Perché la ricostruzione della Siria "è fondamentale per l'Europa"

Perché la ricostruzione della Siria "è fondamentale per l'Europa"

La situazione in Siria è complicata e ci saranno molti ostacoli sul cammino verso la stabilizzazione, ma per l'Europa "non è una questione di altruismo, ma una scelta strategica" per finanziare la ricostruzione del paese, secondo Gilles Kepel, professore universitario, conoscitore dell'Islam e del mondo arabo.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Per il politologo, orientalista e accademico Gilles Kepel, durante un'intervista di alcuni gironi fa rilasciata al quotidiano La Depeche, la fine del conflitto siriano dipenderà da come il problema della provincia di Idlib, piena di terroristi e soggetta a diverse posizioni da parte dei principali attori della regione sarà risolto.


 
Secondo Kepel, sia Damasco che Teheran opterebbero per un'opzione militare mentre la Russia è più riservata e offre l'opportunità di negoziare, specialmente con la Turchia. Ankara, a sua volta, non vuole affrontare una nuova crisi di rifugiati data la sua precaria situazione economica, quindi sta optando per la distensione.
L'analista sottolinea che la gestione turca della vicenda del giornalista saudita ucciso, Jamal Khashoggi, deve essere analizzata anche dal punto di vista di quello che può accadere a Idlib: "Il presidente [Recep Tayyip] Erdogan  sta diffondendo via via più informazioni sull'omicidio di Khashoggi e quindi è in grado di controllare lo sviluppo delle principali notizie del Medio Oriente ", ha spiegato.
 
Ankara è riuscita a mettere in ombra l'alleanza saudita-USA e da Washington può trarre benefici sia per se stessa che per il suo alleato, il Qatar, che sarà facilitato nell'affrontare il blocco saudita senza che gli statunitensi americani appoggiano Riad in questo processo.
Così, Erdogan si trova al centro dello scacchiere siriano e guadagna punti, anche nei confronti della Russia, cosa che permette di rinviare ulteriormente la soluzione militare al problema di Idlib.
 
Ma, secondo Kepel, anche l'Europa può beneficiare del 'congelamento' della situazione nell'ultima provincia siriana piena di jihadisti, in quanto sarà difficile ospitare centinaia di estremisti religiosi, una volta rientrati nei loro paesi di origine.
 
La Francia sarebbe tra i paesi più colpiti da questo sviluppo a causa di una forte presenza di jihadisti francesi nelle file dei radicali.
 
Bene, cosa si può fare per uscire da questo caos?
 
"L'ex presidente della Francia [Francois Hollande] aveva una politica piuttosto ideologica e idealista verso la Siria e non abbiamo capito il potere dei jihadisti che avevano sequestrato la rivolta siriana fin dall'inizio", ha precisato Kepel.
 
Oggi, il presidente Emmanuel Macron ha una posizione diversa e "è disposta a lavorare con i russi e turchi al fine di ottenere una soluzione postguerra".
Secondo l'analista, la Russia non ha il potere economico di ricostruire la Siria da sola e ha bisogno di altri poteri per promuovere una soluzione politica. I paesi asiatici, come la Cina o il Giappone, sono interessati solo ai profitti e non si preoccupano della transizione politica nel paese.
 
Quindi, il compito di mettersi in gioco e investire cade sull'Europa " non è a causa del suoaltruismo". Questioni come il ritorno dei jihadisti e la migrazione, così come le conseguenze politiche di questi fenomeni - "l'ascesa dell'estrema destra" - saranno di fondamentale importanza nelle prossime elezioni europee.
 
"Agire in Siria, permettendo la ricostruzione del Levante, oggi è un'opzione strategica fondamentale per l'Europa, anche se non sono sicuro che i leader [europei] lo abbiano capito", ha concluso Kepel.
 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance di Giacomo Gabellini L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente