Pepe Escobar - L'Impero in preda al panico tenta la Russia con la prima vera offerta

Pepe Escobar - L'Impero in preda al panico tenta la Russia con la prima vera offerta

Consapevoli che la guerra della NATO con la Russia si concluderà probabilmente in modo sfavorevole, gli Stati Uniti stanno testando un'offerta di uscita. Ma perché Mosca dovrebbe prendere sul serio le proposte indirette, soprattutto alla vigilia della sua nuova avanzata militare e mentre è in vantaggio?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar –  The Cradle

[Traduzione a cura di Nora Hoppe]

 

Quelli che stanno dietro al Trono non sono mai così pericolosi come quando sono con le spalle al muro.

Il loro potere sta scivolando via, rapidamente: Militarmente – grazie alla progressiva umiliazione della NATO in Ucraina; finanziariamente – prima o poi la maggior parte del Sud globale non vorrà più avere a che fare con la valuta di un gigante canaglia in bancarotta; politicamente – la maggioranza globale sta compiendo passi decisivi per smettere di obbedire a una minoranza di fatto rapace e screditata.

Così ora quelli stanno dietro al Trono stanno tramando per tentare almeno di frenare il disastro in arrivo sul fronte militare.

Come confermato da una fonte di alto livello dell'establishment statunitense, una nuova direttiva sulla NATO contro la Russia in Ucraina è stata trasmessa al Segretario di Stato americano Antony Blinken. Blinken, in termini di potere effettivo, non è altro che un fattorino dei neocon e dei neoliberali straussiani che sono i veri gestori della politica estera degli Stati Uniti.

Il Segretario di Stato è stato incaricato di trasmettere la nuova direttiva – una sorta di messaggio al Cremlino – attraverso la stampa mainstream, prontamente pubblicata dal Washington Post.

Nella divisione elitaria dei media mainstream statunitensi, il New York Times è molto vicino al Dipartimento di Stato e il Washington Post alla CIA. In questo caso, però, la direttiva era troppo importante e doveva essere trasmessa dal giornale di riferimento della capitale imperiale. È stata pubblicata come Op-Ed (dietro paywall).

La novità è che, per la prima volta dall'inizio dell'Operazione militare speciale (OMS) della Russia del febbraio 2022 in Ucraina, gli americani propongono una variante della classica "offerta che non si può rifiutare", includendo alcune concessioni che potrebbero soddisfare gli imperativi di sicurezza della Russia.

In particolare, l'offerta statunitense esclude totalmente Kiev, certificando ancora una volta che si tratta di una guerra contro la Russia condotta dall'Impero e dai suoi tirapiedi della NATO – con gli ucraini come semplici proxy sacrificabili.

 

"Per favore, non passate all'offensiva"


John Helmer, corrispondente di vecchia scuola del Washington Post a Mosca, ha fornito un servizio importante, offrendo il testo completo dell'offerta di Blinken, ovviamente ampiamente modificato per includere nozioni fantasiose come "le armi statunitensi aiutano a polverizzare la forza d'invasione di Putin" e una spiegazione che fa rabbrividire per l'imbarazzo: "In altre parole, la Russia non dovrebbe essere pronta a riposare, riorganizzarsi e attaccare."

Il messaggio di Washington può, a prima vista, dare l'impressione che gli Stati Uniti ammettano il controllo russo su Crimea, Donbass, Zaporozhye e Kherson  – "il ponte di terra che collega Crimea e Russia"  – come un fatto compiuto.

L'Ucraina avrebbe uno status smilitarizzato e il dispiegamento di missili HIMARS e di carri armati Leopard e Abrams sarebbe limitato all'Ucraina occidentale, come "deterrente contro ulteriori attacchi russi".

Ciò che potrebbe essere stato offerto, in termini piuttosto vaghi, è in realtà una spartizione dell'Ucraina, zona smilitarizzata inclusa, in cambio dell'annullamento da parte dello Stato Maggiore russo della sua ancora sconosciuta offensiva del 2023, che potrebbe essere devastante come il taglio dell'accesso di Kiev al Mar Nero e/o l'interruzione del rifornimento di armi della NATO attraverso il confine polacco.

L'offerta statunitense si definisce come il percorso verso una "pace giusta e duratura che sostenga l'integrità territoriale dell'Ucraina". Beh, non proprio. Non sarà un'Ucraina di groppa, e Kiev potrebbe persino conservare quelle terre occidentali che la Polonia non vede l'ora di accaparrarsi.

Si evoca anche la possibilità di un accordo diretto tra Washington e Mosca su "un eventuale equilibrio militare postbellico", compresa la non adesione dell'Ucraina alla NATO. Per quanto riguarda l'Ucraina stessa, gli americani sembrano credere che sarà "un'economia forte e non corrotta con l'adesione all'Unione Europea".

Tutto ciò che rimane di valore in Ucraina è già stato inghiottito non solo dalla sua oligarchia monumentalmente corrotta, ma soprattutto da investitori e speculatori del tipo BlackRock. I vari avvoltoi aziendali non possono permettersi di perdere i porti per l'esportazione di cereali dell'Ucraina e i termini dell'accordo commerciale concordato con l'UE prima della guerra. E sono terrorizzati dal fatto che l'offensiva russa possa catturare Odessa, il principale porto e snodo di trasporto sul Mar Nero – il che lascerebbe l'Ucraina senza sbocco sul mare.

Non c'è alcuna prova che il presidente russo Vladimir Putin e l'intero Consiglio di sicurezza russo – compresi il segretario Nikolai Patrushev e il vicepresidente Dmitry Medvedev – abbiano motivo di credere a qualsiasi cosa provenga dall'establishment statunitense, specialmente attraverso semplici tirapiedi come Blinken e il Washington Post. Dopotutto, gli stavka – un appellativo che indica l'alto comando delle forze armate russe – considerano gli americani come "incapaci di accordarsi", anche quando un'offerta è messa per iscritto.

Questo ha l'odore di un disperato espediente degli Stati Uniti per fare melina e presentare qualche carota a Mosca nella speranza di ritardare o addirittura annullare l'offensiva prevista per i prossimi mesi.

Anche gli operatori dissidenti di Washington della vecchia scuola – non legati alla galassia neocon straussiana – scommettono che la mossa sarà un nulla di fatto: nella classica modalità di "ambiguità strategica", i russi continueranno nel loro dichiarato percorso di smilitarizzazione, denazificazione e de-elettrificazione, e si "fermeranno" in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo riterranno opportuno a est del Dnepr. O oltre.

 

Cosa vuole davvero lo Stato Profondo

Le ambizioni di Washington in questa guerra essenzialmente NATO-Russia vanno ben oltre l'Ucraina. E non stiamo nemmeno parlando di impedire un'unione eurasiatica Russia-Cina-Germania o l'incubo di un concorrente alla pari; restiamo su questioni prosaiche sul campo di battaglia ucraino.

Le principali "raccomandazioni" – militari, economiche, politiche, diplomatiche – sono state dettagliate in un documento strategico del Consiglio Atlantico alla fine dello scorso anno.

E in un altro, alla voce "Scenario di guerra 1: la guerra continua con il ritmo attuale", troviamo la politica neocon straussiana completamente delineata.

C'è tutto: dal "sostegno e trasferimenti di assistenza militare a Kiev sufficienti a consentirle di vincere" all'"aumento della letalità dell'assistenza militare trasferita per includere aerei da combattimento che consentirebbero all'Ucraina di controllare il proprio spazio aereo e attaccare le forze russe al suo interno; e tecnologia missilistica con una portata sufficiente a raggiungere il territorio russo".

Dall'addestramento delle forze armate ucraine "all'uso di armi occidentali, alla guerra elettronica e alle capacità cibernetiche offensive e difensive, e all'integrazione senza soluzione di continuità delle nuove reclute nel servizio" al rafforzamento delle "difese in prima linea, vicino alla regione del Donbass", compreso "l'addestramento al combattimento incentrato sulla guerra irregolare".

Oltre a "imporre sanzioni secondarie a tutte le entità che fanno affari con il Cremlino", si arriva naturalmente alla Madre di Tutti i Saccheggi: "Confiscare i 300 miliardi di dollari che lo Stato russo detiene in conti all'estero negli Stati Uniti e nell'Unione Europea e utilizzare le somme sequestrate per finanziare la ricostruzione".

La riorganizzazione dell'OMS, con Putin, il Capo di Stato Maggiore Valery Gerasimov e il Generale Armageddon nei loro nuovi ruoli rafforzati, sta facendo deragliare tutti questi piani elaborati.

Gli Straussiani sono ora in preda al panico. Persino il numero due di Blinken, la guerrafondaia russofoba Victoria "Fk the EU" Nuland, ha ammesso al Senato statunitense che non ci saranno carri armati Abrams sul campo di battaglia prima della primavera (realisticamente, solo nel 2024). Ha anche promesso di "alleggerire le sanzioni" se Mosca "tornerà a negoziare". Tali negoziati sono stati mandati a monte dagli stessi americani a Istanbul nella primavera del 2022.

La Nuland ha anche invitato i russi a "ritirare le loro truppe". Beh, questo almeno offre un po' di sollievo comico rispetto al panico che trasuda dall'"offerta che non potete rifiutare" di Blinken. Restate sintonizzati per la risposta non-risposta della Russia.

 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti