Paolo Maddalena - Migrazioni, il sistema capitalistico non regge più a se stesso

Paolo Maddalena - Migrazioni, il sistema capitalistico non regge più a se stesso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

E’ orribile sentir dire ai poveri immigrati dall’Africa, addirittura dal nostro Presidente del Consiglio dei Ministri, Giorgia Meloni: “non partite: sarete rimpatriati”; “saranno adottate misure straordinarie”, come l’aumento dei Centri per il rimpatrio (praticamente un carcere duro), la chiusura dei  porti e simili altre terribili misure già previste dal feroce “Decreto Cutro”.

Questo spregiudicato ricorso alla durezza contro persone inermi che fuggono, con indicibili sofferenze, dal centro del continente africano, dove infuriano guerre, dittature, carestie, fame, mancanza di cibo e di acqua, è contro i nostri più profondi sentimenti di umanità e di rispetto dei diritti umani, sanciti peraltro dall’art. 2 Cost., e induce tutti gli italiani a indignarsi e a dissociarsi da questo riprovevole, inutile e dannoso atteggiamento.

Le condizione attuali degli Africani sono una conseguenza diretta del colonialismo europeo e dello sfruttamento delle loro risorse, assicurato da dittatori venduti agli interessi economici occidentali. Si tratta di un flusso inarrestabile, di certo paragonabile a altri fenomeni del genere verificatisi nella storia dell’umanità, ma dobbiamo capire che non si tratta affatto di un fenomeno che può fermarsi con operazioni di carattere paramilitare. Saggezza imporrebbe che l’Europa provveda unanime all’accoglienza, distribuendo gli immigrati nei vari Paesi, e incoraggiando l’integrazione. L’Europa deve rendersi conto che se ci troviamo di fronte a persone che mettono a repentaglio la loro vita, con la traversata del Mediterraneo (divenuto un cimitero) su imbarcazioni di fortuna, è perché esse fuggono da situazioni di reale impossibilità di vita.

Di fronte a chi tenta di salvare la vita non ci sono confini che tengano e ridicola appare la distinzione tra “migranti regolari e irregolari”, intendendo per “regolari” quelli chiamati in Italia da un datore di lavoro, secondo la superata legge Bossi Fini, emessa nel 2002. Sia ben chiaro che siamo di fronte alle conseguenze nefaste di un sistema capitalistico che non regge più di fronte alle conseguenze che esso stesso ha creato: l’accentramento della ricchezza nelle mani di pochi, la miseria di molti, lo sfruttamento senza limite delle risorse naturali e, infine, le guerre e il cambiamento climatico. Ma in natura esiste un “limite” e, come ricordava Orazio, “il giusto non può esistere contemporaneamente al di qua e al d là del limite”. Come ha osservato Lucio Caracciolo, tutto ci dice che “stiamo entrando in un tunnel”. Ci riflettano le grandi menti economiche europee che la Ursula Von der Leyen ha chiamato per aumentare la “competitività” dell’Europa.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti