Covid-19: medicina e ricerca/Rivelati i sintomi dei volontari che hanno ricevuto un vaccino sp...

Rivelati i sintomi dei volontari che hanno ricevuto un vaccino sperimentale per il Covid-19 in Russia

 

I partecipanti al progetto rimarranno isolati in stanze speciali per riprendere la loro vita normale dopo 28 giorni

I ricercatori dell'Università di Sechenov (Mosca), che stanno lavorando sullo sviluppo del vaccino covid-19, ieri, hanno iniettato il farmaco sperimentale per il secondo gruppo di 20 volontari nell'ambito di studi clinici, secondo i rapporti della istituzione accademica.

 
È stato spiegato che il primo ciclo di iniezioni ha iniziato ad essere applicato dal 18 giugno ad altri partecipanti , due giorni dopo che il Ministero della Salute russo ha autorizzato i test sulle persone.
 
Nelle prime ore dopo aver ricevuto il vaccino per via intramuscolare, alcuni dei pazienti - uomini e donne tra 18 e 65 anni - presentavano lievi mal di testa e aumenti della temperatura corporea. Questi sintomi postvaccinali sono scomparsi spontaneamente entro 24 ore.
 
Una reazione caratteristica
 
"La reazione al vaccino contro l'infezione da coronavirus è stata normale, [è] caratteristica per altri tipi di iniezioni . In questo momento, tutti i partecipanti allo studio si sentono bene", ha dichiarato Elena Smolarchuk, principale ricercatrice del progetto.
A sua volta, il rettore dell'università, Piotr Glybochko, ha osservato che lo sviluppo di questo vaccino è un obiettivo "di estrema importanza" per la Russia e che lo studio è condotto da specialisti altamente qualificati in conformità con le disposizioni legali della paese e internazionale.
 
28 giorni di isolamento
 
Tutti i volontari che partecipano al programma sono isolati nelle stanze di ospedale per uno o due pazienti, dotati di frigoriferi, mobili e bagni privati. In questo modo, è possibile osservare la loro risposta immunitaria, riducendo al minimo il rischio di un'infezione esterna.
 
Sono anche in costante comunicazione con i medici, hanno supporto psicologico ed eseguono esercizi di terapia fisica per compensare la mancanza di attività motoria.
 
Tutti i volontari sono adeguatamente assicurati e hanno accesso alle informazioni relative alle procedure cliniche, nonché ai rischi corrispondenti. È dettagliato che torneranno alla loro vita normale dopo 28 giorni dopo l'iniezione e i medici continueranno a monitorare il loro stato di salute nei 6 mesi seguenti.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa