Parla l'ex Portavoce di Gheddafi: "La Libia è stata distrutta dalla brama dei leader occidentali di continuare a sfruttare le ricchezze dell'Africa"

Parla l'ex Portavoce di Gheddafi: "La Libia è stata distrutta dalla brama dei leader occidentali di continuare a sfruttare le ricchezze dell'Africa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il criminale intervento Nato del 2011 ha gettato la Libia nel caos e creato il maggior problema di sicurezza nazionale all'Italia laddove prima c'era il suo principale alleato del Mediterraneo. I colpevoli sono chiari e in questo paese vengono considerati "alleati". Se volete una ricostruzione dei fatti del 2011, le ragioni che hanno mosso l'invasione e le conseguenze che ancora oggi viviamo vi consigliamo di ascoltare con molta attenzione quest'intervista di RT all'ex portavoce di Gheddafi nel 2011.






Moussa Ibrahim dichiara al programma Going Underground come l'intervento della NATO in Libia del 2011, che si è concluso con il barbaro assassinio di Muammar Gheddafi, "è stato fatto per porre fine ai suoi tentativi di bloccare lo sfruttamento straniero del continente africano". La campagna di bombardamenti, che sostennero le forze ribelli, è stata giustificata  da notizie di vari crimini del suo governo. "In seguito si è dimostrato che erano completamente falsi o in gran parte esagerati", ha affermato Moussa Ibrahim. "La NATO non ha bombardato la Libia per fermare stupri di massa di donne da parte di lealisti del governo con l’aiuto del Viagra", con riferimento alla nota fake news dell'epoca. "Gheddafi ha cercato di rompere la presa occidentale sull'Africa ed è stato disposto per questo", ha proseguito.
 
"La Libia di Gheddafi ha avuto diverse iniziative che sono state dannose per gli obiettivi occidentali in Africa, tra cui la creazione di una nuova valuta supportata dall'oro, una banca centrale africana e una forza militare panafricana", ha proseguito Ibrahim al programma di RT, sottolineando che il caso della distruzione della Libia è simile a quello di molti altri paesi. “Guardate la Libia ora. Uccisioni, conflitti civili, guerre tribali, omicidi, terrorismo, rapina di ricchezza nazionale. Che cosa vi ricorda? Iraq, Siria, Afghanistan, Yemen. È la stessa storia che si ripete ogni volta", ha dichiarato Ibrahim.
 
"Infiammare le divisioni locali per indebolire una nazione bersaglio è una tattica perfezionata nel corso di decenni di colonialismo e post-colonialismo", ha proseguito. "È la gestione della crisi. Quello che fanno è entrare nel contesto di un paese e introdurre il caos attraverso la guerra, i conflitti interni, la divisione religiosa, l'occupazione - qualunque sia il mezzo scelto. E poi mantieni sempre il caos costante e così gestisci la crisi. "

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti