Russia al terzo vaccino:"Li facciamo da 60 anni. Sconfitte poliomielite e febbre gialla"

Russia al terzo vaccino:"Li facciamo da 60 anni. Sconfitte poliomielite e febbre gialla"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il terzo vaccino per il Covid-19 registrato in Russia si basa su una piattaforma "perfettamente convenzionale", e coloro che sono stati iniettati non hanno avuto effetti collaterali, ha spiegato il creatore del farmaco a RT, responsabile del Chumakov Scientific Center,.

Il vaccino CoviVac ha ricevuto l'approvazione delle autorità sanitarie russe il 20 febbraio scorso. Il primo lotto di dosi dovrebbe essere disponibile al pubblico a metà marzo, secondo il governo.

Il vaccino si basa sulla tecnologia più tradizionale che esiste da molto tempo ed è ampiamente utilizzata in tutto il mondo, ha dichiarato a RT Aidar Ishmukhametov, direttore generale del Chumakov Scientific Center.

"A livello globale, quasi il 100% dei vaccini contiene agenti patogeni vivi o disattivati", ha aggiunto, ricordando che quello sviluppato dal suo centro contiene un coronavirus "inattivato" (morto). Questo tipo di vaccino simula un processo di infezione naturale, introducendo il sistema immunitario al virus e "insegnando" al corpo a combattere il patogeno senza il rischio che si diffonda attraverso il corpo e provochi malattie, ha precisato.

"Due settimane dopo la prima dose, diamo a una persona un'altra per rafforzare la risposta immunitaria. Di conseguenza, il corpo diventa pienamente in grado di combattere il virus da solo", ha sostenuto Ishmukhametov, aggiungendo che questo vaccino prevede due dosi, come nel caso di tutti gli altri vaccini Covid-19 attualmente esistenti.

Si basa su un particolare esemplare di coronavirus che è risultato essere più suscettibile all'inattivazione e alla riproduzione controllata nel centro. Tuttavia, Ishmukhametov ritiene che il vaccino sarà efficace contro tutti i ceppi di Covid-19, inclusa la variante sudafricana, che secondo quanto riferito si è dimostrata resistente al vaccino AstraZeneca.

“Dato che stiamo parlando di un vaccino a virione intero, le deviazioni nella sequenza genetica - qualcosa che si chiama ceppi diversi o varianti diverse - sono insignificanti e ammontano a meno dell'uno per cento. Quindi, sarebbe strano pensare che un vaccino a virione intero potrebbe non funzionare contro nuovi ceppi, considerando quanto siano piccole le differenze", ha sottolineato.

CoviVac ha ricevuto l'approvazione nazionale in Russia mentre era ancora nella seconda fase degli studi clinici. Ora deve passare attraverso la terza fase in modo che gli sviluppatori possano valutare con precisione la sua efficacia, secondo Ishmukhametov. 

Tuttavia, le prime prove hanno già dimostrato che non ha effetti collaterali.

"La cosa più importante è che a questo punto abbiamo un vaccino che sicuramente non ha effetti collaterali", affermando che, su 300 volontari, nessuno ha riportato alcun sintomo tranne che per il dolore occasionale intorno al sito di iniezione.

Il centro prevede di pubblicare più dati sul suo vaccino in due o tre mesi, poiché Ishmukhametov dice che il suo centro non deve "provare nulla sul nostro istituto o sui nostri vaccini".

"Lo facciamo da 60 anni e abbiamo sconfitto la poliomielite e la febbre gialla", ha detto, aggiungendo che il Centro Chumakov ospita il Centro di collaborazione per la sorveglianza e la ricerca di poliovirus ed enterovirus dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e attivamente collabora con l'organismo della salute delle Nazioni Unite.

In precedenza, la Russia ha approvato l'EpiVacCorona, sviluppato dal Vector Institute con sede in Siberia, e Gam-COVID-Vac (noto anche come Sputnik V), per l'uso di emergenza. Il vaccino Sputnik V, da allora, ha ricevuto l'approvazione in 30 nazioni, secondo il Russian Direct Investment Fund (RDIF), che ha finanziato lo sviluppo.

A differenza di altri, tutti gli attuali vaccini russi, compreso il CoviVac di recente introduzione, possono essere conservati in normali condizioni di frigorifero, facilitando la distribuzione.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest? di Francesco Santoianni Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia di Marinella Mondaini Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

Malati fino a prova contraria: che società sarà? di Giuseppe Masala Malati fino a prova contraria: che società sarà?

Malati fino a prova contraria: che società sarà?

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia di Antonio Di Siena Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti