Recovery Fund, MES e quell'asta dei titoli di Stato bloccata il 10 dicembre

Recovery Fund, MES e quell'asta dei titoli di Stato bloccata il 10 dicembre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Filippo Violi 

 

Il Recovery fund è un prestito con condizionalità (e sappiamo tutti cosa s'intende con tale termine), un salasso futuro per gli italiani. Non esiste parte a fondo perduto, è solo un trucco contabile, sono nostri soldi che versiamo annualmente nel bilancio europeo. 

Chiediamoci il perchè il 10 dicembre è stata bloccata l'asta sui titoli di Stato nel mentre si è dato il via all'approvazione del Mes.

Il 1992 è stato un anno tragico per le sorti del popolo italiano. Il golpe giudiziario "mani pulite" ha permesso l'avanzata verso Sud degli austromonetaristi tedeschi e dei paesi frugali.

Negli ultimi trent'anni si è assistiti inermi al trionfo del plusvalore assoluto e al conseguente tonfo dei salari e dei diritti dei lavoratori( pubblici e privati), con la compiacenza dei governi di centrosinistra e centrodestra, sotto l'imprimatur di confindustria e della triplice alleanza sindacale confederale. Sono stati smantellati i colossi pubblici statali e  consegnati al mercato fittizio dei capitali. La finanza ha divorato ogni cosa e ha impoverito l'economia reale, ammazzando classe media e proletariato.

Di contro si è assistiti all'ascesa prerompente della Cina che ha sposato in pieno il modello italiano degli anni '60: ampliamento delle prestazioni universali gratuite, dalla casa alla sanità, unite alla reflazione salariale, che ha aumentato la massa salariale dei lavoratori canalizzata in parte nel risparmio e in parte nel consumo.

Oggi la Cina conta 600 milioni di persone che rappresentano la classe media, in pratica quanto  Europa e Stati Uniti messi insieme. Non si sono inventati niente hanno appreso ogni cosa da noi e ora gestiscono tutto attraverso un piano di controllo dei colossi pubblici da parte dello Stato. 

Una storia riscritta da Pasquale Kartana Cicalese nel suo libro "Piano contro mercato" (L.A.D., 2020) contro la storiografia ufficiale, corredata di dati, analisi e teorie scientifiche che trovano la loro applicazione sul campo.

 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe