Pepe Escobar - Il discorso "civilizzatore" di Putin inquadra lo scontro tra Est e Ovest

Pepe Escobar - Il discorso "civilizzatore" di Putin inquadra lo scontro tra Est e Ovest

Nel suo discorso all'Assemblea federale, il Presidente Putin ha sottolineato che la Russia non è solo uno Stato nazionale indipendente, ma anche una civiltà distinta con una propria identità, che è in conflitto e si oppone attivamente ai valori della "civiltà occidentale".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

L'atteso discorso del Presidente russo Vladimir Putin all'Assemblea federale russa di martedì scorso va interpretato come un tour de force della sovranità.

Il discorso, significativamente, ha segnato il primo anniversario del riconoscimento ufficiale da parte della Russia delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, a poche ore dal 22 febbraio 2022. In una miriade di modi, ciò che è accaduto un anno fa ha segnato anche la nascita del vero mondo multipolare del XXI secolo.

Poi, due giorni dopo, Mosca ha lanciato l'Operazione militare speciale (OMS) in Ucraina per difendere queste repubbliche.

Tranquillo, rilassato e composto, senza un accenno di aggressività, il discorso di Putin ha dipinto la Russia come una civiltà antica, indipendente e ben distinta – a volte seguendo un percorso di concerto con altre civiltà, a volte in divergenza.

L'Ucraina, parte della civiltà russa, è ora occupata dalla civiltà occidentale, che secondo Putin "ci è diventata ostile", come già accaduto in passato. Quindi la fase acuta di quella che è essenzialmente una guerra per procura dell'Occidente contro la Russia si svolge sul corpo della civiltà russa.

Questo spiega la precisazione di Putin: "La Russia è un Paese aperto, ma con una civiltà indipendente – non ci consideriamo superiori, ma abbiamo ereditato la nostra civiltà dai nostri antenati e dobbiamo trasmetterla."

Una guerra che dilapida il corpo della civiltà russa è un affare esistenziale serio. Putin ha anche chiarito che "l'Ucraina viene usata come strumento e terreno di prova dall'Occidente contro la Russia". Quindi l'inevitabile seguito: "Più armi a lungo raggio vengono inviate in Ucraina, più a lungo dobbiamo allontanare la minaccia dai nostri confini".

Traduzione: questa guerra sarà lunga – e dolorosa. Non ci sarà una vittoria rapida con una minima perdita di sangue. Le prossime mosse intorno al Dnepr potrebbero richiedere anni per essere consolidate. A seconda che la politica statunitense continui ad aderire agli obiettivi neoconservatori e neoliberali, la linea del fronte potrebbe essere spostata a Leopoli. Ma la politica tedesca potrebbe cambiare. Il normale commercio con Francia e Germania potrebbe essere recuperato solo alla fine del prossimo decennio.


LEGGI: Discorso di Putin del 21 febbraio. Traduzione integrale in italiano

 

Esasperazione del Cremlino: START è finito

Tutto ciò ci porta ai giochi dell'Impero delle Menzogne. Dice Putin: "Le promesse... dei governanti occidentali si sono trasformate in falsificazioni e crudeli bugie. L'Occidente ha fornito armi, ha addestrato battaglioni nazionalisti. Anche prima dell'inizio della SMO, c'erano negoziati... sulla fornitura di sistemi di difesa aerea... Ricordiamo i tentativi di Kiev di ottenere armi nucleari."

Putin ha chiarito, ancora una volta, che l'elemento di fiducia tra la Russia e l'Occidente, soprattutto gli Stati Uniti, non c'è più. È quindi una decisione naturale per la Russia "ritirarsi dal trattato sulle armi strategiche offensive, ma non lo facciamo ufficialmente. Per ora interrompiamo solo la nostra partecipazione al trattato START. Non possono essere consentite ispezioni statunitensi nei nostri siti nucleari".

Per inciso, dei tre principali trattati sulle armi tra Stati Uniti e Russia, Washington ne ha abbandonati due: Il trattato sui missili anti-balistici (ABM) è stato abbandonato dall'amministrazione dell'ex presidente George W. Bush nel 2002, e il trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) è stato annientato dall'ex presidente Donald Trump nel 2019.

Questo dimostra il grado di esasperazione del Cremlino. Putin è persino pronto a ordinare al Ministero della Difesa e a Rosatom di prepararsi a testare le armi nucleari russe se gli Stati Uniti percorreranno per primi la stessa strada.

In tal caso, la Russia sarà costretta a rompere completamente la parità nella sfera nucleare e ad abbandonare la moratoria sui test nucleari e la cooperazione con altre nazioni per quanto riguarda la produzione di armi nucleari. Finora, il gioco degli Stati Uniti e della NATO consisteva nell'aprire una piccola finestra che permettesse loro di ispezionare i siti nucleari russi.

Con la sua mossa di judo, Putin ha riportato la pressione sulla Casa Bianca.

Gli Stati Uniti e la NATO non saranno esattamente entusiasti quando la Russia inizierà a testare le sue nuove armi strategiche, in particolare il Poseidon – il più grande siluro a propulsione nucleare mai utilizzato, in grado di scatenare terrificanti ondate radioattive nell'oceano.

Sul fronte economico: L'aggiramento del dollaro USA è il gioco essenziale verso il multipolarismo. Durante il suo discorso, Putin ha esaltato la resistenza dell'economia russa: "Il PIL russo nel 2022 è diminuito solo del 2,1%, le stime della parte avversa non sono diventate realtà, si parlava del 15, 20 per cento." Questa resilienza dà alla Russia abbastanza spazio per "lavorare con i partner per rendere il sistema dei regolamenti internazionali indipendente dal dollaro USA e dalle altre valute occidentali. Il dollaro perderà il suo ruolo universale".

Sulla geoeconomia: Putin si è speso in elogi dei corridoi economici, dall'Asia occidentale all'Asia meridionale: "Verranno costruiti nuovi corridoi, vie di trasporto verso est, questa è la regione dove concentreremo il nostro sviluppo, nuove autostrade verso il Kazakistan e la Cina, nuovi corridoi nord-sud verso il Pakistan, l'Iran."

E questi si collegheranno alla Russia sviluppando "i porti del Mar Nero e del Mar d'Azov, è necessario costruire corridoi logistici all'interno del Paese". Il risultato sarà una progressiva interconnessione con il Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC), i cui committenti includono Iran e India, e infine con l'Iniziativa Belt and Road (BRI) della Cina, dal valore di bilioni di dollari.

 

Il piano della Cina per la sicurezza globale 

 

È inevitabile che, oltre a delineare diverse politiche statali orientate allo sviluppo interno della Russia – si potrebbero addirittura paragonare alle politiche socialiste – gran parte del discorso di Putin si sia concentrato sulla guerra NATO-Russia fino all'ultima Ucraina.

Putin ha sottolineato come "le nostre relazioni con l'Occidente si siano degradate, e questo è interamente colpa degli Stati Uniti"; come l'obiettivo della NATO sia quello di infliggere una "sconfitta strategica" alla Russia; e come la frenesia guerrafondaia lo abbia costretto, una settimana fa, a firmare un decreto per "mettere in servizio di combattimento nuovi complessi strategici terrestri".

Non è quindi un caso che l'ambasciatore statunitense sia stato immediatamente convocato al Ministero degli Affari Esteri subito dopo il discorso di Putin.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto senza mezzi termini all'ambasciatore Lynne Tracey che Washington deve prendere misure concrete: tra queste, allontanare tutte le forze e le attrezzature militari statunitensi e della NATO dall'Ucraina. Con una mossa strabiliante, ha chiesto una spiegazione dettagliata della distruzione dei gasdotti Nord Stream 1 e 2, nonché la cessazione dell'interferenza degli Stati Uniti in un'inchiesta indipendente per identificare i responsabili.

Per mantenere lo slancio a Mosca, l'alto diplomatico cinese Wang Yi ha incontrato il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev, prima di parlare con Lavrov e Putin. Patrushev ha osservato che "il percorso verso lo sviluppo di un partenariato strategico con la Cina è una priorità assoluta per la politica estera della Russia". Wang Yi, in modo non così criptico, ha aggiunto: "Mosca e Pechino devono sincronizzare i loro orologi."

Gli americani stanno facendo di tutto per cercare di anticipare la proposta cinese per una de-escalation in Ucraina. Il piano cinese dovrebbe essere presentato questo venerdì e c'è il serio rischio che Pechino cada nella trappola tesa dalla plutocrazia occidentale.

Troppe "concessioni" cinesi alla Russia, e non altrettante all'Ucraina, potrebbero essere utilizzate per creare un cuneo tra Mosca e Pechino (Divide et impera, che è sempre il piano A degli Stati Uniti. Non c'è un piano B).

Intuendo le acque, i cinesi stessi hanno deciso di passare all'offensiva, presentando un Documento concettuale sull'Iniziativa di sicurezza globale.

Il problema è che Pechino attribuisce ancora troppo potere a un'ONU senza denti, quando si riferisce alla "formulazione di una Nuova Agenda per la Pace e di altre proposte avanzate nella Nostra Agenda Comune dal Segretario Generale dell'ONU".

Lo stesso quando Pechino sostiene il consenso che "una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta". Provate a spiegarlo agli psicopatici neocon straussiani della Beltway, che non sanno nulla di guerre, tanto meno di quelle nucleari.

I cinesi affermano la necessità di "rispettare la dichiarazione congiunta sulla prevenzione della guerra nucleare e sull'evitare la corsa agli armamenti rilasciata dai leader dei cinque Stati dotati di armi nucleari nel gennaio 2022". E di "rafforzare il dialogo e la cooperazione tra gli Stati dotati di armi nucleari per ridurre il rischio di guerra nucleare".

Si può scommettere che Patrushev abbia spiegato dettagliatamente a Wang Yi come questo sia solo un pio desiderio. La "logica" dell'attuale "leadership" collettiva occidentale è stata espressa, tra gli altri, dall'irredimibile mediocrità di Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO: persino la guerra nucleare è preferibile a una vittoria russa in Ucraina.

Il discorso misurato ma fermo di Putin ha chiarito che la posta in gioco è sempre più alta. E tutto ruota attorno a quanto l'"ambiguità strategica" della Russia – e della Cina – sia in grado di pietrificare un Occidente paranoico che flirta con le nuvole a fungo.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti