Autonomia differenziata, fine della Repubblica indivisibile. Ma difendere la Carta è possibile

Autonomia differenziata, fine della Repubblica indivisibile. Ma difendere la Carta è possibile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La triste giornata del 19 giugno 2024 si è conclusa con l’approvazione di una legge ordinaria sulle autonomie differenziate e con una prima approvazione del disegno di legge costituzionale sul cosiddetto “premierato”: la prima caratterizzata dal principio della “divisione” del “popolo e del territorio italiani” in tanti “popoli e territori regionali” (piccoli staterelli), il secondo ispirato al principio inconfessabile della trasformazione della nostra democrazia in uno “Stato autocratico”.

Nel tripudio delle persone meno consapevoli e degli inveterati egoisti che amano solo se stessi e nulla sanno di patria, di solidarietà e di tutti i supremi valori consacrati in Costituzione, preferisco non parlare delle assurdità costituzionali e logico-giuridiche di questo scellerato evento, ma sottolineare soltanto che esso si concretizza mentre l’Ocse ci annuncia che i poveri assoluti hanno raggiunto i dieci milioni e quelli in povertà relativa non sono distanti dai quattro milioni, mentre sempre maggiore è il numero delle famiglie che non arriva a fine mese – e mentre, d’altro canto, l’Europa ci sottopone a un ennesimo procedimento di infrazione per eccesso di debito.

Occorrerebbe un’azione di governo unitaria, che raccogliesse tutte le forze economiche del Paese per realizzare un vero programma di sviluppo economico sull’intero territorio italiano, facendo nascere forti unioni di piccole imprese agricole e industriali, capaci di resistere all’invadenza concorrenziale delle multinazionali, e intervenendo direttamente con investimenti pubblici. Ma tutto questo è diventato estremamente problematico, sia perché non disponiamo più delle nostre validissime “aziende pubbliche” (che non dovevano fare profitti, ma solo coprire i costi, e non potevano fallire, e che peraltro costituivano il 70% delle fonti di produzione di ricchezza nazionale, una grande ricchezza che i nostri governi di destra e di sinistra hanno illogicamente e contro i più elementari canoni economici del tutto “privatizzato”); sia perché l’approvazione della legge sulle “autonomie differenziate” condizionerà fortemente le decisioni del governo in campo economico; sia, infine, perché l’eventuale approvazione del “premierato” concentrerà i poteri nel capo dell’esecutivo, il quale, dovendo, per la sua stessa esistenza, osservare i principi neoliberisti, certamente non sarà in grado di programmare un intervento dello Stato nell’economia.

E’ legge di natura, tuttavia, che ad ogni azione corrisponde una reazione eguale e contraria. E alcuni segni di reazione si sono cominciati ad avvertire con il voto per l’Europa e con le manifestazioni unitarie dei partiti della sinistra. E’ certamente un buon segno, ma occorre darsi molto da fare per difendere il fondamento della nostra democrazia, e cioè la nostra Costituzione repubblicana, che impone l’”eguaglianza economica e sociale”, l’“intervento dello Stato nell’economia”, la “salvaguardia dei posti di lavoro”, la tutela della “proprietà pubblica demaniale”, una “equa retribuzione dei lavoratori”, tutti elementi necessari per una effettiva ripresa economica. E difendere la Costituzione, prima che venga totalmente distrutta, è ancora possibile.

Infatti, mentre le Regioni danneggiate dall’approvazione della legge sulle “autonomie differenziate” possono ricorrere in via diretta alla Corte costituzionale, noi cittadini abbiamo la possibilità di far sentire la nostra voce nel probabile referendum costituzionale contro la modifica costituzionale sul “premierato”, far ricorso al referendum abrogativo contro la legge sulle “autonomie differenziate” e rimettere queste insulse leggi nelle mani della Corte costituzionale mediante ricorsi incidentali sollevati nei processi civili e amministrativi, che potremo promuovere non appena si verificheranno gli enormi danni economici e ambientali che queste due sciagurate leggi produrranno.

Paolo Maddalena

Paolo Maddalena

Giurista e magistrato, è vicepresidente emerito della Corte costituzionale e autore di importanti studi e sentenze sulla tutela dell'ambiente

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti