Osce, il racconto delle persone torturate dai nazisti Azov

Osce, il racconto delle persone torturate dai nazisti Azov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Da un telefono satellittare dell'organizzazione ritrovato all'Azovstal (Mariupol) liberato, è emerso come l’Osce abbia aiutato i battaglioni neo-nazisti ucraini, segnalando le posizioni delle forze delle repubbliche indipendentiste del Donbass e contravvenendo allo spirito essenziale dell’organizzazione.

Eppure, in un documento dell’aprile del 2016 dal titolo: “War crimes of the armed forces and security forces of Ukraine: torture and inhumane treatment Second report” di "The Foundation for the Study of democracy" pubblicato proprio dall'Osce emerge con forza il livello di sadismo e di torture che i battaglioni neo-nazisti, oggi idolatrati da stampa e politica “liberal”, hanno inflitto alle popolazioni russofone dal golpe di Maidan del febbraio 2014.

Vi riportiamo alcuni passaggi tradotti anche se il consiglio è la lettura completa. Vi chiediamo, inoltre, la massima diffusione perché all'interno del documento dell'Osce trovate tutto quello che serve per far evaporare le tonnellate di fake news che vi hanno gettato contro in questi mesi.

 

----------------

 

Dal documento dell'Osce : “War crimes of the armed forces and security forces of Ukraine: torture and inhumane treatment Second report”

 

[...]

 

Robert Aniskin, "non avevo preso parte alle azioni militari e non mi ero arruolato nelle forze di autodifesa, né ero stato di guardia ad un posto di blocco. E 'stato il battaglione Azov che mi ha arrestato.
Mi hanno picchiato con i calci di fucile durante l'arresto. Poi mi hanno interrogato usando degli elettroshock e mi hanno picchiato .
Dopo di che sono stato portato alla SBU di Mariupol dove, con un sacchetto di plastica legato sopra la testa e le mani legate dietro la schiena, sono stato gettato nel seminterrato.
Rimasi così per più di 24 ore. Poi mi misero un'altra borsa sulla testa che fu tagliata così che potessi respirare e iniziai l'interrogatorio.
Sono stato gettato a terra e 3 o 4 uomini mi hanno preso a calci e a pugni con le nocche di ottone su tutto il corpo.
Il mio amico non è stato picchiato; invece, sua moglie e i miei parenti - mia madre, mia sorella e mia nipote - sono stati presi in ostaggio."
 
Ecco un racconto di un combattente per l'autodifesa, Yuriy Slusar che è stato picchiato con una catena di motosega e intimidito con minacce di violenza contro sua moglie e le figlie.
"Il 4 novembre sono stato arrestato dagli uomini Azov e SBU quando ero al lavoro nella città di Druzhkovka. Sono stato portato a Kramatorsk.
Mi hanno colpito alla testa e ai piedi con una catena, hanno sparato con una pistola vicino all'orecchio, hanno minacciato di spararmi in testa o di spararmi ai piedi. Mi hanno umiliato e hanno detto che mi avrebbero violentato.
Hanno minacciato di portare mia moglie e le mie figlie e torturarle davanti a me. Non ho potuto mangiare per tre giorni. L'unico cibo che ho avuto era acqua e fette biscottate."
 
Ecco ad esempio un racconto di German Mandrikov : "Io sono solo un civile, non avevo partecipato alle azioni militari ma gli investigatori della SBU mi hanno costretto a dichiararmi colpevole mediante tortura.
All'inizio di ottobre sono andato a trovare mia madre e sono stato arrestato da uomini sconosciuti.
Mi hanno portato all'aeroporto di Mariupol dove per tre giorni di fila ho subito torture bestiali. Hanno usato contro di me sia abusi psicologici che fisici: mi hanno inflitto scosse elettriche, mi hanno soffocato con un sacchetto di plastica, picchiato sui piedi con un ferro da stiro, mi hanno versato acqua gelida, ecc.
I torturatori avevano un distintivo Azov sulla divisa.
Hanno minacciato di violentare mia madre e mia moglie. Non potevo più sopportare il tormento e ho firmato alcuni documenti senza nemmeno leggerli."
 
Denis Gavrilin è un'altra vittima di tortura che è stata catturata dalla Guardia nazionale ucraina il 31 luglio 2014 e consegnata al battaglione Azov, descrive la stessa tecnica di tortura: "Sono stato bendato; mi hanno messo un panno sul viso e versato acqua. Non riuscivo a vedere nulla. E le mie mani erano ammanettate dietro la mia schiena. Mi tenevano la testa da dietro e versavano acqua sul panno che mi copriva il viso. Non so se stessero versando acqua da una teiera o da una bottiglia... mi sentivo come se stessi annegando. Poi mi hanno portato a... e poi hanno fatto la stessa cosa."
 

Anche Stanislav Shchedrovsky, un'altra vittima catturata dal battaglione Azov, descrive questo metodo di tortura:" Durante il pestaggio, le mie costole sono state rotte, la gabbia toracica spostata e i polmoni danneggiati.
Poi mi hanno portato in tribunale dove ho firmato, sotto minacce, alcuni documenti. Non ho nemmeno avuto la possibilità di leggerli .
Quelle persone continuavano a picchiarmi e minacciarmi. Mi hanno messo un panno umido sulla pelle e applicato scosse elettriche. È successo spesso. La mia gabbia toracica si è schiantata. Più tardi, ho avuto un intervento ai polmoni. Mi hanno percosso sulla testa e sulle mani. La mia testa si gonfiava, non riuscivo a muovere il braccio, e quasi tutte le mie costole erano rotte e il fegato spostato."
 
Yegor Kharitonov riferisce di essere stato torturato dal battaglione Azov per mezzo di scosse elettriche e dà un esempio della parte ucraina che rifiuta di consegnare un suo amico per lo scambio di prigionieri al fine di sopprimere le prove della tortura. " Sono stato portato all'aeroporto di Mariupol e picchiato da 3 o 4 persone del battaglione Azov.
Mi hanno colpito in testa con il calcio di un fucile d'assalto e anche sul naso e sulle mani; mi hanno dato un calcio all'inguine. Mi hanno calato in un buco di 3-4 metri di profondità e gettato detriti e pietre, cadendo sulla mia testa, schiena, braccia e gambe. Hanno sparato colpi sopra la mia testa, collegato i cavi ai miei piedi e fatto passare la corrente elettrica attraverso di loro.
Mi hanno bruciato con le loro sigarette e mi hanno tormentato. Poi sono stato portato alla SBU di Mariupol dove le percosse sono continuate.
Una delle vittime, Pavel Kartsev, fu catturata il 9 luglio e picchiata. "Anche la mia ragazza fu presa e portata alla base militare. L'hanno costretta ad attestare che ero il comandante di un'unità che stava abbattendo gli elicotteri.
Mi hanno detto che non avrebbe lasciato la base, che l'avrebbero violentata davanti a me e uccisa alla fine. Mi hanno dato fogli bianchi da firmare e mi hanno costretto a confessare di essere il comandante di quell'unità, e poi l'hanno lasciata andare."
 
Olga Seletskaya, attivista della società civile, afferma: "Da marzo 2014 partecipavo attivamente ai raduni tenuti a Mariupol. Ero un comandante della tendopoli situata vicino al Consiglio Comunale. Sono stata impegnata nella preparazione e nello svolgimento del referendum a Mariupol. Gli ufficiali del battaglione Azov mi hanno arrestato a Mariupol. Subito dopo, sono stata incappucciata e portata nell'area del villaggio di Rechnoy per l'esecuzione. Ho sentito sparare con una mitragliatrice sopra la mia testa. Dopodiché, mi hanno portato all'aeroporto di Mariupol, dove hanno cercato di costringermi a testimoniare mettendomi in testa un sacchetto di plastica che non mi permetteva di respirare . Volevano gettarmi in una fossa piena di cadaveri. Hanno minacciato di far male a mio figlio e alla mia famiglia."
 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti