Premier israeliano in Germania per sabotare accordo sul nucleare iraniano

Premier israeliano in Germania per sabotare accordo sul nucleare iraniano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il primo ministro israeliano Yair Lapid è partito per la Germania ieri, per persuadere il suo alleato occidentale ad abbandonare l'accordo nucleare iraniano, noto anche come Piano d'azione congiunto globale (JCPOA).

Israele ha giocato tutte le sue carte nel tentativo di sabotare l'accordo, sia con aggressioni militari prendendo di mira le infrastrutture iraniane in Siria, sia attraverso mezzi diplomatici.

Questi tentativi hanno avuto un certo successo almeno nel rallentare i negoziati, poiché molti si aspettavano che l'accordo fosse firmato entro poche settimane.

Anche i partner europei degli Stati Uniti, come Francia, Germania e Regno Unito, hanno ora sollevato seri dubbi sulla "sincerità" dell'Iran da portare avanti.

"Purtroppo, l'Iran ha scelto di non cogliere questa fondamentale opportunità diplomatica", hanno affermato, valutando che "invece, l'Iran continua a intensificare il suo programma nucleare ben oltre ogni plausibile giustificazione civile", si legge nella dichiarazione congiunta di Francia, Germania e Gran Bretagna.

Il primo ministro ad interim israeliano Lapid ha applaudito gli sforzi del suo paese per sabotare l'accordo, dicendo al proprio gabinetto che "Israele sta conducendo una campagna diplomatica di successo per fermare l'accordo nucleare e impedire la revoca delle sanzioni contro l'Iran".

Anche se ha avvertito che “non è ancora finita” e che c'è ancora “molta strada da fare”.

Un funzionario della diplomazia israeliana ha dichiarato, in forma anonima, all'Afp che il motivo principale della visita a Berlino è proprio l'accordo nucleare.

“È importante continuare a coordinare le posizioni e influenzare la posizione europea. La Germania ha un ruolo importante in questo", ha precisato il funzionario.

Lapid e diversi funzionari incontreranno il cancelliere Olaf Scholz, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock e il presidente Frank-Walter Steinmeier, prima del suo ritorno previsto oggi.

L'UE ha assunto la posizione di mediatore nei colloqui e sperava in un accordo per alleviare la pressione sui mercati energetici. L'accordo potrebbe immettere sul mercato circa 1 milione di barili di petrolio nei prossimi mesi. Fondamentali dopo le sanzioni alla Russia e il conseguente blocco di Mosca al suo gas e petrolio.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti