"Siamo in pericolo": John Pilger lancia un allarme sulla situazione di Assange

"Siamo in pericolo": John Pilger lancia un allarme sulla situazione di Assange

Il fondatore di Wikileaks è in una prigione di Londra, dove rischia fino a 175 anni di prigione, in seguito ad una possibile estradizione negli Stati Uniti.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La persecuzione del fondatore di Wikileaks, Julian Assange, mira a mettere a tacere i dissidenti, ha avvertito il premiato regista e giornalista britannico John Pilger.


 
Durante il suo discorso a una manifestazione tenutasi ieri davanti alla sede del Ministero dell'Interno britannico a Londra a sostegno dell'australiano, Pilger ha dichiarato che "tutti i giornalisti e tutti gli editori che svolgono il proprio lavoro sono in pericolo".
 
Il fondatore di Wikileaks è in una prigione nella capitale britannica, dove rischia fino a 175 anni di prigione, nonché una possibile estradizione negli Stati Uniti. In caso di estradizione in quel paese, potrebbe essere condannato alla pena di morte con l'accusa di aver filtrato materiali classificati, cospirazione e tradimento.
 

 
"Il pericolo per Julian Assange può facilmente estendersi ai redattori di "molti altri giornali e media che hanno pubblicato rivelazioni di WikiLeaks sulle bugie e sui crimini dei nostri governi", ha avvertito Pilger. Nel difendere l'attivista australiano stiamo difendendo "i nostri diritti più sacri", ha proseguito.
 
"Parla ora o ti sveglierai una mattina sotto il silenzio di un nuovo tipo di tirannia", ha aggiunto il pluripremiato regista britannico.
 
A partecipare alla manifestazione in solidarietà con Julian Assange c'era anche Roger Waters, co-fondatore e bassista dell'iconica rock band Pink Floyd, che ha eseguito la sua canzone di successo "Wish you were here" ("Vorrei che fossi qui") in solidarietà con il fondatore da WikiLeaks.
 
 

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti