Prime notizie di vittime fra i mercenari che dalla Siria sono stati inviati in Azerbaigian

Prime notizie di vittime fra i mercenari che dalla Siria sono stati inviati in Azerbaigian

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Rapporti di vittime tra i ranghi dei mercenari sostenuti dalla Turchia che sono stati inviati nella regione del Karabakh hanno iniziato ad emergere in rete, con affermazioni su diversi combattenti uccisi in scontri con le forze armene.


 
Secondo un rapporto dell'Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR), il primo mercenario è stato ucciso dopo essere stato colpito dalle forze armene nella regione del Karabakh.
 
 
 
 
 
Nel frattempo, altri rapporti sono emersi sui social media di vittime di numerosi gruppi di miliziani al servizio dell'esercito turco.
 
 
 
 
 
Il numero totale di perdite è ancora sconosciuto al momento; tuttavia, nonostante la smentita da parte delle autorità azere sulla presenza di combattenti stranieri, sembra che questi mercenari stiano effettivamente combattendo nella regione del Karabakh.
 
 
 
 
I rapporti di mercenari inviati in Azerbaigian sono emersi per la prima volta all'inizio di questo mese, quando gli attivisti dell'opposizione locale nel nord della Siria hanno iniziato a postare sugli sforzi di reclutamento nella regione di Afrin del paese.
 
Questi mercenari sono stati ora utilizzati in almeno due guerre straniere, incluso il conflitto in Libia, dove hanno iniziato a combattere per la prima volta all'inizio del nuovo anno.
 

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti