Pepe Escobar - Il Grande Disegno dietro il Giro di Viktor il Mediatore

Pepe Escobar - Il Grande Disegno dietro il Giro di Viktor il Mediatore

Il Quadro Generale rimane: il futuro dell'"ordine internazionale basato sulle regole" si sta decidendo nel suolo nero della Novorossia.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Viktor Orbán sta proprio facendo faville.

E questo ha scatenato un ottovolante sfrenato.

Tutti sono stati attanagliati dallo straordinario spettacolo di esemplari preistorici che sguazzano nella palude geopolitica occidentale e che raggiungono le profondità dell'Isteriastan alla vista del giro della pace del Primo Ministro ungherese che si sposta dall'Ucraina e dalla Russia alla Cina.

E farlo alla vigilia del 75° anniversario della NATO, il Robocop Globale guerrafondaio, deve essere il massimo dell'affronto.

L'incontro di 3 ore tra Putin e Viktor il Mediatore a Mosca è stato davvero notevole. Questi potrebbero essere i tre punti principali di Putin:

 

  1. Kiev non può accettare l'idea di un cessate il fuoco perché ciò eliminerebbe il pretesto per estendere la legge marziale.
  2. Se Kiev pone fine alla legge marziale, dovrà indire le elezioni presidenziali. Le possibilità di vittoria delle attuali autorità ucraine sono prossime allo zero.
  3. Non ci dovrebbe essere una tregua per un ulteriore armamento di Kiev: Mosca vuole una fine completa e definitiva.

 

In confronto, questi potrebbero essere i tre punti principali di Orbán:

 

  1. Le posizioni della Russia e dell'Ucraina sono molto lontane l'una dall'altra, c'è molto da fare.
  2. La guerra in Ucraina ha iniziato ad avere un impatto sull'economia europea e sulla sua competitività (per quanto la "leadership" dell'UE possa negarlo).
  3. "Ho sentito cosa pensa Putin delle iniziative di pace esistenti, del cessate il fuoco e dei negoziati, e della visione dell'Europa dopo la guerra".

 

Orbán ha anche sottolineato l'ermetica segretezza che precede l'incontro, in quanto "i mezzi di comunicazione sono sotto la totale sorveglianza dei Pezzi Grossi".

Ha descritto la ricerca di una soluzione in Ucraina come un suo "dovere cristiano". E ha detto di aver posto tre domande dirette a Putin: se i colloqui di pace sono possibili; se un cessate il fuoco prima del loro inizio è realistico; e come potrebbe essere l'architettura di sicurezza dell'Europa.

Putin, ha detto Orbán, ha risposto a tutte e tre.

Il punto cruciale – non per i guerrafondai, ma per la Maggioranza Globale – è stata la descrizione che Orbán ha fatto di Putin:

"In tutti i negoziati con lui, è sempre di buon umore – questa è la prima cosa. In secondo luogo, è più che razionale al 100%. Quando negozia, quando inizia a spiegare, quando fa un'offerta, dicendo sì o no, è super, super razionale. Come altro si può dire in ungherese? Imperturbabile, riservato, attento e puntuale. Ha disciplina. Quindi è una vera sfida negoziare con lui ed essere pronti a raggiungere il suo livello intellettuale e politico."

 

Il nuovo sistema di sicurezza dell'Eurasia

Tutto ciò si ricollega al concetto di un nuovo sistema di sicurezza per l'Eurasia proposto il mese scorso da Putin e che è stato uno dei temi principali di discussione al vertice dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) tenutosi ad Astana la scorsa settimana.

Putin ha sottolineato il ruolo centrale della SCO nel processo, affermando che "è stata presa la decisione di trasformare la struttura regionale antiterrorismo della SCO in un centro universale incaricato di rispondere all'intera gamma di minacce alla sicurezza".

In poche parole: la SCO sarà probabilmente il nodo chiave del nuovo assetto di sicurezza indivisibile dell'Eurasia. È una cosa enorme.

Tutto è iniziato con il concetto di Greater Eurasian Partnership, proposto da Putin nel 2015 e concettualizzato da Sergey Karaganov nel 2018. Putin lo ha portato a un altro livello nell'incontro con i principali diplomatici russi a giugno: è ora di istituire serie garanzie bilaterali e multilaterali per la sicurezza collettiva eurasiatica.

Secondo Putin, questa dovrebbe essere un'architettura di sicurezza aperta a "tutti i Paesi eurasiatici che desiderano partecipare", compresi "i Paesi europei e della NATO".

E dovrebbe portare alla "graduale eliminazione" della presenza militare di "potenze esterne in Eurasia", parallelamente alla "creazione di alternative ai meccanismi economici controllati dall'Occidente, all'espansione dell'uso delle valute nazionali nei regolamenti e alla creazione di sistemi di pagamento indipendenti".

In poche parole: un completo rinnovamento geopolitico e tecnico-militare, oltre che geoeconomico (l'importanza di sviluppare corridoi di trasporto internazionali alternativi come l'INSTC).

L'Incaricato d'affari della Missione russa presso l'UE, Kirill Logvinov, ha cercato di informare gli europei la scorsa settimana, sotto il titolo "Nuova architettura di sicurezza per il continente eurasiatico".

Logvinov ha spiegato come "il concetto di sicurezza euro-atlantica sia crollato. Basato sul dominio degli Stati Uniti e della NATO, il quadro di sicurezza regionale europeo non è riuscito a garantire l'attuazione pratica del principio della 'sicurezza indivisibile per tutti'".

Un futuro sistema di sicurezza e cooperazione in Eurasia costituirà quindi "il fondamento dell'architettura di sicurezza globale in un mondo multipolare basato sui principi della Carta delle Nazioni Unite e sullo stato del diritto internazionale".

E il Grande partenariato eurasiatico costituirà la base economica e sociale di questo nuovo sistema di sicurezza eurasiatico.

L'inferno si congelerà prima che l'UE/NATO accetti la nuova realtà. Ma il fatto è che lo spazio di sicurezza reciproca già emergente all'interno della SCO dovrebbe rendere l'Eurasia – meno la penisola dell'Europa occidentale, almeno per il prossimo futuro – più solida in termini di stabilità strategica delle Grandi Potenze.

Alla fine, toccherà all'Europa – piuttosto all'estrema Eurasia occidentale: o rimanete come umili vassalli sotto l'Egemone in declino, o Guardate a Est per un futuro sovrano e dinamico.

 

Il piano russo contro tutti gli altri piani

È in questo Quadro Generale che va compreso il piano di pace di Putin per l'Ucraina – annunciato il 14 giugno davanti alla crème de la crème dei diplomatici russi. Orbán l'ha certamente capito.

Qualsiasi altro piano – ad eccezione dell'offerta cinese rivista, ed è per questo che Orbán è andato a Pechino – è irrilevante, dal punto di vista di Mosca.

Naturalmente il Team Trump ha dovuto proporre un proprio piano incentrato sulla NATO. Non è esattamente un regalo agli europei sprovveduti.

Sotto Trump, il ruolo della NATO cambierà: diventerà una forza "ausiliaria" in Europa. Washington manterrà ovviamente i suoi nodi nell'Impero delle Basi – in Germania, Regno Unito, Turchia – ma le forze di terra, i veicoli blindati, l'artiglieria, la logistica, tutto, costi elevati compresi, sarà interamente pagato dalle vacillanti economie europee.

Sotto il coordinamento del consigliere di Trump per la strategia di difesa nazionale, Elbridge Colby, la nuova amministrazione avrebbe promesso a Putin di impegnarsi "a non espandere la NATO a est". Inoltre, Trump sembra essere pronto a "considerare concessioni territoriali" alla Russia.

Come se Mosca pregasse all'unisono per ottenere "concessioni" da un presidente americano notoriamente inaffidabile.

Il senso di questo piano è che con Trump 2.0 la principale "minaccia" per gli Stati Uniti sarà la Cina, non la Russia.

A soli quattro mesi dalle elezioni presidenziali americane, e con il cadavere alla Casa Bianca sul punto di essere gettato – soprattutto dai potenti donatori – sotto l'autobus (della casa di riposo), finalmente anche la folla degli zombie ha capito che il sogno di infliggere una sconfitta strategica alla Russia è finito.

Tuttavia, i democratici di Washington e i loro scombinati vassalli della NATO sono disperati nell'imporre uno scenario coreano: un finto cessate il fuoco e un congelamento lungo le attuali linee del fronte.

In questo caso, l'inferno si congelerà prima che Mosca accetti un "piano di pace" che preservi la possibilità che un'Ucraina un po' ridotta a tronco entri nella NATO e nell'UE nel prossimo futuro, oltre a preservare un esercito ucraino nuovamente armato sul fronte occidentale della Russia.

Un congelamento della guerra ora si traduce in una nuova guerra tra due o tre anni con una Kiev enormemente riarmata. Questo non accadrà, poiché l'imperativo assoluto di Mosca è un'Ucraina neutrale, completamente smilitarizzata, oltre alla fine della furia ufficiale di de-russificazione.

Orbán non starebbe giocando al gioco della NATO nel tentativo di "persuadere" la Russia – e la Cina – a una tregua, con Pechino che fa pressione su Mosca. A differenza dei suoi sprovveduti partner dell'UE, Orbán potrebbe aver imparato una o due cose sul partenariato strategico Russia-Cina.

I prossimi quattro mesi saranno frenetici, sia sul fronte dei negoziati che su quello dei cripto-negoziati. La guerra probabilmente non finirà nel 2024. E lo scenario di una lunga e orrenda guerra pluriennale potrebbe – e la parola chiave è "potrebbe" – essere dissipato solo con un Trump 2.0: e questo, sui cadaveri collettivi dello Stato Profondo.

Il Quadro Generale rimane: il futuro dell'"ordine internazionale basato sulle regole" si sta decidendo nel suolo nero della Novorossia. È l'Ordine unipolare contro l'Ordine multipolare e multinodale.

La NATOstan non è nella posizione di poter dettare alla Russia alcuna patetica giaculatoria. L'offerta di Putin è stata l'ultima. Non la accetta? La guerra continuerà – fino alla resa totale.

A Mosca non si illudono affatto che l'Occidente collettivo possa accettare l'offerta di Putin. Sergey Naryshkin, capo dell'SVR, è stato schietto: le condizioni non potranno che peggiorare. Putin ha annunciato solo il "livello più basso" delle condizioni di Mosca.

Orbán potrebbe aver capito che, in base alle reali condizioni per un accordo di pace, le regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson verranno cedute alla Russia lungo i loro confini amministrativi originali; l'Ucraina sarà neutrale, priva di armi nucleari e non allineata; tutte le sanzioni collettive dell'Occidente saranno revocate e i fondi congelati della Russia saranno restituiti.

Prima che tutto questo accada – un'eventualità così remota – la Russia ha tutto il tempo. La priorità ora è il successo del vertice BRICS che si terrà a Kazan il prossimo ottobre. I nuovi assistenti presidenziali Nikolai Patrushev e A. Dyumin, insieme al nuovo ministro della Difesa Belousov, stanno affinando la Strategia Quadro Generale.

Nel frattempo, c'è sempre quello spettacolo della NATO – come spettacolo secondario. Così pacifico, così benevolo, così democratico. Valori di produzione proprio top. Una figata da morire!

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti