/ Senato USA costringe Cipro a bloccare le navi russe nel Mediterra...

Senato USA costringe Cipro a bloccare le navi russe nel Mediterraneo orientale. Nicosia: "Colpita nostra indipendenza a sovranità"

 

La Marina russa non sarà più autorizzata ad attraccare e fare rifornimento a Cipro dopo che un disegno di legge del Senato degli Stati Uniti è stato approvato martedì scorso.


Presentata dai senatori Marco Rubio (Partito Repubblicano) e Bob Melendez (Partito Democratico), la proposta del comitato per le relazioni estere del Senato impone a Cipro di bloccare tutte le navi militari russe dall'attracco nei loro porti come parte dell'embargo sulle armi contro Mosca.
 
"Sono entusiasta di vedere un così forte sostegno bipartisan a questo importante atto legislativo per tracciare un nuovo percorso in avanti per il Mediterraneo orientale", ha affermato Menendez. "Israele, Grecia e Cipro sono partner chiave degli Stati Uniti, e il voto di oggi conferma che abbiamo bisogno di una nuova strategia che rifletta i nostri interessi reciproci."
 
Inoltre, ha aggiunto che "il Mediterraneo orientale è una regione di importanza centrale per il nostro paese e deve quindi figurare in modo più prominente nel modo in cui assegniamo energia diplomatica, impegno e risorse. Non vedo l'ora di lavorare con i miei colleghi in modo che questa importante legislazione sia prontamente presa in considerazione e approvata da tutto il Senato."
 
"Questo è un passo importante verso una strategia regionale globale per gli Stati Uniti nel Mediterraneo orientale", ha dichiarato Endy Zemenides, direttore esecutivo di HALC. "Le tendenze regionali positive, in particolare la cooperazione in materia di energia e sicurezza, saranno accelerate da questa legge. La leadership dei senatori Menendez e Rubio e del comitato per le relazioni estere del Senato renderà la regione più stabile e prospera e farà avanzare sia gli interessi che i valori americani."
 
Il presidente cipriota, Nicos Anastasiades, ha definito il nuovo disegno di legge "infelice", affermando che "coplirà in larga misura l'indipendenza e la sovranità della Repubblica di Cipro".
 
"Ad oggi, le strutture di ogni paese sono sempre state concesse per motivi umanitari e non credo che possano essere stabilite condizioni del genere, specialmente con un paese, e sto parlando dell'America, con la quale cerchiamo di rafforzare ulteriormente le nostre relazioni. Ho l'impressione che l'emendamento sia stato infelice", ha affermato.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa