Sahara Occidentale. Attacco con droni, ucciso Comandante Fronte Polisario

Sahara Occidentale. Attacco con droni, ucciso Comandante Fronte Polisario

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il capo della Guardia Nazionale del Fronte Polisario, Adaj el Bendir, 65 anni, è stato ucciso martedì scorso da un attacco aereo, secondo un comunicato diffuso dalla Sahara Press Service (Sps), l'agenzia ufficiale dell'organizzazione saharawi. 

Nell'annuncio si aggiunge che El Bendir è morto "sul campo con onore" quando si trovava nella "zona liberata" di Rouss Irni, a Tifariti, comune situato nel nord del Sahara e sotto il controllo del Polisario. 

Bendir è stato colpito dai colpi di un drone mentre si stava ritirando dopo un'incursione compiuta nella zona controllata dall'esercito marocchino, secondo fonti saharawi.

Da parte loro, le autorità marocchine ancora tacciono, cosa comune da quando il Fronte Polisario ha decretato lo stato di guerra il 13 novembre 2020. Quello stesso giorno ci fu uno scontro a fuoco tra soldati dell'esercito marocchino e membri del Fronte Polisario nel zona smilitarizzata di Guerguerat, vicino al confine con la Mauritania.

La pagina Facebook FAR-Maroc (Royal Armed Forces), un sito non ufficiale che di solito riporta informazioni dall'esercito marocchino, ha riferito ieri che l'obiettivo dell'attacco era il segretario generale del Fronte Polisario, Brahim Gali .

Fonti saharawi hanno indicato che non è così difficile per un alto funzionario morire sul campo: “I nostri comandanti di solito sono in prima linea. Né sarebbe strano se un giorno lo stesso Brahim Gali morisse sul campo di battaglia. Al contrario, sarebbe un onore per lui. I nostri comandanti sanno che il modo per dare morale alle truppe è dare l'esempio ed essere lì, in prima linea."

Adaj el Bendir è entrato nelle fila del Fronte Polisario nel 1978 e ha partecipato a diverse battaglie durante la guerra con il Marocco (1976-1991).

A giugno era stato nominato comandante della Guardia nazionale, era il padre di sette figli, sei dei quali maschi.

L'organizzazione saharawi sostiene di aver subito quattro vittime finora. Il primo è avvenuto il 24 febbraio a causa del "fuoco nemico". Altri due dei suoi membri sono stati successivamente uccisi.

A febbraio il Fronte Polisario ha affermato di aver ucciso tre soldati e un sottufficiale marocchino , su questa azione Rabat ha taciuto. 

Da parte sua, la Missione delle Nazioni Unite per il referendum nel Sahara occidentale (MINURSO), organizzazione che conta almeno 240 osservatori sul campo, non ha rilasciato alcuna dichiarazione pubblica sugli ultimi eventi.

Decine di migliaia di saharawi fuggirono nel 1976 in direzione del deserto e si stabilirono in vari campi vicino alla città algerina di Tindouf. Il conflitto è stato bloccato da quando entrambe le parti hanno firmato il cessate il fuoco nel 1991.

 Un'intera generazione è cresciuta in questi 45 anni in quelle brughiere, con poche altre risorse se non quelle che vengono dall'Algeria e la solidarietà internazionale.

Fino allo scorso novembre erano stati apportati pochi cambiamenti. Quel mese, tuttavia, il Marocco ha raggiunto il suo più grande successo diplomatico quando l'amministrazione dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha riconosciuto la sovranità marocchina sul Sahara occidentale, mentre Rabat ha iniziato le relazioni diplomatiche con Israele.

Da allora, il Marocco ha cercato di convincere l'Unione europea - e in particolare la Spagna - a lanciare gesti nella stessa direzione di Trump. Finora nessun paese europeo lo ha fatto, nemmeno la Francia, che è il più potente alleato di Rabat. 

Lo scorso marzo, il ministero degli Esteri marocchino ha sospeso i suoi contatti con l'ambasciata tedesca nel Paese. Attraverso un comunicato interno, debitamente trapelato alla stampa, il governo marocchino ha denunciato "profonde incomprensioni" per sospendere i suoi rapporti con la legazione tedesca. Sia Berlino che Madrid hanno sostenuto la ricerca di una soluzione accettata da entrambe le parti e sotto la mediazione dell'ONU. Il Marocco, tuttavia, ritiene che questa posizione dell'Unione europea sia una "zona di comfort" da cui Bruxelles deve uscire.

Nel frattempo, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite prevede di affrontare il conflitto nel Sahara occidentale il prossimo 21 aprile. La situazione diventa tesa ogni anno in questo periodo, quando il Consiglio deve decidere se prorogare il mandato della sua missione nel Sahara. Le parti coinvolte non sono nemmeno riuscite a mettersi d'accordo sulla nomina di un inviato speciale del Segretario generale dell'Onu. L'ultimo a ricoprire la carica, l'ex presidente tedesco Horst Köhler , si è dimesso nel 2019 adducendo motivi di salute.

La Repubblica Araba Saharawi Democratica (SADR), ente riconosciuto come governo solo dall'Unione Africana, ha chiesto un seggio all'ONU. È l'Algeria che difende gli interessi del Fronte Polisario e della SADR presso la sede delle Nazioni Unite. Il Marocco evita sempre di riconoscere l'organizzazione saharawi e chiede di negoziare direttamente con l'Algeria per risolvere il conflitto. Mentre Algeri di solito richiede seri colloqui tra Rabat e il Fronte Polisario.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti