Repubblica Ceca: "Bruceremo tutto il possibile per riscaldare la nostra gente e per produrre elettricità"

Repubblica Ceca: "Bruceremo tutto il possibile per riscaldare la nostra gente e per produrre elettricità"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ambasciatore del governo della Repubblica Ceca per la sicurezza energetica, Vaclav Bartuska, ha affermato, ieri, durante in una missione speciale che il suo Paese è pronto a garantire la sicurezza energetica dei suoi cittadini durante la prossima stagione invernale.

Ecco in che modo: "Se c'è un taglio del gas quest'inverno , bruceremo tutto il possibile per mantenere la nostra gente al caldo e per produrre elettricità", ha detto Bartuska ai giornalisti a Bruxelles, citato dal portale Euractiv .

L'alto funzionario ceco ha parlato con i giornalisti in vista dell'inizio della presidenza di turno del Consiglio europeo di Praga, che inizierà il 1° luglio e durerà sei mesi, subentrando così alla Francia.

La sicurezza energetica è uno dei punti chiave della presidenza ceca. Nel suo programma, Praga ribadisce l'impegno dell'Unione Europea a rimuovere la sua dipendenza dai combustibili fossili russi, descritto come " il principale obiettivo a breve termine ".

Parallelamente, si adopererà per attuare le disposizioni del piano REPowerEU , presentato dall'UE a maggio, che mira a ridurre di due terzi la dipendenza dal gas russo fino alla fine di quest'anno. L'iniziativa sottolinea, tra l'altro, la necessità del risparmio energetico e l'accelerazione della transizione verso fonti di energia rinnovabile a basse emissioni di carbonio.

Riferendosi alla sicurezza energetica, Bartuska ha osservato che la diversificazione delle forniture di gas può essere realizzata firmando contratti a lungo termine. "Abbiamo parlato con potenziali fornitori di gas naturale liquefatto e loro volevano contratti a lungo termine, 20 o 15 anni, ma la maggior parte di loro 20".

Sebbene il blocco dell'UE sia stato reticente su tali contratti in passato, Bruxelles è disposta a prenderli in considerazione. "Non l'avrebbero sentito dal commissario un anno fa, o sei mesi fa, o quattro mesi fa . C'è una chiara comprensione da parte loro che gli Stati membri devono sopravvivere, i governi devono sopravvivere all'inverno", ha sottolineato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti