Racconti di Resistenza: Voci dal cuore forte e coraggioso della Palestina.

Racconti di Resistenza: Voci dal cuore forte e coraggioso della Palestina.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Riceviamo e pubblichiamo

di Francesco Pio Pierro

Se la resilienza avesse un nome e una storia, avrebbe il nome e la storia della Palestina. Il popolo palestinese vive da anni un’oppressione crudele, ma non si lascia sopprimere. Nel “corredo genetico” di quel popolo è impossibile desistere e ad ogni violazione si rialzano più forti. Si spera un giorno di poter vedere una Palestina libera dove ogni uomo di qualsiasi credo religioso e politico possa vivere senza alcuna minaccia, senza nessun rischio per la propria vita. Lo stato di Israele non smette di generare morti, feriti e non ha mai fine l’apartheid razzista a danno dei palestinesi.

In questa intervista vi presento l’organizzazione CPT (dove risponderà B.S. e il quale ha chiesto esplicitamente di non inserire il suo nome completo per motivi di sicurezza) che documenta le violazioni delle forze d’occupazione israeliane (IOF) a Hebron, in particolare nella città vecchia, zona H2 e sud Hebron Hills. Community Peacemaker Teams sostiene la resistenza dei palestinesi non violenta e popolare contro l’occupazione israeliana, attraverso la solidarietà e la difesa. Questa intervista ha lo scopo di raccontare la vita dei bambini palestinesi e di far luce sugli ostacoli che lo stato sionista pone di fronte a tali famiglie.

Come vive un bambino in Palestina?

I palestinesi in generale vivono in una situazione molto difficile, poiché l'occupazione israeliana ha costruito insediamenti illegali in terra palestinese e ha diviso la Palestina con posti di blocco e barricate ovunque, con il pretesto di fornire sicurezza ai coloni che vivono in insediamenti sparsi in tutta la Cisgiordania. La città di Hebron ha una situazione particolare , dove in base agli accordi di pace di Oslo Hebron è stata divisa in H1 e H2 (Hebron 1 e Hebron 2) (Protocollo di Hebron). Questo protocollo mette H2 sotto il controllo totale dell'autorità israeliana, che comprende la città vecchia e l'area intorno alla moschea Ibrahimi, dove vivono più di 40.000 palestinesi. Il popolo palestinese, e soprattutto i bambini, sono esposti alla violenza e sotto costante minaccia di arresto, detenzione, percosse e uccisioni da parte di soldati o coloni israeliani. I bambini palestinesi vivono con costante trauma, paura e violenza.

Quali sono i diritti umani che le forze di occupazione sioniste violano a danno dei bambini?

Le violazioni contro i bambini da parte dell'occupazione sono illimitate, soprattutto quando gli studenti devono attraversare i posti di blocco ogni mattina quando vanno a scuola, e nel pomeriggio quando vanno a casa. Molte violazioni si verificano davanti ai nostri occhi come osservatori, durante il monitoraggio quotidiano che conduciamo ai punti di infiammabilità dei checkpoint israeliani e dei complessi scolastici.

Alcune delle violazioni a cui abbiamo assistito regolarmente includono il lancio di gas lacrimogeni agli studenti e nei terreni della scuola e la detenzione degli studenti. Un mese fa, i soldati hanno arrestato due studenti di sette e otto anni per quasi sei ore. Hanno anche chiuso i posti di blocco per due ore che hanno causato agli studenti di arrivare tardi a scuola. Non solo l'educazione dei bambini è interrotta, ma non permettono a nessuno di passare, causando a uomini, donne e bambini di aspettare ai posti di blocco come punizione collettiva.

Altre violazioni a cui abbiamo assistito includono soldati che insultano gli studenti, che lanciano bombe sonore verso i bambini, che controllano le borse della scuola e arrestano i bambini. Un colono di nome Ofar viene al checkpoint ogni mattina e dà ordine ai soldati di aprire e chiudere i checkpoint. La strategia dei soldati israeliani è spaventare i bambini, creare una generazione che ha paura dei soldati. I bambini sono anche colpiti dai soldati che saccheggiano le loro case e arrestano i loro familiari davanti a loro, o quando demoliscono la loro casa. Secondo una statistica palestinese, il 55% dei soldati preferisce attaccare i bambini.

Vorreste raccontare la storia di un bambino che nessuno ha raccontato?

Come CPT, abbiamo molte storie da raccontare e di cui parlare, una volta stavamo osservando gli scontri in una zona del centro di Hebron chiamata Bab al Zawiyeh. I bambini che stavano lanciando pietre al checkpoint avevano circa 12 anni. Quattro soldati israeliani presero un bambino e lo misero a terra. Erano tutti sopra di lui e lo arrestarono in modo brutale. Stava gridando: "Non ho fatto nulla!" Come può un soldato pieno di armi imporre il suo potere su un bambino?

In un'altra storia, stavamo monitorando vicino a un posto di blocco israeliano quando i soldati hanno arrestato un bambino di 7 anni con il fratello di 10 anni al posto di blocco per cinque ore senza acqua o niente da mangiare. Lo accusarono di lanciare pietre, ma più tardi, i soldati dissero ai bambini che sapevano di non aver lanciato pietre al checkpoint, ma i bambini hanno bisogno di dare loro i nomi di chi stava lanciando pietre al checkpoint. Non li hanno rilasciati finché il CICR e altre organizzazioni internazionali non sono arrivate al posto di blocco. In un altro incidente, andavamo a scuola come ogni mattina, quando uno studente ci fermava. Stava piangendo e abbiamo chiesto cosa fosse successo. Ci ha detto che gli piace andare a scuola presto per giocare a calcio con i suoi amici prima dell'inizio della scuola, ma quando ha attraversato il checkpoint, un soldato è venuto a schiaffeggiarsi la faccia senza alcun motivo. Il soldato gli ha chiesto di aprire la sua borsa di scuola, ma non l'ha sentito bene poiché il soldato parla ebraico, che non è la sua lingua, così il soldato è venuto a schiaffeggiarlo e lo ha insultato.

Un'altra storia che abbiamo pubblicato sul nostro sito web se siete interessati a leggerlo, parla anche della situazione dei bambini nella città vecchia di Hebron, il suo nome è Shams.

Giorno e notte la vita in Palestina è costantemente minacciata dal dominio sionista e non c’è differenza tra bambini e adulti: ogni palestinese è chiamato a resistere per poter esistere. I bambini però sono i primi a soffrire: essere bambino significa abituarsi alla concezione di poter perdere la propria vita o la vita di un proprio caro “per un sì o per un no”. Un bambino dovrebbe giocare, ridere, immaginare e non aver paura. Attraverso i canali di informazione, che in prima persona documentano, arrivano foto e video di donne, uomini e bambini arrestati solo per aver protestato e dimostrato il dissenso contro lo Stato assassino di Israele. Fino a quando durerà il silenzio del mondo? Eppure chi si copre gli occhi di fronte a tutto questo male, è colpevole quanto chi perpetra questa violenza. È cieco chi oggi non si rende conto di quanto siano gravi i crimini commessi, ma non c’è peggior cieco di chi NON vuol vedere.

In questi giorni una scuola a Masafer Yatta è stata demolita dalle forze d’occupazione israeliane. Con ogni mezzo e ad ogni costo lo stato sionista vuole intenzionalmente abbattere la vita e l’educazione di questi bambini, non è forse l’Educazione un diritto umano fondamentale? Ma i palestinesi di Masafer Yatta hanno costruito (notizia instagram di CPT) una tenda per assicurare l’educazione necessaria ai loro figli.

CPT, come la forza e la determinazione di quel popolo, è il segno vivo di un mondo che può cambiare resistendo e facendo una buona informazione NON al servizio dei padroni, ma degli indifesi e degli ultimi.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente