"Perché metto la mascherina e sono contrario allo stato di emergenza"

"Perché metto la mascherina e sono contrario allo stato di emergenza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giorgio Cremaschi


La polarizzazione falsa e bugiarda che ha distrutto politica e democrazia in Italia - europeisti contro sovranisti, finta sinistra contro vera destra - ora colpisce anche la salute, con la divisione tra emergenzialisti e negazionisti.

Io che ho vissuto a Brescia la pandemia disprezzo i negazionisti quando sono solo ignoranti e arroganti, li odio quando sono in chiara malafede. Ma questo non mi fa rientrare nel campo dei fanatici dello stato di emergenza. Che contesto allo stesso modo perché ricordo quando qui a Brescia ed in Lombardia i parchi erano chiusi e le fabbriche aperte e quando nel paese non solo la Confindustria, ma anche le autorità condannavano chi scioperava per la salute e la vita. Lo stato di emergenza è sparare cannonate per disinfettare gli ospedali, concede dei poteri speciali a chi comanda, poteri che nei fatti vengono a sostituire le misure necessarie ad agire sul piano della salute pubblica. Ed infatti nonostante questi superpoteri non c’è stata in Italia un’autorità che abbia proclamato vere e totali zone rosse a Bergamo e Brescia, che se fatte in tempo avrebbero evitato tante morti.

Stupisce poi che a sei mesi dalla proclamazione del primo stato di emergenza il governo non sia stato capace di definire, discutendoli e facendole votare in Parlamento, tutti i protocolli ed i comportamenti delle autorità e dei cittadini necessari a contrastare ogni diffondersi della pandemia. Che è destinata a durare, con tutto il suo male, purtroppo come dimostrano tutti i dati nel mondo. Se si deve convivere con un virus che continuerà a colpire e da cui bisogna imparare a difenderci, anche dopo il 15 ottobre quando scadrà il nuovo stato di emergenza, allora bisogna definire nuove modalità di organizzazione della vita, fondate sulla priorità della tutela della salute e sulla sanità pubblica. Bisogna contare sulla democrazia, sulla responsabilità e sulla partecipazione delle persone, non sulla loro deresponsabilizzazione con lo stato di emergenza, che colpisce libertà e diritti necessari anche a combattere la pandemia e che rappresenta un pericoloso precedente sul piano della stessa conservazione dei principi costituzionali.

In Lombardia abbiamo avuto 17000 morti Covid, se in tutta Italia ci fossero stati lo stesso contagio e la stessa letalità della regione più ricca del paese i morti sarebbero stati tra i 90 e i 100000. Sono invece 35000, e questo vuol dire che i comportamenti delle persone, anche quelli dettati da sacrosanta paura, hanno contribuito a salvare vite.
Ora bisogna trasformare questi comportamenti legati alla paura in coscienza e responsabilità permanenti e proprio per questo lo stato di emergenza non serve, ma serve una politica sanitaria, economica e sociale che metta la salute prima degli affari e dei profitti.

E proprio in nome della coscienza e della responsabilità delle persone bisogna mandare all’inferno tutti i negazionisti.

Abbiamo avuto una ultima loro triste esibizione con Bocelli, Sgarbi e naturalmente Salvini. Costoro non difendono nessuna libertà, ma il pregiudizio ed il menefreghismo. Tutti i fatti del mondo contraddicono le loro fesserie da terrapiattisti, ma essi, come Bolsonaro come Trump, lo sanno benissimo. Ad essi infatti non interessa nulla del virus e dei suoi effetti, ma solo rivendicare l’individualismo più becero e feroce. Non a caso Salvini e compagnia se la prendono con la mascherina. Perché portarla è un atto di responsabilità verso gli altri che essi rifiutano, nel nome del loro concetto di libertà. Che non è altro che il liberismo estremo assorbito nei comportamenti individuali. Io faccio solo gli affari miei e nessuno mi deve dire niente, così urlano i suprematisti bianchi e così fanno loro eco i negazionisti della pandemia. È la estrema degenerazione della persona nella società di mercato che costoro difendono: libero contagio in liberi affari.

Io faccio fatica a portare a lungo la mascherina, quando serve, e allora penso agli operai che stanno con essa al caldo e alla fatica per otto o più ore, o a coloro che la devono indossare su mezzi pubblici strapieni. Questo però non mi fa dire che la mascherina sia inutile, ma invece che bisogna cambiare organizzazione del lavoro e sistema dei trasporti. Io non proclamo come libertà quella che al contrario è sottomissione agli affari ed al mercato.

A volte mi capita di trascurare la mascherina, ma mi accorgo che sbaglio perché così trascuro il fondamentale principio di precauzione: io non so fino a che punto ci sia il rischio e fino a che punto lo strumento contro di esso sia efficace, ma nel dubbio agisco come se lo fosse. La prevenzione opera perché i fatti dannosi non succedano, scontando che poi ci sia sempre qualche idiota in malafede che affermi: abbiamo buttato tempo e soldi per niente. Magari ci fosse davvero quel niente nelle fabbriche dove la strage del lavoro è ripresa prima del PIL, o nei territori e nelle città dissestati e alluvionati, o nell’ambiente avvelenato.

Io metto la mascherina perchè mi sento parte degli altri e partecipo delle loro condizioni e perché non considero un patriota chi evade le tasse o chi non rispetta le norme sulla salute. Bisogna sempre combattere i liberisti, anche quelli della mascherina.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti