Pepe Escobar – Il punto di svolta di Kharkov

Pepe Escobar – Il punto di svolta di Kharkov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Strategic Culture

[Tradotto dall'inglese da Nora Hoppe]

 

È una guerra esistenziale. Una faccenda di "fare o morire".

Le guerre non si vincono con gli psyops. Chiedete alla Germania nazista. Tuttavia, è stato uno spasso guardare i media della NATOstan su Kharkov, gongolando all'unisono su "il colpo di martello che mette fuori gioco Putin", "i russi sono nei guai", e inanità assortite.

I fatti: Le forze russe si sono ritirate dal territorio di Kharkov sulla riva sinistra del fiume Oskol, dove ora sono trincerate. La linea Kharkov-Donetsk-Lugansk sembra essere stabile. Krasny Liman è minacciata, assediata da forze ucraine superiori, ma non in modo letale.

                         LEGGI L'URLO

Nessuno – nemmeno Maria Zakharova, l'equivalente femminile contemporaneo di Ermete, il messaggero degli dei – sa quali siano i piani dello Stato Maggiore russo (RGS), in questo caso e in tutti gli altri. Se dicono di saperlo, mentono.

Allo stato attuale, ciò che si può dedurre con un ragionevole grado di certezza è che una linea – Svjatogorsk-Krasny Liman-Yampol-Belogorovka –  può resistere abbastanza a lungo con le loro attuali guarnigioni fino a quando le forze russe fresche non saranno in grado di piombare e costringere gli ucraini ad arretrare oltre la linea Seversky Donets.

Si è scatenato l'inferno – virtualmente – sul perché di Kharkov. Le repubbliche popolari e la Russia non hanno mai avuto abbastanza uomini per difendere un fronte di 1.000 km. L'intera capacità di intelligence della NATO se n'è accorta - e ne ha approfittato.

Non c'erano forze armate russe in quegli insediamenti: solo la Rosgvardia, e queste non sono addestrate a combattere forze militari. Kiev ha attaccato con un vantaggio di circa 5 a 1. Le forze alleate si sono ritirate per evitare l'accerchiamento. Non ci sono perdite di truppe russe perché non c'erano truppe russe nella regione.

Senza dubbio si tratta di un caso isolato. Le forze di Kiev, gestite dalla NATO, non possono fare un replay in nessuna parte del Donbass, né a Kherson, né a Mariupol. Tutte queste zone sono protette da forti e regolari unità dell'Esercito russo.

È praticamente scontato che se gli ucraini rimarranno nei pressi di Kharkov e Izyum saranno polverizzati dalla massiccia artiglieria russa. L'analista militare Konstantin Sivkov sostiene che "la maggior parte delle formazioni pronte al combattimento delle Forze armate ucraine sono ora a terra (...) siamo riusciti ad attirarle allo scoperto e ora le stiamo distruggendo sistematicamente".

Le forze ucraine, gestite dalla NATO e piene di mercenari della NATO, hanno trascorso 6 mesi ad accumulare equipaggiamenti e a riservare risorse addestrate proprio per questo momento di Kharkov - mentre spedivano quelli superflui usa e getta in un enorme tritacarne. Sarà molto difficile sostenere una catena di montaggio di mezzi sostanziali di prima scelta per realizzare di nuovo qualcosa di simile.

I prossimi giorni mostreranno se Kharkov e Izyum sono collegati a una spinta molto più ampia della NATO. Lo stato d'animo nell'UE controllata dalla NATO si sta avvicinando a una "disperazione alla Desolation Row". C'è una forte possibilità che questa controffensiva significhi che la NATO entra definitivamente in guerra, pur mostrando una plausibile negabilità piuttosto tenue: il loro velo di – finta – segretezza non può nascondere la presenza di "consiglieri" e mercenari in tutto lo spettro.

La decomunizzazione come de-energizzazione

L'Operazione Militare Speciale (OMS), concettualmente, non riguarda la conquista di un territorio di per sé: si tratta, o si trattava finora, della protezione dei cittadini russofoni nei territori occupati, quindi della demilitarizzazione e della denazificazione.

Questo concetto potrebbe essere presto modificato. Ed è qui che si inserisce il tortuoso e complicato dibattito sulla mobilitazione della Russia. Tuttavia, anche una mobilitazione parziale potrebbe non essere necessaria: ciò che serve sono le riserve per consentire alle forze alleate di coprire adeguatamente le linee posteriori/difensive. I combattenti hardcore del tipo del contingente di Kadyrov continuerebbero a giocare all'attacco.

È innegabile che le truppe russe abbiano perso un nodo strategicamente importante a Izyum. Senza di esso, la completa liberazione del Donbass diventa significativamente più difficile.

Tuttavia, per l'Occidente collettivo, la cui carcassa si accuccia all'interno di una vasta bolla simulacrale, è la psicologia che conta molto di più di un piccolo avanzamento militare: così tutto il gongolio per l'Ucraina che riuscirebbe a cacciare i russi dall'intera Kharkov in soli quattro giorni – mentre ha avuto sei mesi per liberare il Donbass, e non l'ha fatto.

Così, in tutto l'Occidente, la percezione dominante - freneticamente fomentata da esperti di psyops - è che le forze armate russe siano state colpite da quel "colpo di martello" e a malapena si riprenderanno.

Kharkov ha avuto un tempismo prezioso: il Generale Inverno è dietro l'angolo, la questione ucraina era già affaticata dall'opinione pubblica e la macchina della propaganda aveva bisogno di una spinta per mettere il turbo alla linea di armamento multimiliardaria.

Tuttavia, Kharkov potrebbe aver forzato la mano di Mosca per aumentare il quadrante del dolore. Questo è avvenuto grazie ad alcuni Mr. Kinzhal ben piazzati che hanno lasciato il Mar Nero e il Caspio per presentare i loro biglietti da visita alle più grandi centrali termiche del nord-est e del centro dell'Ucraina (la maggior parte delle infrastrutture energetiche si trova nel sud-est).

Metà dell'Ucraina ha perso improvvisamente energia elettrica e acqua. I treni si sono fermati. Se Mosca decidesse di mettere fuori uso tutte le principali sottostazioni ucraine in una volta sola, basterebbero pochi missili per distruggere completamente la rete energetica ucraina - aggiungendo un nuovo significato alla "decomunizzazione": la de-energizzazione.

Secondo l'analisi di un esperto, "se i trasformatori da 110-330 kV sono danneggiati, non sarà quasi mai possibile metterli in funzione (...) E se questo accade almeno in 5 sottostazioni contemporaneamente, allora tutto sarà kaput. L'età della pietra per sempre".

Il funzionario del governo russo Marat Bashirov è stato molto più esuberante: "L'Ucraina sta precipitando nel XIX secolo. Se non c'è un sistema energetico, non ci sarà un esercito ucraino". Il fatto è che il generale Volt è entrato in guerra, seguito dal generale Moroz ("gelo").

Ed è così che potremmo finalmente entrare nel territorio della "vera guerra" - come nella nota battuta di Putin che "non abbiamo ancora iniziato nulla".

Una risposta definitiva arriverà dalla RSG nei prossimi giorni. Ancora una volta, infuria il dibattito su cosa farà la Russia in seguito (la RGS, dopo tutto, è imperscrutabile, tranne che per Yoda Patrushev). La RGS potrebbe optare per un serio attacco strategico di tipo decapitante altrove - come a cambiare in peggio la situazione (per la NATO).Può optare per l'invio di più truppe a protezione del fronte (senza mobilitazione parziale). 

E soprattutto potrebbe ampliare il mandato dell'SMO, arrivando alla distruzione totale delle infrastrutture ucraine di trasporto/energia, dai giacimenti di gas alle centrali termiche, alle sottostazioni e alla chiusura delle centrali nucleari.

Beh, potrebbe anche trattarsi di un bel mix di tutti questi elementi: una versione russa di "Shock and Awe", che genererebbe una catastrofe socio-economica senza precedenti. Questo è già stato telegrafato da Mosca: possiamo riportarvi all'età della pietra in qualsiasi momento e in poche ore (corsivo mio). Le vostre città saluteranno il Generale Inverno con riscaldamento zero, acqua gelata, interruzioni di corrente e assenza di connettività.

Un'operazione antiterrorismo

Tutti gli occhi sono puntati sul fatto che i "centri decisionali" - come a Kiev - possano presto ricevere una visita di Kinzhal. Ciò significherebbe che Mosca ne ha abbastanza. I siloviki lo hanno fatto di sicuro. Ma non siamo ancora a questo punto. Perché per un Putin eminentemente diplomatico, la vera partita ruota attorno alle forniture di gas all'UE, quel rammollito giocattolo della politica estera americana.

Putin è certamente consapevole che il fronte interno è sotto pressione. Rifiuta una mobilitazione anche parziale. Un indicatore perfetto di ciò che potrebbe accadere in inverno è rappresentato dai referendum nei territori liberati. La data limite è il 4 novembre - il Giorno dell'Unità Nazionale, una commemorazione introdotta nel 2004 per sostituire la celebrazione della Rivoluzione d'ottobre.

Con l'adesione di questi territori alla Russia, qualsiasi controffensiva ucraina si qualificherebbe come un atto di guerra contro le regioni incorporate nella Federazione Russa. Tutti sanno cosa significa.

Ora potrebbe essere dolorosamente ovvio che quado l'Occidente collettivo sta conducendo una guerra - ibrida e cinetica, con tutto ciò che va dall'intelligence massiccia ai dati satellitari e alle orde di mercenari - contro di te, e tu insisti nel condurre una nebulosa operazione militare speciale (OMS), potresti avere delle brutte sorprese.

Lo status dell' OMS potrebbe cambiare: è destinato a diventare un'operazione antiterroristica.

È una guerra esistenziale. Una faccenda da fare o da morire. L'obiettivo geopolitico/geoeconomico americano, per dirla senza mezzi termini, è distruggere l'unità russa, imporre un cambio di regime e saccheggiare tutte quelle immense risorse naturali. Gli ucraini non sono altro che carne da macello: in una sorta di remake contorto della Storia, gli equivalenti moderni della piramide di teschi che Timur cementò in 120 torri quando rase al suolo Baghdad nel 1401.

Potrebbe servire un "colpo di martello" perché il RSG [lo Stato Maggiore russo] si svegli. Prima o poi i guanti - di velluto e non - saranno tolti. Esce l'OMS. Entra la guerra.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti