/ Rohaní: l'Iran ricorrerà ai tribunali internazionali contro gli S...

Rohaní: l'Iran ricorrerà ai tribunali internazionali contro gli Stati Uniti per le sanzioni

 

Il presidente iraniano denuncia che le sanzioni di Washington hanno influenzato il valore del rial, la valuta nazionale del suo paese, e l'aumento dell'inflazione.


Il presidente iraniano Hasan Rohani ha annunciato oggi che Teheran denuncerà i funzionari statunitensi per aver imposto sanzioni contro l'Iran al fine di portare il caso davanti ai tribunali internazionali, riferisce la Reuters. Il presidente ha descritto le misure restrittive imposte da Washington come "crimini contro l'umanità" che stanno causando difficoltà alla sua nazione.
 
In una trasmissione in diretta sullo stato discorso televisivo, Rohani ha sostenuto che le sanzioni degli Stati Uniti hanno colpito il valore del rial, la valuta ufficiale dell'Iran, e una maggiore inflazione, anche se il presidente ha precisato che il governo è in grado di superare le difficoltà.
 
Greggio iraniano
 
Le tensioni tra Teheran e Washington si sono intensificate nuovamente la settimana scorsa, quando il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato durante un incontro con i rappresentanti del settore petrolifero che gli Stati Uniti hanno in programma di far uscire il greggio iraniano dal mercato internazionale.
 
"Ci impegniamo a ridurre le esportazioni di greggio iraniano a zero non appena le condizioni del mercato lo consentiranno", ha ribadito.
"Dobbiamo rimboccarci le maniche e competere: facilitare gli investimenti, incoraggiare i membri a comprarci e punire i trasgressori", ha detto.
 
Nel frattempo, all'inizio del dicembre scorso l'Iran ha messo in guardia gli Stati membri in merito alla possibile fine delle esportazioni di petrolio dal Golfo Persico, se Teheran è privato della possibilità di fornire il suo petrolio verso i mercati esteri.
 
Avvicinamento tra Iran e Iraq
 
In mezzo a queste tensioni, Rohani ha condotto la scorsa settimana un viaggio in Iraq, annunciato come "storica e nobile" dal suo ministro degli Esteri, Mohammad Javad Zarif. Durante la visita, sono stati firmati documenti sulla cooperazione commerciale, assistenza medica, questioni energetiche, questioni consolari e su una linea ferroviaria che collegherebbe l'Iran sudoccidentale con la regione irachena ricca di petrolio di Bassora.
 
L'Iran intende aumentare il volume degli scambi con l'Iraq a 20 miliardi di dollari dai quasi 13 correnti. Nel 2018 il valore delle esportazioni iraniane nel paese vicino ha raggiunto circa 9 miliardi di dollari.
 
Fonte: Reuters - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa