Perché Biden ha rinviato il suo viaggio in Arabia Saudita?

Perché Biden ha rinviato il suo viaggio in Arabia Saudita?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha posticipato una visita programmata in Arabia Saudita da giugno a luglio, secondo quanto riportato dai media statunitensi ieri.

Il viaggio doveva svolgersi alla fine di giugno, ma secondo un alto funzionario, la Casa Bianca sta ora pianificando un "viaggio più ampio" nella regione, secondo quanto riportato da NBC News.

“Stiamo lavorando a un viaggio in Israele e Arabia Saudita per un vertice del GCC+3... Stiamo lavorando per confermare le date. Quando avremo qualcosa da annunciare, lo faremo", ha precisato la fonte.

Alla domanda dei giornalisti sulla visita, Biden ha spiegato: "Non sono sicuro  quando andrò... C'è la possibilità che incontrerò sia gli israeliani che alcuni paesi arabi".

Durante la sua visita in Israele, Biden avrebbe dovuto incontrare il primo ministro israeliano Naftali Bennet, e il viaggio si sarebbe svolto dopo un vertice del G7 in Germania e un incontro della NATO in Spagna, previsto per la fine di questo mese.

Tuttavia, dopo essere stata interrogata sulla possibilità che Biden visiti l'Arabia Saudita, il 1 giugno il segretario stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha detto ai giornalisti che Biden mantiene la sua promessa, ovvero quando dichiarò che avrebbe voluto del regno un "paria" e che il principe ereditario Mohammed bin Salman ( MbS) avrebbe dovuto pagare il prezzo per l'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi.

Naturalmente non dovrà pagare nulla per le centinaia di migliaia di morti provocati con l’aggressione saudita contro lo Yemen.

Le relazioni tra gli Stati Uniti e gli stati del Golfo hanno preso una brutta piega dopo l'inizio dell'operazione militare speciale della Russia in Ucraina, poiché sia ??l'Arabia Saudita che gli Emirati Arabi Uniti hanno rifiutato il diktat statunitense di aumentare i livelli di produzione di petrolio.

Gli Stati Uniti continuano a risentire dell'aumento dei prezzi del gas. A peggiorare le cose, l'Arabia Saudita ha confermato il suo rifiuto di aumentare la produzione di petrolio, con prezzi in aumento a causa delle sanzioni imposte alla Russia.

Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti ha schierato una delegazione di alto livello ad Abu Dhabi, guidata dal vicepresidente Kamala Harris, nella speranza che la spaccatura con le nazioni del Golfo possa iniziare a rimarginarsi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti