"Reazione immediata": l'Occidente accusa il Cremlino per la morte di Alexei Navalny

"Reazione immediata": l'Occidente accusa il Cremlino per la morte di Alexei Navalny

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Diverse organizzazioni internazionali e alti dirigenti occidentali hanno reagito immediatamente alla morte dell'attivista politico russo Alexei Navalny (che è nella lista dei terroristi ed estremisti della Federazione Russa). 

Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg si è detto "profondamente rattristato e preoccupato" per la notizia. "Tutti i fatti – riguardanti la morte di Navalny - devono essere accertati e la Russia ha serie domande a cui rispondere", ha dichiarato alla stampa. 

A sua volta, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, ha dichiarato alla NPR che la notizia "solleva domande reali e ovvie su ciò che è accaduto".

Nel frattempo, diversi politici si sono affrettati ad addossare la responsabilità dell’accaduto al presidente russo Vladimir Putin. L'Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, ha dichiarato che la morte dell'attivista "è responsabilità esclusiva del [presidente russo Vladimir] Putin".

Il presidente lettone Edgars Rinkevics ha dichiarato che Navalny "è appena stato brutalmente assassinato dal Cremlino". 

Da parte sua, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha scritto sul suo account X che "l'UE ritiene il governo russo l'unico responsabile di questa tragica morte". "Per i suoi ideali, ha compiuto l'estremo sacrificio", ha affermato.

Tra gli altri, hanno già reagito il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il primo ministro britannico Rishi Sunak, il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez, il primo ministro belga Alexander De Croo e il presidente lituano Gitanas Nauseda.

In questo contesto, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha sottolineato che "la reazione istantanea dei leader della NATO alla morte di Navalny sotto forma di accuse dirette alla Russia è rivelatrice". "Non c'è ancora un rapporto forense, ma l'Occidente ha già pronte le sue conclusioni", ha scritto sul suo account Telegram.

Secondo le informazioni disponibili, Navalny si è sentito male venerdì dopo una passeggiata e ha perso conoscenza. I medici ne hanno dichiarato il decesso. Alcuni media riferiscono che si è trattato di un distacco di coaguli di sangue, ma non ci sono ancora conferme ufficiali.

Nell'agosto 2023 il Tribunale della città di Mosca ha condannato Alexei Navalny a 19 anni di reclusione con l'accusa di estremismo. È stato giudicato colpevole dei reati di creazione di un'organizzazione estremista (il Fondo anticorruzione), di aver lanciato appelli pubblici di natura estremista, di aver creato un'organizzazione senza scopo di lucro che viola i diritti dei cittadini, di aver finanziato l'estremismo e di aver coinvolto minori in azioni pericolose che mettevano a rischio la loro vita.

Alla fine del 2014, Navalny ha ricevuto anche una condanna a 3,5 anni di carcere per il caso Yves Rocher, in cui è stato accusato di frode su larga scala nell'ambito della sua attività commerciale. Secondo la sentenza, Alexei e suo fratello Oleg hanno rubato 26,8 milioni di rubli (circa 290.000 dollari al valore attuale) dalla società francese Yves Rocher e 4,5 milioni di rubli (più di 48.000 dollari al valore attuale) da un'altra società collegata al caso.

Il blogger è stato incarcerato dopo che la sua condanna sospesa nel febbraio 2021 nel caso di appropriazione indebita di Yves Rocher è stata sostituita da una detenzione effettiva a causa di violazioni della libertà vigilata.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti