Pepe Escobar - Una nuova Pearl Harbor? La Nakba 2.0 e le guerre neocon

Pepe Escobar - Una nuova Pearl Harbor? La Nakba 2.0 e le guerre neocon

La guerra "Israele vs. Bambini Arabi" sta scivolando completamente fuori controllo…

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

La guerra "Israele vs. Bambini Arabi", che si raddoppia come guerra tra egemoni e Asse della Resistenza, entrambe sottosezioni della guerra tra NATO e Russia e tra NATO e Cina, sta scivolando completamente fuori controllo.

Ormai è assodato che, con la Cina a mediare la pace in tutta l'Asia occidentale e la Russia-Cina a fare il pieno di energie con i BRICS 11, con tanto di facilitazione degli accordi commerciali sull'energia al di fuori del dollaro americano, " The Empire Strikes Back" ["L'Impero colpisce ancora"] sarebbe del tutto prevedibile:

 

Come On Baby, Let’s Set West Asia on Fire

L'obiettivo immediato degli psicopatici neocon straussiani e dei loro silos al di là della Beltway è quello di colpire la Siria, il Libano – e, infine, l'Iran.

Questo spiega la presenza nel Mediterraneo centrale e orientale di una flotta di almeno 73 navi da guerra USA/NATO – da due gruppi di portaerei americane a oltre 30 navi di 14 membri della NATO coinvolte nei giochi di guerra Dynamic Mariner in corso al largo delle coste italiane.

Si tratta della più grande concentrazione di navi da guerra USA/NATO sin dagli anni Settanta.

Chiunque creda che questa flotta sia stata assemblata per "assistere" Israele nel suo progetto di Soluzione Finale di imporre la Nakba 2.0 a Gaza deve leggere un po' di Lewis Carroll. La guerra ombra già in atto mira a distruggere tutti i nodi dell'Asse della Resistenza in Siria, Libano e Iraq – con l'Iran tenuto come cavallo di battaglia.

Qualsiasi analista militare con un quoziente intellettivo superiore alla temperatura ambiente sa che tutte quelle costose bagnarole in ghisa americane sono destinate a diventare barriere coralline sub-oceaniche, soprattutto se visitate da missili ipersonici.

Naturalmente, tutto questo potrebbe essere solo il solito "Spettacolo di Proiezione di Potenza/Deterrenza Americana". Ma gli antagonisti principali di questo spettacolo – Iran e Russia – non sono rimasti impressionati. Basterebbe un'occhiata alle spalle di quello che un gruppo di pastori di capre di montagna con finti kalashnikov ha fatto alla NATO in Afghanistan.

Inoltre, l'Egemone dovrebbe fare affidamento su una seria rete di basi a terra se mai prendesse in considerazione l'idea di lanciare una guerra contro l'Iran. Nessun attore dell'Asia occidentale permetterebbe agli Stati Uniti di utilizzare basi in Qatar, Kuwait, Iraq o persino in Giordania. Baghdad è già impegnata, da tempo, a sbarazzarsi di tutte le basi americane.

 

Dov'è la mia nuova Pearl Harbor?

Il piano B consiste nell'allestire un'altra Pearl Harbor (l'ultima è stata solo poche settimane fa, secondo Tel Aviv). Dopotutto, l'organizzazione di una tale sfarzosa esibizione di diplomazia delle cannoniere in un mare interno svela un'appetitosa scelta di bersagli.

È inutile aspettarsi che il capo del Pentagono Lloyd "Raytheon" Austin prenda in considerazione la possibile umiliazione cosmica che l'Egemone subisca l'affondamento di una delle sue bagnarole multimiliardarie da parte di un missile iraniano. Se ciò accadesse, i due paesi passerebbero – letteralmente – al nucleare.

Alastair Crooke – lo standard analitico dell'oro, del platino e delle terre rare – ha avvertito che tutti i punti caldi potrebbero esplodere in una volta sola, distruggendo l'intero (corsivo mio) "sistema di alleanze" statunitense.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, come al solito, ha fatto centro quando ha detto che se Gaza verrà distrutta, la catastrofe che ne deriverà durerà "decenni, se non secoli".

Ciò che è iniziato come un lancio di dadi a Gaza si sta ora espandendo a tutta l'Asia occidentale e successivamente, inevitabilmente, all'Europa, all'Africa e all'Asia.

Tutti ricordano il preambolo delle attuali circostanze incendiarie: il gioco d'azzardo di matrice brzezinskiana messo in atto in Ucraina per tagliare fuori l'Europa dalle risorse naturali russe.

La metastasi si è trasformata nella più grande crisi mondiale sin dal 1939. Gli psicopatici neocon straussiani a Washington non hanno la minima idea di come fare marcia indietro. Quindi, allo stato attuale, le speranze di una soluzione pacifica per entrambe le guerre intrecciate sono meno di zero.

Come ho già sottolineato in precedenza, i leader dei principali produttori di petrolio – Russia, Arabia Saudita, Iran, Iraq, Kuwait – possono tagliare quasi la metà della produzione mondiale di petrolio in un colpo solo, demolendo le intere economie dell'UE e degli Stati Uniti senza sparare un colpo. Fonti diplomatiche assicurano che la cosa è stata presa in seria considerazione.

Come mi ha riferito una fonte del Deep State di vecchia scuola, ora in Europa, gli attori seri sono attivamente coinvolti nell'invio di questo messaggio alla Beltway "per far sì che gli Stati Uniti ci pensino due volte prima di scatenare una guerra che non possono controllare. Quando andranno a Wall St. per controllare l'esposizione ai derivati, avranno già avuto il tempo di pensarci su, dato che i documenti sono stati inviati a persone come Larry Fink di Blackrock e Michael Bloomberg."

Parallelamente, nei circoli dell'intelligence si sta sviluppando una seria discussione sul "nuovo asse del male" (Russia-Cina-Iran) sulla necessità di consolidare un polo islamico unificato.

Le prospettive non sono buone – anche se poli chiave come la Russia e la Cina hanno chiaramente identificato il nemico comune dell'intero Sud Globale/Maggioranza Globale. La Turchia sotto Erdogan si sta solo atteggiando. L'Arabia Saudita non investirà nella difesa/protezione della Palestina, qualunque cosa accada. I clienti/ministri americani in Asia occidentale hanno alla fine paura. Rimangono solo l'Iran e l'Asse della Resistenza.

 

Nel dubbio, bisogna ricordare Yahwe

Nel frattempo, la vendicativa e narcisistica tribù dei conquistadores, maestri dell'inganno politico e dell'esenzione morale, è impegnata a consolidare la sua Nakba 2.0 – che si raddoppia come soluzione perfetta per impadronirsi illegalmente di tutto quel gas in mare aperto a Gaza.

La direttiva di deportazione del Ministero dell'Intelligence israeliano che riguarda 2,3 milioni di palestinesi è abbastanza chiara. È stata ufficialmente approvata dal Ministero il 13 ottobre.

Si inizia con l'espulsione di tutti i palestinesi dal nord di Gaza, seguita da "operazioni di terra" in serie; si lasciano aperte le vie attraverso il confine egiziano a Rafah; si creano "tendopoli" nel nord del Sinai e in seguito anche nuove città per "reinsediare i palestinesi" in Egitto.

Itay Epshtain, consulente di diritto e politica umanitaria, ha osservato: "Non sono ancora riuscito a individuare un punto all'ordine del giorno o una decisione governativa che avalli la direttiva del Ministero. Se fosse stata effettivamente presentata e approvata, probabilmente non sarebbe stata di dominio pubblico."

Molti degli estremisti di Tel Aviv lo stanno comunque confermando nelle loro eruzioni scatenate.

Quanto alla guerra più ampia, è già stata scritta. Molto tempo fa. E loro vogliono seguirla alla lettera, in tandem con gli zio-cons cristiani americani.

Tutti ricordano che il generale Wesley Clark si recò al Pentagono due mesi dopo l'11 settembre e venne a conoscenza del piano neocon/Zio-con cristiano di distruggere 7 Paesi in 5 anni:

Si trattava di Iraq, Libia, Libano, Siria, Somalia, Sudan – e Iran.

Tutti questi Paesi sono stati destabilizzati, distrutti o gettati nel caos.

L'ultimo della lista è l'Iran.

OrarRiferiamoci a Deuteronomio 7:1-2, 24:

"Yahweh disse a Israele che aveva individuato 'SETTE NAZIONI PIÙ GRANDI E PIÙ FORTI DI TE' [maiuscole mie], che 'dovrai mettere sotto maledizione di distruzione' e 'non mostrare loro alcuna pietà'. Quanto ai loro re, 'cancellerai i loro nomi sotto il cielo'."

 

 

 

 

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti