Russia e Siria raggiungono un accordo su 40 nuovi progetti

Russia e Siria raggiungono un accordo su 40 nuovi progetti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il vice primo ministro russo Yuri Borisov ha confermato, durante una conferenza stampa congiunta tenutasi ieri con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il suo omologo siriano Walid al-Muallem nella capitale siriana, che Siria e Russia hanno diplomazia rapporti in vari campi e sono in corso lavori per rafforzarli, il che indica che la delegazione russa ha tenuto colloqui costruttivi con il nuovo primo ministro siriano Hussein Arnous.


 
Borisov ha detto: "Mosca ha consegnato a Damasco lo scorso luglio un progetto russo sull'espansione del commercio e della cooperazione economica tra i due paesi, indicando che il nuovo accordo tra Siria e Russia include più di 40 nuovi progetti nella ricostruzione del settore energetico, una serie di centrali idroelettriche e l'estrazione del petrolio dal mare."
 
Il vice primo ministro russo ha anche indicato che "è stato firmato un contratto di lavoro per una società russa per esplorare ed estrarre petrolio e gas al largo della costa siriana", esprimendo la sua speranza di "firmare un accordo commerciale con il governo siriano durante la sua prossima visita a Damasco. il prossimo dicembre. "
 
 

 
 
Il funzionario russo ha indicato che “la maggior parte delle aree ricche di petrolio e gas sono fuori dal controllo del governo siriano, il che gli impedisce di commerciare petrolio, dato che è un'importante fonte di entrate. Lo stesso vale per i terreni agricoli, poiché dopo che la Siria esportava grano, ora lo importa ".
 
Da parte sua, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato: “La visita della delegazione russa si è concentrata sull'orizzonte della cooperazione per sviluppare le relazioni tra i due paesi alla luce dei nuovi sviluppi nella regione, indicando che la delegazione ha discusso con il presidente Al-Assad l'attuale situazione in Siria ed è stato concordato che la situazione sul campo dovrebbe essere calma e unificata. "
 
Lavrov ha fatto riferimento alla "insoddisfazione di tutte le forze esterne per gli sviluppi positivi in ??Siria e agli sforzi di queste forze per cercare di strangolare il popolo siriano".
 
Ha sottolineato il continuo sostegno del suo paese alle operazioni per sconfiggere il terrorismo nei territori siriani.
 
Nella sua risposta alla domanda di un giornalista, il ministro degli Esteri russo ha spiegato che il Consiglio democratico siriano e la Piattaforma di Mosca esprimono nel documento firmato tra loro a Mosca il loro pieno impegno per l'indipendenza, l'integrità e l'integrità territoriale della Siria, sottolineando che la questione della le elezioni presidenziali sono la decisione sovrana della Repubblica araba siriana.
 
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti