Putin: "La Russia si riserva il diritto di recedere dall'accordo sul grano in caso di nuove violazioni"

Putin: "La Russia si riserva il diritto di recedere dall'accordo sul grano in caso di nuove violazioni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La Russia rinnova la sua partecipazione all'accordo raggiunto per l'esportazione di cereali ucraini, sospeso "a tempo indeterminato" dopo l'attacco terroristico di Kiev contro le sue navi militari e civili nella baia di Sebastopoli (Crimea). Lo ha annunciato oggi il ministero della Difesa russo. Riporta l'agenzia russa Ria Novosti come per Mosca siano arrivate dall'Ucraina le “necessarie garanzie scritte per non utilizzare il corridoio del grano nel Mar Nero per operazioni di combattimento contro la Russia”, che sono state ottenute "attraverso la mediazione della Turchia e delle Nazioni Unite".

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva per primo annunciato che l'accordo sul ripristino del corridoio umanitario era stato raggiunto dopo i negoziati diretti con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu.

Mosca, riporta RT, ha precisato come - grazie alla partecipazione dell'Onu e all'assistenza della Turchia - "sono state ottenute dall'Ucraina le necessarie garanzie scritte sulla soppressione del corridoio umanitario e dei porti ucraini, ritenuti di interesse per l'esportazione. di prodotti agricoli, [come obiettivi militari] delle ostilità contro la Federazione Russa".

All'inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin aveva dichiarato che Mosca avrebbe interrotto la sua partecipazione all'accordo fino a quando l'Ucraina non avesse garantito la sicurezza delle navi nel Mar Nero. "L'attacco fallito che l'Ucraina ha lanciato contro le navi della flotta del Mar Nero" è stato effettuato da droni "sia subacquei che aerei" che hanno in parte sorvolato il corridoio attraverso il quale viene trasportato il grano dall'Ucraina. "In questo modo, hanno creato una minaccia sia per le nostre navi, che devono garantire la sicurezza dell'esportazione di grano, sia per le navi civili coinvolte".

Il presidente ha sottolineato che se Kiev attaccasse navi civili, la Russia sarebbe accusata dell'aggressione, poiché è responsabile della loro sicurezza. "Non stiamo dicendo che stiamo finendo la nostra partecipazione a questa operazione; no, stiamo dicendo che la stiamo interrompendo", aveva dichiarato.

Nel giorno del ritorno della Russia nell'accordo il presidente russo ha precisato: "Abbiamo chiesto garanzie all'Ucraina che non ci saranno più attacchi. I partner turchi hanno agito da intermediari. La Russia si riserva il diritto di recedere dall'accordo sul grano in caso di nuove violazioni. Mosca è pronta a fornire gratuitamente ai paesi più poveri tutto il grano loro destinato".
 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti