DIFESA E INTELLIGENCE/Prima missione all'estero per i caccia F-35 della Norvegia

Prima missione all'estero per i caccia F-35 della Norvegia

 
 

La NATO ha dato incarico a quattro aerei da caccia norvegesi F-35 di pattugliare lo spazio aereo sull'Islanda. Questa è la prima missione dell'F-35 norvegese all'estero, ha riferito l'emittente nazionale NRK.

 

"Ciò significa che siamo pronti per la missione sia in patria che all'estero", ha affermato il generale maggiore e il capo della difesa aerea, Tonje Skinnarland.

 

I primi tre velivoli sono arrivati ??nell'autunno del 2017. A novembre, i jet sono stati proclamati "inizialmente operativi". Ora ce ne sono 15 in Norvegia e quattro di loro sono in viaggio verso l'Islanda per una missione.

 

“Credo che sia una missione molto importante, perché è una missione di combattimento. Finalmente, possiamo svolgere un compito di combattimento, per il quale ci stiamo preparando da molto tempo”, ha detto il tenente colonnello Ståle Nymoen e comandante dello squadrone 332 alla base degli aerei Ørland.

 

Il lavoro della Norvegia in Islanda si chiama polizia aerea. L'Islanda non ha una propria difesa aerea. Dal 2006, quando gli statunitensi si ritirarono dalla base che avevano sull'isola da anni, i membri della NATO presero il controllo a rotazione. Ora è la volta della Norvegia.

 

"Dobbiamo essere in stand-by con due aerei ed essere in grado, per ordine della NATO, di arrampicarsi e identificare gli aerei in arrivo, siano essi civili, militari o di altro tipo", ha affermato Nymoen.

 

La missione durerà tre settimane e, per essere al sicuro, questa volta l'Air Force sta portando un ulteriore equipaggio. Un totale di circa 150 persone saranno spedite per far funzionare i quattro velivoli.

 

“Stiamo portando un po' di personale in più per la prima volta, se dovesse accadere qualcosa di inaspettato. Per supportare l'F-35 è necessario più personale dell'F-16”, ha spiegato Nymoen, citando una tecnologia più esigente.

 

La Norvegia ha contribuito alle missioni di polizia aerea sia in Islanda che in Lituania. L'ultima volta che i caccia norvegesi hanno sorvolato l'Islanda è stato nel 2016. Quindi sono stati gli F-16 a svolgere le missioni.

 

“È una missione familiare, l'abbiamo già fatto diverse volte con l'F-16. La novità è proprio l'F-35, e non solo il funzionamento dell'F-35 in aria, ma lo spiegamento della forza dell'F-35 in un altro paese”, ha affermato Skinnarland.

 

Gli F-16 di Oslo sono ancora utilizzati per gli avvisi di reazione rapida (QRA) in Norvegia. Il piano prevede che l'F-35 subentrerà completamente. I nuovi caccia dovrebbero diventare pienamente operativi entro il 2025.

 

Un totale di 52 F-35 sono stati acquistati in sostituzione dell'invecchiamento della flotta norvegese di F-16, che saranno gradualmente eliminati a partire dal 2019. Nonostante il prezzo ufficiale di 85,1 miliardi di NOK (oltre $ 9,2 miliardi), il quotidiano Bergens Tidende l'anno scorso ha stimato che potrebbe raggiungere i 97 miliardi di NOK ($ 10,4 miliardi). L'acquisizione è stata salutata come il più importante investimento militare della Norvegia e liquidata come il più grande errore di investimento della nazione.

Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa