Pepe Escobar - Come i BRICS + stanno costruendo la discesa del dollaro

Pepe Escobar - Come i BRICS + stanno costruendo la discesa del dollaro

La notizia della connessione delle banche russe al sistema di messaggistica finanziaria iraniano rafforza la resistenza contro le sanzioni imposte dagli Stati Uniti a entrambi i Paesi e accelera la de-dollarizzazione globale.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

L'accordo tra le Banche Centrali di Russia e Iran, firmato formalmente il 29 gennaio, che collega i loro sistemi di trasferimento interbancario, cambia le carte in tavola sotto più punti di vista.

Tecnicamente, d'ora in poi 52 banche iraniane che già utilizzano il SEPAM, il sistema di telecomunicazione interbancario iraniano, si collegheranno con 106 banche che utilizzano lo SPFS, l'equivalente russo del sistema di messaggistica bancaria occidentale SWIFT.

Meno di una settimana prima dell'accordo, il presidente della Duma di Stato Vyachslav Volodin si trovava a Teheran per supervisionare i dettagli dell'ultimo minuto, nell'ambito di una riunione della Commissione interparlamentare per la cooperazione Russia-Iran: era irremovibile che entrambe le nazioni dovessero aumentare rapidamente gli scambi nelle proprie valute.

 

Commercio rublo-rial

Confermando che la quota di rublo e rial nei regolamenti reciproci supera già il 60%, Volodin ha sancito il successo dell'"uso congiunto dei sistemi di pagamento nazionali Mir e Shetab". Questo non solo aggira le sanzioni occidentali, ma è in grado di "risolvere le questioni relative alla cooperazione reciprocamente vantaggiosa e all'aumento degli scambi commerciali".

È molto probabile che il rublo diventi la valuta principale negli scambi bilaterali, secondo l'ambasciatore iraniano a Mosca, Kazem Jalali: "Ora più del 40% degli scambi tra i nostri Paesi avviene in rubli".

Jalali ha anche confermato, in modo cruciale, che Teheran è a favore del rublo come valuta principale in tutti i meccanismi di integrazione regionale. Si riferiva in particolare all'Unione economica eurasiatica (UEEA) guidata dalla Russia, con cui l'Iran sta concludendo un accordo di libero scambio.

L'accordo SEPAM-SPFS inizia con un programma pilota supervisionato dalla Shahr Bank iraniana e dalla VTB Bank russa. Altri istituti di credito entreranno in gioco una volta che il programma pilota avrà eliminato eventuali bug.

Il vantaggio principale è che SEPAM e SPFS sono immuni dalle sanzioni statunitensi e occidentali imposte senza pietà a Teheran e Mosca. Una volta che l'accordo completo sarà operativo, tutte le banche iraniane e russe potranno essere interconnesse.

Non c'è da stupirsi che il Sud Globale stia prestando molta attenzione. È probabile che questo diventi un caso emblematico per aggirare la SWIFT con sede in Belgio – che è essenzialmente controllata da Washington e, in misura minore, dall'UE. Il successo di SEPAM-SPFS incoraggerà sicuramente altri accordi bilaterali o addirittura multilaterali tra Stati.

 

È tutta una questione del INSTC

Le banche centrali dell'Iran e della Russia stanno anche lavorando per creare una moneta stabile per il commercio estero, che sostituisca il dollaro USA, il rublo e il rial. Si tratterebbe di una moneta digitale sostenuta dall'oro, da utilizzare soprattutto nella Zona Economica Speciale (ZES) di Astrakhan, nel Mar Caspio, già molto attiva nel movimentare numerosi carichi iraniani.

Astrakhan è infatti l'hub russo chiave del Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC), una vasta rete di rotte navali, ferroviarie e stradali che aumenterà drasticamente il commercio dalla Russia – ma anche da parti dell'Europa – attraverso l'Iran verso l'Asia occidentale e l'Asia meridionale, e viceversa.

E questo riflette l'intera dimensione geoconomica dell'accordo SEPAM-SPFS. La Banca centrale russa si è mossa per tempo per creare SPFS nel 2014, quando Washington ha iniziato a minacciare Mosca di espulsione da SWIFT. La fusione con il SEPAM iraniano apre un orizzonte del tutto nuovo, soprattutto alla luce della ratifica dell'Iran come membro a pieno titolo dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) e ora candidato principale a entrare nel club allargato dei BRICS+.

Già tre mesi prima dell'accordo SEPAM-SPFS, il rappresentante commerciale russo in Iran, Rustam Zhiganshin, lasciava intendere che la decisione di "creare un analogo del sistema SWIFT" era cosa fatta.

Teheran stava preparando l'infrastruttura per entrare nel sistema di pagamento russo Mir dall'estate scorsa. Ma dopo che Mosca è stata colpita da durissime sanzioni occidentali e le banche russe sono state tagliate fuori da SWIFT, Teheran e Mosca hanno deciso, strategicamente, di concentrarsi sulla creazione di un proprio sistema non-SWIFT per i pagamenti transfrontalieri.

Tutto ciò si ricollega al ruolo geoeconomico immensamente strategico dell'INSTC, che rappresenta un corridoio commerciale molto più economico e veloce della vecchia rotta del Canale di Suez.

 

La Russia è il principale investitore estero dell'Iran

Secondo il viceministro delle Finanze iraniano Ali Fekri, inoltre, la Russia è diventata il più grande investitore straniero dell'Iran: questo include "2,7 miliardi di dollari di investimenti in due progetti petroliferi nella provincia occidentale iraniana di Ilam negli ultimi 15 mesi". Si tratta di circa il 45% del totale degli investimenti stranieri in Iran nel periodo ottobre 2021 – gennaio 2023.

Naturalmente l'intero processo è nelle sue fasi iniziali – dato che il commercio bilaterale Russia-Iran ammonta a soli 3 miliardi di dollari all'anno. Ma un boom è inevitabile, grazie all'effetto cumulativo delle interazioni SEPAM-SPFS, INSTC e UEEA, e soprattutto alle ulteriori iniziative per sviluppare la capacità energetica, la logistica e le reti di trasporto dell'Iran, attraverso l'INSTC.

I progetti russi in Iran sono molteplici: energia, ferrovie, industria automobilistica e agricoltura. Parallelamente, l'Iran fornisce alla Russia prodotti alimentari e automobilistici.

Ali Shamkhani, segretario del Consiglio supremo di sicurezza nazionale iraniano, ama ricordare che la Russia e l'Iran "svolgono ruoli complementari nell'energia globale e nel transito delle merci". L'accordo di libero scambio (FTA) Iran-UEEA è quasi ultimato – e prevede tariffe zero per oltre 7.500 prodotti.

Nel 2022, l'UEEA ha scambiato merci per un valore di oltre 800 miliardi di dollari. Il pieno accesso dell'Iran all'UEEA avrà un valore inestimabile in termini di accesso al mercato di vaste aree dell'Eurasia e di aggiramento delle sanzioni statunitensi. Secondo una proiezione realistica, Teheran potrà contare su 15 miliardi di dollari di scambi annuali con i cinque membri dell'UEEA in cinque anni, non appena l'Iran diventerà il sesto membro.

 

L'eredità di Samarcanda

Tutto ciò che stiamo seguendo ora è per molti versi una conseguenza diretta del vertice SCO di Samarcanda dello scorso settembre, quando il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping, in persona, hanno scommesso sul rafforzamento del mondo multipolare, mentre l'Iran ha firmato un memorandum per entrare nella SCO.

I colloqui privati di Putin con il Presidente iraniano Ebrahim Raisi a Samarcanda sono stati all'insegna di una strategia profonda.

L'INSTC è assolutamente cruciale in questa equazione generale. Sia la Russia che l'Iran stanno investendo almeno 25 miliardi di dollari per potenziarne le capacità.

Le navi che navigano sui fiumi Don e Volga hanno sempre commerciato energia e prodotti agricoli. Ora la Maritime News Agency iraniana ha confermato che la Russia concederà alle proprie navi il diritto di passaggio lungo le vie navigabili interne del Don e del Volga.

Nel frattempo, l'Iran si è già affermato come terzo importatore di grano russo. D'ora in poi, il commercio di turbine, polimeri, forniture mediche e parti di automobili andrà a gonfie vele.

Teheran e Mosca hanno firmato un contratto per la costruzione di una grande nave da carico per l'Iran da utilizzare nel porto caspico di Solyanka. Inoltre, la RZD logistics, una filiale delle ferrovie russe RZD, gestisce regolarmente treni cargo per container da Mosca all'Iran. Il Russian Journal for Economics prevede che il solo traffico merci sull'INTSC potrebbe raggiungere i 25 milioni di tonnellate entro il 2030, con un aumento di ben 20 volte rispetto al 2022.

All'interno dell'Iran, nuovi terminali sono quasi pronti per il trasporto di merci dalle navi alle ferrovie che attraversano il Paese dal Caspio al Golfo Persico. Sergey Katrin, capo della Camera di commercio e dell'industria russa, è fiducioso che, una volta avviato l'accordo di libero scambio con l'UEEA, il commercio bilaterale possa presto raggiungere i 40 miliardi di dollari all'anno.

I piani di Teheran sono estremamente ambiziosi, inseriti in un quadro di "Asse orientale" che privilegia gli Stati regionali Russia, Cina, India e Asia centrale.

Dal punto di vista geostrategico e geoeconomico, ciò implica un'interconnessione senza soluzione di continuità tra INSTC, UEEA, SCO e BRICS+. E tutto questo è coordinato dall'unico Quartetto che conta davvero: Russia, Cina, India e Iran.

Naturalmente ci saranno problemi. L'intrattabile conflitto tra Armenia e Azerbaigian potrebbe far deragliare l'INSTC: ma si noti che i collegamenti tra Russia e Iran attraverso il Caspio possono facilmente aggirare Baku in caso di necessità.

 

I BRICS+ costruiranno la discesa del dollaro

Oltre a Russia e Iran, anche Russia e Cina stanno cercando da anni di interfacciare i loro sistemi di messaggistica bancaria. Il CBIBPS (Cross-Border Inter-Bank Payments System) cinese è considerato di prim'ordine. Il problema è che Washington ha minacciato direttamente di espellere le banche cinesi da SWIFT se si interconnettono con le banche russe.

Il successo di SEPAM-SPFS potrebbe consentire a Pechino di andare al verde – soprattutto ora, dopo la durissima guerra dei semiconduttori e la grottesca farsa del palloncino. In termini di sovranità, è chiaro che la Cina non accetterà restrizioni da parte degli Stati Uniti su come muovere i propri fondi.

Parallelamente, i BRICS nel 2023 approfondiranno lo sviluppo di un sistema di pagamenti finanziari reciproci e di una propria valuta di riserva. Ci sono non meno di 13 candidati confermati che desiderano entrare a far parte dei BRICS+, comprese le medie potenze asiatiche come l'Iran, l'Arabia Saudita e l'Indonesia.

Tutti gli occhi saranno puntati sul fatto se – e come – gli Stati Uniti, indebitati per oltre 30.000 bilioni di dollari, minacceranno di espellere i BRICS+ da SWIFT.

È illuminante ricordare che il rapporto debito/PIL della Russia è solo del 17%. Quello della Cina è del 77%. Gli attuali BRICS senza la Russia sono al 78%. I BRICS+, compresa la Russia, potrebbero avere una media del 55%. Una forte produttività in futuro verrà da un BRICS+ sostenuto da una valuta basata sull'oro e/o sulle materie prime e da un sistema di pagamento diverso che escluda il dollaro USA. Una forte produttività non verrà di certo dall'Occidente collettivo, le cui economie stanno entrando in un periodo di recessione.

In mezzo a tanti sviluppi intrecciati e a tante sfide, una cosa è certa. L'accordo SEPAM-SPFS tra Russia e Iran potrebbe essere solo il primo segnale del movimento delle placche tettoniche nei sistemi bancari e di pagamento globali.

Benvenuti a uno, due, mille sistemi di messaggistica di pagamento. E benvenuti alla loro unificazione in una rete globale. Naturalmente ci vorrà del tempo. Ma questo treno finanziario ad alta velocità ha già lasciato la stazione.

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti