Russia, esperto militare assicura che il caccia Su-57 è molto superiore agli statunitensi F-22 e F-35

Russia, esperto militare assicura che il caccia Su-57 è molto superiore agli statunitensi F-22 e F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I caccia prodotti dalla Russia sono ancora indietro rispetto ai concorrenti occidentali? La propaganda martellante dell’occidente vorrebbe accreditare questa narrazione, ma le evidenze mostrano ben altro. 

A cominciare dal fiore all’occhiello di Mosca: il caccia stealth Su-57. Il caccia di quinta generazione Sukhoi Su-57, prodotto d’avanguardia dell’aviazione militare russa, supera i suoi rivali statunitensi in sistemi d'arma, robotica, radar e attrezzature per la guerra elettronica. A spiegarlo all’agenzia russa Tass è l'esperto militare Alexei Leonkov, che smentisce alcuni media occidentali i quali affermano che gli aerei russi sono ancora indietro rispetto agli statunitensi F-22 e F-35.

"Il Su-57 li supera ormai in termini di quantità e diversità di armamenti. Inoltre, le ultime soluzioni, il secondo pilota come sistema che facilita il controllo degli aerei e le operazioni di combattimento, un radar sferico all-around che ‘vede’ tutto e i sistemi di guerra elettronica all'avanguardia a bordo del Su-57 lasciano molto indietro i rivali statunitensi”, ha sottolineato l'esperto.

Gli Stati Uniti enfatizzano la postcombustione supersonica, la bassa firma infrarossa, la manovrabilità, i decolli brevi, l'avionica avanzata, le capacità multiruolo e la centralità della rete come criteri principali per gli aerei di quinta generazione, ha poi aggiunto l’esperto.

"Per molto tempo si è creduto che solo i caccia F-22 e F-35 potessero essere definiti di quinta generazione, ma questi velivoli mancano di una bassa firma radar e quindi possono essere abbattuti", ha evidenziato Leonkov.

"L'Occidente vorrebbe vederci in ritardo, ma non è così. In Russia si possono vedere progressi evidenti sia per quanto riguarda i velivoli bimotore che monomotore”. 

Il Sukhoi Su-57 è un caccia multiruolo di quinta generazione di fabbricazione russa designato per distruggere tutti i tipi di bersagli aerei, terrestri e navali. Il caccia Su-57 è dotato di tecnologia stealth con l'ampio uso di materiali compositi. Il velivolo è in grado di raggiungere una velocità di crociera supersonica ed è dotato delle più avanzate apparecchiature radio-elettroniche di bordo, tra cui un potente computer di bordo (il cosiddetto secondo pilota elettronico), con il sistema radar diffuso sulla fusoliera e alcune altre innovazioni, in particolare, armamenti posti all'interno della fusoliera.

Inoltre i caccia russi di quinta generazione saranno armati con i nuovi missili aria-aria R-77, che sarà il principale armamento aria-aria dei velivoli stealth Su-57. Tecnologicamente, l'R-77 è un missile homing radar attivo, il che significa che il cercatore stesso ha un piccolo radar che invia impulsi radar per rilevare il bersaglio e quindi utilizza tali informazioni per puntare sul bersaglio. Gli attuali R-77 e R-77-1 utilizzano radar doppler a direzione meccanica senza AESA, mentre si dice che le future varianti utilizzeranno AESA, in cui il raggio radar può essere diretto elettronicamente con maggiore precisione e velocità (l'uso di AESA non preclude la uso della direzione meccanica; i moderni radar russi sono stati visti con entrambi). I missili possiedono anche una guida inerziale. Aerodinamicamente, l'R-77 si distingue tra i missili aria-aria in quanto utilizza pinne a griglia (reticolo), un'innovazione che aumenta notevolmente la superficie rispetto alle alette tradizionali. Ciò consente all'R-77 di manovrare ad angoli di attacco più elevati. Queste alette sono anche pieghevoli consentendo all'R-77 di essere posizionato su alloggiamenti per missili interni di alcuni aerei. L'R-77 utilizza anche una spoletta di prossimità laser, in contrasto con l'AIM-120, che utilizza una spoletta di prossimità radar.

Un portale come lo statunitense The National Interest, mai tenero con i prodotti russi, scrive che “l’imminente variante dell'R-77M da utilizzare sul Su-57 è entusiasmante, con il possibile cercatore AESA e il ritorno a un layout tradizionale delle pinne”. 

Le forze aerospaziali russe riceveranno 22 caccia Su-57 entro la fine del 2024 e il loro numero aumenterà a 76 entro il 2028. Il primo caccia Su-57 è stato consegnato all'esercito russo nel 2020.

All’orizzonte c’è poi un nuovo caccia. La United Aircraft Corporation russa (parte della società tecnologica statale Rostec) ha presentato l'aereo tattico leggero Checkmate al MAKS di quest'anno. L'ultimo caccia russo all'avanguardia dovrebbe competere con l'F-35A Lightning II nordamericano e lo svedese JAS-39 Gripen.

Checkmate incorpora i sistemi più recenti, inclusa la sua configurazione ad architettura aperta per soddisfare i requisiti del cliente e le esclusive tecnologie di intelligenza artificiale. Il caccia tattico leggero all'avanguardia dovrebbe prendere il volo per la prima volta nel 2023.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti