Assassino "Nato". Strage di Ustica: presidio mercoledì 6 davanti l'ambasciata francese

Assassino "Nato". Strage di Ustica: presidio mercoledì 6 davanti l'ambasciata francese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo invito alla mobilitazione per mercoledì 6 settembre alle 18 dinanzi l'Ambasciata francese a Roma promossa da: Cred, Giù le Mani dall'Africa, Contropiano, Unione Sindacale di Base, Rete NoWar, Cambiare Rotta, Opposizione Studentesca
d'Alternativa, Rete dei Comu nisti, Potere al Popolo, Rifondazione Comunista, Patria Socialista, Partito Comunista Italiano, Nuovo Ordine Internazionalista, Free Assange Roma, U.S. Citizens for Peace & Justice...


-------------


STRAGE DI USTICA. STATO FRANCESE, ASSASSINO “NATO”!


Un missile partito da un caccia francese, in un’operazione targata Nato, diretto a un leader scomodo del panafricanismo come Gheddafi, ma che colpisce un volo di linea con a bordo 81 persone. Il tutto con la complicità dei massimi vertici dello Stato, delle forze armate e dei generali italiani. 

È questa la verità storica sulla strage di Ustica emersa dall’intervista rilasciata da Giuliano Amato a un campione del giornalismo filoatlantico nostrano come "Repubblica". 

Amato ammette a distanza di 40 anni una verità che in realtà è ben presente nel corpo della storia negata del nostro paese, quella che passa dallo stragismo, dalla repressione delle opposizioni e dall’asservimento della politica all’imperialismo euroatlantico.

Nessun cedimento strutturale, nessun ordigno piazzato nell’aeromobile, ma un atto terroristico del governo francese, supportato logisticamente e politicamente dall’alleanza atlantica, in territorio italiano ai danni di un Capo di Stato africano, leader del panafricanismo e portatore di istanze di sganciamento del continente dalle ingerenze coloniali, neocoloniali e imperialiste dell’Occidente.

Durante questi 40 anni, lo Stato francese ha continuato a perpetrare politiche predatorie verso le “ex colonie” dell'Africa, trovando sempre più la forte risposta della parte più cosciente di alcuni Stati del continente.

La Nato ha continuato a esportare guerra e destabilizzazione, dal Mar Baltico all’Africa, passando per Balcani e Medio Oriente. L’assassinio di Gheddafi del 2011 è in linea di continuità con quanto pianificato nel 1980 nei cieli del nostro paese.

Da parte sua, in questa vicenda i vertici civili e militari dello Stato italiano emergono una volta di più come complici silenti dei crimini di guerra commessi nel mondo dall’Occidente, con l’“aggravante” che le 81 vittime in questione erano cittadini e lavoratori del nostro paese, da allora in attesa di giustizia. 

Contro i crimini dello Stato francese, le guerre della Nato e il silenzio complice dello Stato italiano, mercoledì 6 settembre alle ore 18:00, chiamiamo in presidio tutte le forze democratiche della città sotto l’Ambasciata di Francia a Roma, in piazza Farnese.

Verità e giustizia per le vittime della strage di Ustica e di tutte le “stragi di Stato”!
Fuori l’Italia dalla Nato e la Nato dall’Europa!
Libertà e autodeterminazione per i popoli d’Africa!

Promuovono: Cred, Giù le Mani dall'Africa, Contropiano, Unione Sindacale di Base, Rete NoWar, Cambiare Rotta, Opposizione Studentesca d'Alternativa, Rete dei Comunisti, Potere al Popolo, Rifondazione Comunista, Patria Socialista, Partito Comunista Italiano, Nuovo Ordine Internazionalista, Free Assange Roma, U.S. Citizens for Peace & Justice.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti