World Affairs/Siria, il ruolo dell'intelligence britannica nella propaganda, ad...

Siria, il ruolo dell'intelligence britannica nella propaganda, addestramento e finanziamento dei sedicenti "ribelli"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di  Kit Klarenberg - RT
 
Una serie di quelli che sembrano essere documenti segreti del Foreign & Commonwealth Office delineano uno sforzo britannico multimilionario per addestrare combattenti ribelli in Siria tramite società private, sapendo del rischio che questi fondi potevano essere dirottati ai gruppi jihadisti.
 
I documenti pubblicati dal collettivo di Hacker Anonymous sembrano esporre una serie di azioni segrete intraprese dal governo britannico contro lo stato siriano nel corso di molti anni.
 
L'obiettivo principale era di destabilizzare il governo di Bashar Assad, convincere siriani, cittadini occidentali, governi stranieri e organismi internazionali che l'Esercito siriano libero (FSA) era un'alternativa legittima e inondare i media il mondo con la propaganda pro-opposizione.
 
Le dimensioni delle varie operazioni di guerra informatica implicite nei giornali, alcune delle quali sono state dettagliate dal Grayzone Project, erano vaste. 
 
In un esempio rappresentativo , la società di "impresa sociale" ARK, fondata dal veterano del Foreign & Commonwealth Office (FCO) Alistair Harris, ha "ribattezzato" il Consiglio militare siriano, "ammorbidendo l'immagine dell'Esercito siriano libero" per "distinguerlo dall'estremista gruppi armati di opposizione e stabilire l'immagine di un corpo militare funzionante, inclusivo, disciplinato e professionale ".
 
Formazione di miliziani "credibili ed efficaci"
 
Almeno un ingranaggio in questa connivenza tra mantello e pugnale era di natura apertamente militante. Dall'agosto 2016, un consorzio di imprenditori privati ??ha gestito un programma per l'FCO, attraverso il quale "formazione, attrezzature e altre forme di supporto" sono state fornite alla coalizione del "Fronte meridionale" dell'FSA, per "promuovere una transizione politica negoziata, sostenere strutture e gruppi di opposizione hanno tenuto aree della Siria, contrastato l'estremismo violento e impedito la creazione di un rifugio sicuro per i terroristi ".
 
Sotto i suoi auspici clandestini, fino a 600 combattenti sono stati addestrati ogni anno durante l'operazione, un totale indeterminato - lo sforzo è stato soprannominato MAO B-FOR (Moderate Armed Opposition Border Force Capability Project) e si prevede che costasse all'FCO 15.767.599 sterline.
 
'Stato delle necessità' B-PER del documento enuncia gli obiettivi del dettaglio di Whitehall nel perseguire il progetto.
 
"L'obiettivo ... è generare pressione sul regime di Assad e sugli estremisti, nel sud del paese ... Se i gruppi di frontiera MAO sono maggiormente in grado di garantire e mantenere il controllo di specifiche aree di responsabilità attraverso le comunità vicine al confine liberate lungo il confine meridionale della Siria con Giordania ... il MAO dimostrerà il suo valore tangibile alla comunità locale e internazionale come attore della sicurezza efficace ... Ciò rafforzerà la percezione che esista un'opposizione moderata credibile ed efficace in grado di fornire supporto per un percorso alternativo alla transizione politica ", si legge nel bando di gara del progetto.

In termini pratici, i combattenti nelle "frontiere internazionali sotto controllo MAO" e "aree confinanti con il controllo MAO sotto il controllo di un'altra entità o sotto nessun controllo" - il confine tra Giordania e Siria essendo "l'attuale area prioritaria" dell'FCO - dovevano essere " meglio in grado di controllare il proprio AOR [aree di responsabilità] attraverso un uso efficace di tattiche, operazioni, attrezzature, infrastrutture e capacità di reagire a una situazione tattica in evoluzione "
 
A tal fine, il governo del Regno Unito ha fornito un "sito di formazione dedicato" in Giordania "senza alcun costo" agli appaltatori del progetto. Il sito si trova a 45 minuti dalla capitale giordana, Amman, secondo un'istantanea annotata di Google Earth trovata tra i documenti trapelati. La distesa di 600 acri comprendeva "alloggi, abluzioni, mense, aule, percorsi automobilistici, aree rurali esterne e spazi aperti per soluzioni di stoccaggio delle attrezzature". In particolare, i tirocinanti dovevano essere istruiti sull'uso efficace di AK-47, mitragliatrici PK e pistole, con 175 combattenti in grado di essere ospitati sul posto alla volta, quattro settimane il periodo massimo in cui potevano essere istruiti lì continuamente.

RT

 
Agli appaltatori è stato anche chiesto di garantire che il progetto tenesse conto, tra le altre cose, della "politica verso il genere" di Whitehall - una riflessione, proprio come i riferimenti del bando di "rafforzamento delle percezioni", della forte componente psicologica di B-FOR.
 
"Uccidi, brucia e saccheggia"
 
In risposta, la società di consulenza globale Adam Smith International (ASI) ha presentato una vasta proposta al dipartimento, offrendo di guidare un consorzio di appaltatori, composto da Pilgrims Group , Kellogg Brown & Root (KBR), Oakas e GlenGulf .
 
Abbiamo contattato le aziende per un commento.
 
In termini di ruoli nel progetto, l'ASI - che secondo la proposta operava in Siria dall'inizio del 2013 e vantava "ben oltre" 100 dipendenti sul campo nel paese - doveva fornire "coinvolgimento strategico delle parti interessate, gestione del progetto, posizioni di leadership del progetto, ricerca e analisi dei conflitti e funzioni di monitoraggio e valutazione ". Pilgrims Group - si dice che abbia "sostenuto un gran numero di organizzazioni dei media che operano in Ucraina" - è stato incaricato di "fornire addestramento, valutazione iniziale delle abilità militari, progettazione di programmi di formazione".
 
La KBR - che ha raccolto milioni di incalcolabili da una serie di conflitti statunitensi, è stata coinvolta in numerosi scandali di alto profilo e, secondo quanto riferito , è stata soprannominata "Kill, Burn & Loot" dai marines statunitensi durante la guerra in Iraq - aveva la responsabilità di "gestire l'approvvigionamento e la logistica funzioni ", compresa la fornitura di " magazzinieri e un ufficiale di collegamento della struttura nel porto chiave di entrata per le merci importate". Oakas doveva offrire "una formazione su misura per gli elementi di comando MAO ('personale di battaglia') sul processo decisionale e la pianificazione," e GlenGulf la "fornitura di addestramento agli ufficiali e ai comandanti sulla raccolta e la gestione dell'intelligence umana".


 RT

I CV del personale del progetto di accompagnamento rivelano che molte persone coinvolte in B-FOR erano veterani militari britannici senior, che ricevevano tutti una quota giornaliera di tre cifre per la loro partecipazione. Ad esempio, i suoi ranghi includevano un ex consigliere militare britannico senior del Comando centrale degli Stati Uniti, l'esperienza secondo le affermazioni dell'ASI gli ha garantito "una conoscenza approfondita" del "contesto" siriano .
 
Il fronte ribelle appoggiato dagli USA crolla
 
Parte di quel contesto all'epoca sarebbe stato il crollo virtuale del Fronte meridionale come una seria forza combattente. Formato nel febbraio 2014 per volere del Comando delle operazioni militari degli Stati Uniti (MOC) in Giordania, il Fronte era una coalizione di 50-60 gruppi ribelli. Come nota la proposta dell'ASI, le sue fazioni costituenti hanno ricevuto "vari tipi di supporto dal MOC", tra cui "armi leggere, artiglieria, missili guidati anticarro, munizioni, veicoli, apparecchiature di comunicazione e uniformi", il Comando ha anche pagato i combattenti  gli stipendi.
 
La generosità di Washington è stata fondamentale per il Fronte che ha ottenuto una serie di vittorie sulle forze governative per tutto il 2014 e la prima metà dell'anno successivo. Nel processo, è diventata la più grande organizzazione ombrello ribelle nel sud della Siria, composta da 25-30.000 combattenti, e ha sfidato il dominio politico e militare del salafita Al-Nusra, l'allora più grande gruppo jihadista della regione. I media mainstream hanno ampiamente promosso il Fronte come la migliore speranza dei leader occidentali di realizzare una "rivoluzione" siriana " moderata " , nonostante molte delle sue unità cooperino e collaborino spesso con Al-Nusra.
 
Tuttavia, un tentativo troppo ambizioso da parte del Fronte di strappare la città dei distretti settentrionale e orientale di Deraa dal controllo del governo nel giugno 2015 si è concluso con un fallimento imbarazzante. Il cataclisma portò alla quasi totale cessazione del supporto del MOC, il che a sua volta significò che il Fronte perse gran parte delle sue capacità operative e molti dei suoi combattenti, che disertarono a frotte ad altri gruppi ribelli che offrivano stipendi. Successivamente l'Arabia Saudita è intervenuta per fornire armi e nuovi finanziamenti alla forza in difficoltà: B-FOR ha rappresentato il contributo illecito di Londra per mantenerlo funzionale, e la proposta dell'ASI chiarisce che il consorzio ha ben compreso i numerosi rischi associati al progetto.
 
Rischi noti, scarico delle responsabilità
 
Una lunga sezione della proposta dell'ASI - "supervisione e gestione di minacce e rischi" - descrive in dettaglio alcuni di questi miriadi di pericoli, insieme alla loro probabilità e impatto. Si è ritenuto altamente probabile, ad esempio, che gruppi come Al-Nusra e ISIS avrebbero interferito nel programma, "a causa della percezione di un '' agenda politica internazionale" " - di conseguenza, gli estremisti" potrebbero cercare di impedire ai tirocinanti di unirsi o inibirli dall'adempiere alle loro funzioni una volta addestrati tramite rapimento, aggressione e furto di attrezzature ".
 
La possibilità che i combattenti selezionati dal consorzio possano scegliere o essere costretti a unirsi ad altre operazioni del fronte meridionale delle forze non frontaliere, a sua volta "[portando] a un indebolimento della capacità di confine e alla percezione del sostegno del Regno Unito alle operazioni militari attive", è stata valutata come "medio". Anche i tirocinanti delle forze di frontiera che collaborano con attori estremisti e / o commettono violazioni dei diritti umani, nel processo che compromette "la fattibilità legale e di reputazione del programma", sono stati considerati di probabilità e impatto "medi" .
 
Il metodo proposto da ASI per affrontare questi e altri pericoli era quasi invariabilmente semplicemente "trasferire" la responsabilità di "possedere e gestire" il problema alla stessa FCO, suggerendo anche che il governo britannico doveva semplicemente "tollerare" guasti come la perdita di attrezzature " in misura ragionevole. "
 
Non è chiaro quanti anni, o forse mesi, B-FOR abbia resistito. La sua "dichiarazione dei requisiti" prevedeva che il progetto avrebbe "coperto un periodo fino al 31 marzo 2019 con una clausola per un punto di interruzione alla fine di ogni esercizio finanziario".
 
Tuttavia, nel febbraio 2017 , un rapporto della commissione per lo sviluppo internazionale del Parlamento ha rilevato che il personale dell'ASI aveva presentato false testimonianze di beneficiari di aiuti a un'indagine della Camera dei Comuni sulle sue attività, avviata in risposta alle accuse che l'azienda aveva cercato di ottenere un indebito vantaggio finanziario dagli aiuti del Regno Unito. spesa.
 
In risposta, DfID ha impedito alla società di fare offerte per futuri contratti governativi e il mese successivo i tre dirigenti fondatori dell'ASI si sono dimessi. Ancora più dannatamente, nel dicembre di quell'anno, un documentario della BBC Panorama (Jihadis You Pay For) ha rivelato come il denaro FCO distribuito dall'ASI in Siria fosse finito nelle tasche degli estremisti.
 
L'indagine si è concentrata sul programma Access to Justice and Community Security (AJACS) dell'FCO, nell'ambito del quale l'ASI ha finanziato e formato la Free Syria Police, una forza civile disarmata istituita per ristabilire la legge e l'ordine nelle aree controllate dall'opposizione.
 
Ha scoperto che l'ASI aveva identificato collegamenti tra diverse stazioni FSP e tribunali della sharia gestiti da Al-Nusra e non ha terminato il suo finanziamento delle stazioni, o li ha costretti a interrompere tutti i collegamenti con i tribunali - avevano anche gli ufficiali FSP che ricevevano teoricamente i fondi FCO tramite ASI stato presente quando le donne venivano lapidate a morte. In modo preoccupante, il passo B-FOR di ASI afferma che la sua "esperienza e conoscenza" della gestione di AJACS sarà "sfruttata" per garantire la consegna ottimale del progetto di confine.
 
Non è noto se B-FOR sia stato tranquillamente accantonato o semplicemente consegnato ad altri appaltatori in risposta a queste esposizioni dannose. In ogni caso, nel luglio 2018 , il Fronte è stato completamente schiacciato dalle forze filo-governative, i suoi combattenti che si arrendevano hanno accettato accordi di riconciliazione o sono fuggiti a Idlib.
 
Non si sa nemmeno quanti combattenti addestrati tramite il programma abbiano continuato a unirsi a gruppi jihadisti e quanta attrezzatura sia stata "persa" nel corso dell'operazione, finendo nelle mani di estremisti e utilizzata per massacrare e mutilare civili innocenti. Le società che gestivano l'operazione, tanto meno il governo britannico, di certo non tennero il conto. 
 
 
*Giornalista investigativo esperto nelle analisi sul ruolo dei servizi di intelligence. Account Twitter  @KitKlarenberg
 
(Traduzione de L'AntiDiplomatico)
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa