Pepe Escobar - La "pazienza strategica" sino-russa spegnerà l'incendio in Asia occidentale?

Pepe Escobar - La "pazienza strategica" sino-russa spegnerà l'incendio in Asia occidentale?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




di Pepe Escobar – Sputnik Globe

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 


C'era una volta, presso il fiume Don, nelle steppe meridionali di quella che oggi è ancora conosciuta come "Ucraina", il Grande Re di Persia, il possente Dario, alla testa del più potente esercito mai riunito sulla terra, che ricevette un messaggio sconcertante da un nemico che stava inseguendo: il sovrano nomade Idantirso, re degli Sciti.

Un inviato scita arrivò al campo persiano portando con sé un uccello, un topo, una rana e cinque frecce.

E poi se ne andò, in fretta e furia.

L'astuto Dario interpretò il messaggio come se gli Sciti fossero pronti a sottomettersi ai Persiani.

Non così in fretta. Toccò al consigliere di Dario per la politica estera, Gobria, che era anche suo cognato, decifrare il codice:

"A meno che voi persiani non vi trasformiate in uccelli e voliate in aria o in topi e scavate nel terreno o in rane e saltiate nei laghi, non tornerete mai più a casa ma resterete qui in questo Paese, solo per essere colpiti dalle frecce degli Sciti."

Ebbene, a quanto pare questo racconto proveniente dalle profondità delle epoche prima delle Vie della seta dimostra l'incubo strategico di condurre una guerra contro gli inafferrabili arcieri nomadi a cavallo nelle steppe eurasiatiche.

Ma potrebbe anche essere un racconto sulla guerra contro invisibili guerriglieri urbani in sandali e RPG nascosti tra le macerie di Gaza; mini-squadre flash che emergono dai tunnel per colpire e bruciare i carri armati Merkava prima di scomparire sottoterra.

La storia ci dice anche che Dario non riuscì a portare i nomadi sciti a uno scontro diretto. Così, nell'autunno del 512 a.C., mise in atto un'azione pre-americana in pre-Afghanistan con 2.500 anni di anticipo: dichiarò la vittoria e se ne andò.

 

Quella "Portaerei atterrata"

Chiunque abbia familiarità con l'Asia occidentale – dai generali statunitensi ai droghieri della "Piazza Araba" – sa che Israele è una portaerei terrestre la cui missione è tenere sotto controllo l'Asia occidentale per conto dell'Egemone.

Naturalmente, in un ambiente geopolitico in cui il cane mangia il cane, è facile fraintendere tutte le macchinazioni del cane che scodinzola. Ciò che è certo è che per i circoli egemonici dello Stato profondo statunitense, e certamente per la Casa Bianca e il Pentagono, ciò che conta nell'attuale congiuntura incandescente è il governo Netanyahu, guidato dal Likud, ultra-estremo e genocida in Israele, non "Israele" in sé.

Questo proietta Netanyahu come l'esatta immagine speculare dell'assediato attore in felpa sudata a Kiev. Un bel regalo geopolitico – in termini di sviamento della colpa dall'Egemone per un genocidio che si svolge in diretta su ogni smartphone del pianeta.

E tutto questo sotto una parvenza di legalità – come la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato che "consigliano" a Tel Aviv di agire con moderazione; sì, potete bombardare ospedali, scuole, operatori sanitari, giornalisti, migliaia di donne, migliaia di bambini, ma per favore siate gentili.

Nel frattempo, l'Egemone ha schierato un'armata nel Mediterraneo orientale, completa di due costosissime bagnarole in ferro – scusa!: gruppi di portaerei di cui si rimpiange la presenza e un sottomarino nucleare vicino al Golfo Persico. Non esattamente per sorvegliare i guerriglieri nei tunnel sotterranei e per "proteggere" Israele.

Gli obiettivi finali – neocon e zio-con – sono ovviamente Hezbollah, Siria, Hashd al-Shaabi in Iraq e Iran: l'intero Asse della Resistenza.

Iran-Russia-Cina, il nuovo "asse del male" definito dai neocon, che si dà il caso siano i Tre Principali Attori dell'integrazione eurasiatica, hanno interpretato a tutti gli effetti il genocidio di Gaza come un'operazione israelo-americana. E hanno chiaramente identificato il vettore chiave: l'energia.

L'inestimabile Michael Hudson ha osservato come "stiamo assistendo a qualcosa di molto simile alle Crociate. È una vera e propria lotta per chi controllerà l'energia, perché, di nuovo, la chiave, se si riesce a controllare il flusso mondiale di energia, si può fare a tutto il mondo quello che gli Stati Uniti hanno fatto alla Germania l'anno scorso facendo saltare i gasdotti Nord Stream".

 

I BRICS 10 in movimento

E questo ci porta all'affascinante caso della delegazione di Ministri degli Esteri dell'OIC e del mondo arabo, ora in tour in alcune capitali selezionate per promuovere il loro piano per un cessate il fuoco completo a Gaza e i negoziati per uno Stato palestinese indipendente. La delegazione, chiamata Gaza Contact Group [Gruppo di contatto per Gaza], comprende Arabia Saudita, Egitto, Giordania, Turchia, Indonesia, Nigeria e Palestina.

La prima tappa è stata Pechino, dove hanno incontrato Wang Yi, e la seconda Mosca, dove hanno incontrato Sergei Lavrov. Questo ci dice tutto quello che c'è da sapere sui BRICS 11 in azione – anche prima del fatto.

Beh… in realtà si tratta del BRICS 10, perché dopo l'elezione a Presidente del sionista filo-egemonico Javier "Chainsaw Massacre" Milei, l'Argentina è ormai fuori dai giochi, e probabilmente verrà scartata entro il 1° gennaio 2024, quando il BRICS precedentemente "11" inizierà sotto la presidenza russa.

La conferenza speciale dell'OIC e della Lega Araba sulla Palestina, tenutasi in Arabia Saudita, ha prodotto una magra dichiarazione finale che ha deluso praticamente tutto il Sud Globale/Maggioranza Globale. Ma poi qualcosa ha iniziato a muoversi.

I ministri degli Esteri hanno iniziato a coordinarsi strettamente. Dapprima l'Egitto con la Cina, dopo un precedente coordinamento con Iran e Turchia. Può sembrare controintuitivo – ma è dovuto alla gravità della situazione. Questo spiega perché il Ministro degli Esteri iraniano non fa parte dell'attuale delegazione in viaggio – guidata in pratica da Arabia Saudita ed Egitto.

L'incontro con Lavrov ha coinciso con una riunione straordinaria online dei BRICS sulla Palestina, convocata dall'attuale presidenza sudafricana. Punto cruciale: dietro gli oratori si potevano riconoscere le bandiere dei nuovi membri Iran, Egitto ed Etiopia.

Il Presidente iraniano Raisi non ha usato mezzi termini, invitando gli Stati membri dei BRICS a utilizzare ogni strumento politico ed economico disponibile per fare pressione su Israele. Xi Jinping ha chiesto ancora una volta una soluzione a due Stati e ha posizionato la Cina come mediatore d'elezione.

Per la prima volta Xi ha detto tutto con parole sue: "Non ci può essere sicurezza in Medio Oriente senza una giusta soluzione alla questione della Palestina. Ho sottolineato in molte occasioni che l'unica via percorribile per spezzare il ciclo del conflitto israelo-palestinese risiede in una soluzione a due Stati, nel ripristino dei legittimi diritti nazionali della Palestina e nella creazione di uno Stato palestinese indipendente."

E tutto dovrebbe iniziare attraverso una conferenza internazionale.

Tutto ciò implica una posizione concertata e unificata dei BRICS 10, nei prossimi giorni, che eserciti la massima pressione su Tel Aviv/Washington per un cessate il fuoco, con il pieno sostegno di quasi tutta la Maggioranza Globale. Naturalmente non ci sono garanzie che l'Egemone permetta il successo.

I negoziati segreti che coinvolgono la Turchia, ad esempio, si sono arenati. L'idea era che Ankara interrompesse la fornitura di petrolio a Israele proveniente dall'oleodotto BTC da Baku a Ceyhan: il petrolio viene poi caricato su navi cisterna ad Ashkelon in Israele. Si tratta di almeno il 40% del petrolio che alimenta la macchina militare di Israele.

Ankara, ancora membro della NATO, ha tentennato – spaventata dalla risposta americana, inevitabilmente dura.

Riyadh, nel lungo periodo, potrebbe essere ancora più audace: niente più esportazioni di petrolio finché non ci sarà una soluzione definitiva per la Palestina, secondo l'Iniziativa di pace araba del 2002. Ma MbS non lo farà, perché la ricchezza saudita è tutta investita a New York e Londra. La strada per il petroyuan è ancora lunga, tortuosa e accidentata.

Nel frattempo, i professionisti della realpolitik come John Mearsheimer sottolineano correttamente che una soluzione negoziata per Israele-Palestina è impossibile. Un rapido sguardo alla mappa attuale mostra come la soluzione dei due Stati – sostenuta da tutti, dalla Cina e dalla Russia al mondo arabo – sia morta; uno Stato palestinese, come ha notato Mearsheimer, "sarà come una riserva indiana" negli Stati Uniti, "tagliato a parte e isolato, non proprio uno Stato".

 

Nessuna copertura quando si tratta di genocidio

Cosa deve fare la Russia? Ecco un ottimo suggerimento informato.

"Putin nel labirinto" significa che Mosca è attivamente coinvolta, in un modo da BRICS 10, per realizzare un'Asia occidentale pacifica, mantenendo al contempo la stabilità interna della Russia sotto la Guerra Ibrida dell'Egemone in continua evoluzione: è tutto interconnesso.

L'approccio del partenariato strategico Russia-Cina all'Asia occidentale incendiata dai soliti sospetti è tutta una questione di tempismo strategico e di pazienza, che il Cremlino e lo Zhongnanhai dimostrano in massa.

Nessuno sa davvero cosa succede sullo sfondo – il profondo gioco di ombre che si cela dietro la nebbia di guerre intrecciate. Soprattutto quando si tratta dell'Asia occidentale, sempre avvolta da miraggi seriali che emergono dalle sabbie del deserto.

Almeno possiamo cercare di discernere i miraggi intorno alle monarchie del Golfo Persico, il CCG – e soprattutto a cosa MbS e il suo mentore MbZ stiano realmente giocando. Questo è un fatto assolutamente cruciale: sia la Lega Araba che l'OCI sono controllate dal CCG.

Eppure, dal momento che sia Riyadh che Abu Dhabi sono diventati membri del BRICS 10, vedono certamente che il nuovo gioco d'azzardo dell'Egemone è quello di frenare i progressi della Belt and Road Initiative (BRI) in Asia occidentale, incendiando la regione.

Sì, questa è la Guerra contro la Cina che passa da Ibrida a Calda, parallelamente alla Soluzione Finale del "problema palestinese".

E come bonus, dal punto di vista dell'Egemone, ciò dovrebbe portare questo gruppo di beduini del deserto a salire saldamente a bordo del nuovo gioco d'azzardo – "giunto cadavere all'ospedale" – l'IMEC (Corridoio India-Medio Oriente), che è in realtà il corridoio commerciale Europa-Israele-Emirati-Arabia Saudita-India, in teoria un concorrente della BRI.

Un tema ricorrente in tutti gli angoli della Piazza Araba è come lo sterminio della Resistenza palestinese sia per le élite vendute del CCG una questione ancora più appassionata del confronto con il sionismo.

Questo spiega, almeno in parte, la mancata reazione del CCG al genocidio in corso (ora stanno cercando di fare ammenda). E questo è parallelo alla loro mancata reazione al genocidio metodico e al rallentatore dell'Egemone, allo stupro e al saccheggio nel tempo di iracheni, siriani, afghani, libici, yemeniti, sudanesi e somali.

È assolutamente impossibile – e disumano – trovare una copertura quando si tratta di genocidio. È ancora in sospeso il verdetto se il CCG abbia scelto da che parte stare, allontanandosi così completamente, spiritualmente e geopoliticamente, dalla più ampia Piazza Araba.

Questo genocidio potrebbe essere il momento decisivo del giovane XXI secolo – riallineando l'intero Sud Globale/Maggioranza Globale e chiarendo chi è dalla parte giusta della Storia. Qualunque sia la sua prossima mossa, l'Egemone sembra destinato a perdere completamente l'intera Asia occidentale, l'Heartland, l'Eurasia più ampia e il Sud Globale/Maggioranza Globale.

Il contraccolpo funziona in modi misteriosi: mentre la "portaerei" in Asia occidentale è impazzita del tutto, ha solo messo il turbo alla partnership strategica Russia-Cina per plasmare ulteriormente la Storia sulla strada del Secolo dell'Eurasia.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti