYT: Il 7 ottobre Hamas ha colpito base israeliana dotata di missili a capacità nucleare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dovrebbe essere una “non notizia” perché, "ufficialmente", Israele non dichiara di possedere armi nucleari. Una circostanza che può essere smentita solo dai suoi reggicoda.

Succede però che il The New York Times, così sono contenti i debunker, ieri, citando un'analisi delle immagini satellitari, riferisca di un razzo lanciato dai guerriglieri palestinesi durante l'attacco di Hamas del 7 ottobre scorso, che ha colpito una base militare israeliana dove erano custoditi missili con capacità nucleare.

Nell’articolo si precisa, sempre citando immagini satellitari della NASA, che un missile lanciato da Hamas ha colpito la base Sdot Micha, nel centro di Israele, poche ore dopo l’inizio dell’operazione “Tempesta di al Aqsa”.

Il razzo di Hamas non avrebbe colpito nessun missile nella struttura ma "si è avvicinato alle strutture di stoccaggio dei missili e ad altri armamenti sensibili".

L’attacco in questo sito, che contiene i missili Jericho, con un sistema radar e una batteria di missili di difesa aerea, è andato avanti per diverse ore ed è probabile che abbia anche eluso il noto sistema di difesa israeliano contro i razzi della Resistenza palestinese, Iron Drome.

Al media statunitense, Hans Kristensen, direttore del Progetto di Informazione Nucleare della Federazione degli Scienziati Americani, ha confermato che tra i 25 a 50 lanciamissili a testata nucleare Jericho potevano essere depositati nella base, pur precisando che erano conservati in modo da non poter essere colpiti.

Resta probabilmente il dubbio, che terrorizza sia Israele che il suo principale sponsor, ovvero  gli Stati uniti d’America, sul fatto che Hamas sapesse o meno delle presenza di missili israeliani a capacità nucleare.

Che Israele abbia delle armi nucleari è uno dei più grandi segreti di Pulcinella. Secondo una stima del Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma (SIPRI), Israele possiede 100 testate nucleari, 50 delle quali possono essere lanciate dai missili balistici Jericho III, con un'autonomia di 5500 chilometri.

A maggio del 2019, un ex funzionario dell'arsenale israeliano rivelò  al The New York Times che Tel Aviv aveva armi nucleari già nel 1967 ed era pronto ad usarle nella Guerra dei Sei Giorni.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti