/ Rohani: Riad deve considerare l'attacco alle sue raffinerie come ...

Rohani: Riad deve considerare l'attacco alle sue raffinerie come un avvertimento per porre fine alla guerra nello Yemen

 

Il Presidente iraniano Hasán Rohaní ha affermato in precedenza che la popolazione yemenita "si protegge dagli attacchi" della coalizione saudita che subisce quotidianamente e provoca la morte di innocenti.


Il presidente iraniano Hasan Rohani ha dichiarato che l'Arabia Saudita dovrebbe vedere l'attacco lanciato sabato scorso contro due delle sue raffinerie di petrolio come un avvertimento per porre fine alla guerra in Yemen, riferisce AP.
 
Rohaní ritiene che i ribelli Houthi dello Yemen abbiano portato a termine la loro azione come "avvertimento" dopo che diversi ospedali, scuole e mercati nello Yemen sono stati bombardati ore prima durante un attacco attribuito alla coalizione guidata dai sauditi.
 
Ha anche ribadito che Teheran non vuole conflitti nella regione e ha accusato gli Stati Uniti e la coalizione militare guidata dall'Arabia Saudita di aver dato inizio al conflitto yemenita. "Chi ha iniziato il conflitto? Non gli yemeniti. Sono stati l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, gli Stati Uniti, alcuni paesi europei e il regime sionista [Israele]", ha ricordato Rohani durante una riunione di governo nella capitale iraniana.
 
Da parte sua, il ministro della Difesa iraniano, Amir Khatam, ha anche respinto categoricamente le accuse che ritengono Teheran responsabile degli attacchi contro le raffinerie saudite.
 
Lunedì scorso Rohaní ha affermato che l'attacco è stato lanciato dai ribelli Houthi dello Yemen per autodifesa.
"Ogni giorno lo Yemen viene bombardato e la popolazione innocente viene uccisa. Pertanto, il popolo yemenita è stato costretto a rispondere a causa dell'afflusso di armi che entra ogni giorno in Arabia Saudita e viene usato contro di loro. A questo proposito, ha evidenziato che la popolazione yemenita "si protegge dagli attacchi".
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa