Regno Unito considera di incarcerare i "troll" per legge

Regno Unito considera di incarcerare i "troll" per legge

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Tyler Durden - ZeroHedge 

Scritto da Brad Polumbo tramite FEE.org

Il Regno Unito, che non ha un Primo Emendamento, ha visto lentamente erosi i diritti di libertà di parola dei cittadini e ora potrebbe presto iniziare a mettere in prigione le persone per il solo fatto di  essere troll su Internet.    

In discussione è la legge, ancora, in sospeso chiamata "Online Safety Bill", che apparentemente punisce le società di social media che consentono molestie. 

Tuttavia, potrebbe essere ampliata per includere nuove sanzioni penali per gli individui che si impegnano in discorsi sgradevoli online.  

"I troll potrebbero rischiare due anni di carcere per aver inviato messaggi o postare contenuti che causano danni psicologici ai sensi della legislazione contro l'odio online", riporta il  Times  di Londra . “Il Dipartimento per la Cultura, i Media e lo Sport ha accettato le raccomandazioni della Commissione Legge per i crimini da basare su 'probabili danni psicologici'. La proposta di modifica della legge sposterà l'attenzione sull'"effetto dannoso" di un messaggio piuttosto che sul contenuto "indecente" o "grossolanamente offensivo", che è la base attuale per valutarne la criminalità".

Secondo quanto riferito, altri reati verranno  creati per "comunicazione consapevolmente falsa", applicata a coloro che "inviano o pubblicano un messaggio che sanno essere falso con l'intenzione di causare danni emotivi, psicologici o fisici al probabile pubblico". I nuovi reati includeranno anche la punizione per i "pile-on" dei social media, in cui i gruppi si uniscono e sono scortesi con le persone online.

Secondo quanto riferito, il segretario alla cultura Nadine Dorries sta pianificando di aggiungere queste disposizioni alla legge sulla sicurezza online quando sarà introdotta in Parlamento il mese prossimo.

Questo palese tentativo di censura del discorso online è profondamente preoccupante. Il governo non ha assolutamente alcun diritto di punire le persone per le parole che "causano danni agli altri", uno standard così soggettivo e sfuggente che è incredibile. Questo standard vago potrebbe essere usato per mettere a tacere qualsiasi discorso che si trova offensivo. E sicuramente soffoca il libero scambio di idee che porta al progresso sociale.  

Idee come consentire alle donne di votare, porre fine alla segregazione razziale e legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso erano tutte considerate una volta "dannose" da molti. Se il discorso soggettivamente dannoso o distruttivo viene soffocato, il progresso viene drasticamente rallentato. 

Inoltre, il governo che punisce i discorsi "consapevolmente falsi" è profondamente inquietante. In primo luogo, non è una questione in bianco e nero determinare effettivamente cosa è "vero" e cosa è "falso". 

Ci sono un milione di sfumature di grigio e dibattiti robusti sulla realtà dei fatti su innumerevoli argomenti. Nessuno che apprezzi la libertà dovrebbe desiderare che un Ministero della Verità governativo determini quale discorso è "falso" e punisca coloro che lo diffondono. 

E tutto questo avrebbe un effetto raggelante sui discorsi che mettono in discussione lo status quo o il governo stesso. 

Dopo tutto, la libertà di parola non esiste per proteggere il discorso popolare o incontrovertibile; tale discorso ha poco bisogno di protezione. Sono voci e informazioni dissidenti che minacciano il potere centralizzato che viene schiacciato con il pretesto di "proteggere le persone" da discorsi "dannosi". 

I nuovi sforzi di censura del Regno Unito non fanno eccezione.

"È molto probabile che le leggi siano inefficaci nel mantenere le persone al sicuro, mentre in realtà limitano considerevolmente la libertà di parola, oltre a creare un brivido facendo sentire le persone che non capiscono davvero la legge troppo spaventate per dire effettivamente quello che vogliono dire", ha  affermato il  professor Paul Bernal della facoltà di giurisprudenza dell'Università dell'East Anglia. "Questa è la linea di fondo qui: l'impatto principale di leggi come questa sarà quello di limitare le legittime critiche alle persone al potere".

Infatti lo faranno. Gli americani dovrebbero ascoltare il triste esempio del Regno Unito come avvertimento di quale destino potrebbe aspettarci se non proteggiamo gelosamente i nostri diritti alla libertà di parola.

 

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti