Siria. Lettera di Padre Daniel sulle sanzioni e Caesar Act: Il comportamento dell'Occidente e dei suoi politici non è solo schizofrenico, è criminale

Siria. Lettera di Padre Daniel sulle sanzioni e Caesar Act: Il comportamento dell'Occidente e dei suoi politici non è solo schizofrenico, è criminale

Padre Daniel, in Siria, a Qara, ha trascorso la vita nell'aiutare il popolo siriano, nel monastero di Mar Yacub, nel corso degli anni con i suoi confratelli e consorelle ha assistito alle atrocità dei gruppi jihadisti e al loro sostegno proveniente dall'Europa e gli Stati Uniti. Ora i siriani stanno affrontando la fame a causa del Caesar Act voluto dagli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Link originale della lettera di Padre Daniel sul sito www.freesuriyah.eu
 
Ringraziamo per la segnalazione dell'articolo Nora Hoppe e Tariq Marzbaan.
 
Cari amici,
 
Stiamo vivendo i "tempi bui", previsti da Gilbert Keith Chesterton (+ 1936)? con il crollo della nostra civiltà con la demolizione dei suoi pilastri morali, religiosi e culturali. "Le persone tendono a guardare con entusiasmo al futuro perché hanno paura del passato", ha scritto. Ma abbiamo ancora un futuro, stiamo entrando in questo periodo nero adesso?
 
La schizofrenia del governo mondiale
 
Il modo in cui il popolo siriano viene sempre più strangolato dalla "comunità internazionale" mostra come i leader occidentali, con molte abilità, possano nascondere i loro piani egoistici per la distruzione del popolo siriano nascosto dietro i loro slogan e i più magnifici stendardi dei diritti umani e degli aiuti umanitari. Ma non esiste un'organizzazione internazionale in grado di garantire giustizia o dignità umana. Al contrario, per loro le ONG delle cosiddette organizzazioni per i diritti umani, la sofferenza aggravata del popolo siriano è da attribuire al presidente siriano, al suo governo, al suo esercito e ai loro alleati (Hezbollah e Russia). Il mantra continua ad essere ripetuto fedelmente dai media. Quindi, ogni cittadino del mondo è chiamato a punire questi "colpevoli"e ha chiesto di aiutare a distruggere il paese, uccidere le persone, fuggire e ora morire di fame. Il fatto che tutto ciò sia semplicemente un pretesto per le potenze occidentali di rubare le materie prime e imporre la loro volontà non è nemmeno discusso.
 
È vero, sta diventando sempre più difficile la situazione in Siria, la valuta si è svaluta in modo incredibile. C'è una certa tensione tra gli stessi alawiti, perché Bashar-al-Assad vuole combattere la corruzione. Tuttavia, non c'è motivo di continuare a parlare di una " guerra civile " perché non è mai avvenuta. Non ci sono inoltre scuse per non parlare di un "governo siriano". 
E sì, ci sono state piccole manifestazioni qua e là contro il deterioramento delle condizioni, che è ampiamente sottolineato dai media mainstream. Ci sono state  manifestazioni di massa a Homs e ad al Bukamal (Deir Ezzor)la scorsa e questa settimana in segno di protesta contro gli Stati Uniti e i loro terroristi non saranno mostrate sui media atlantici.
 
Inoltre, si dice che i giornalisti di mainstream abbiano troppo lavoro per cancellare i ritratti del presidente e le bandiere siriane. Sarà anche nascosto il modo in cui i cittadini di Al-Qamishli hanno fermato un convoglio americano e hanno bruciato apertamente la bandiera americana . Né le immagini della manifestazione di massa di giovedì scorso saranno viste in Al Tahrir Square a Quneitra, rendendo chiaro al popolo che le alture del Golan dovrebbero tornare al controllo del governo siriano. I siriani sanno benissimo chi sta distruggendo il loro paese e chi li sta proteggendo.
 
Il rappresentante permanente siriano presso le Nazioni Unite, il dott. Bashar al-Jaafari, ha ricordato nel suo recente discorso le accuse che ha sollevato contro gli Stati Uniti, il Regno Unito , la Francia e la Turchia per il reclutamento di terroristi da tutto il mondo per nove anni, armando, svolgendo militari azioni, rubando o distruggendo petrolio, gas, raccolti, tesori archeologici e quindi impongono sanzioni più pesanti. Tutto contro il diritto internazionale e contro la carta delle Nazioni Unit . Inoltre, Stati Uniti, Regno Unito, Francia sono stati membri delle Nazioni Unite che garantiscono sicurezza internazionale, rispetto della sovranità, pace e giustizia!
 
Conclusione
 
Non c'è nemmeno un granello di umanità nel loro atteggiamento. Il presidente Erdogan occupa la Siria settentrionale, Israele il Golan e gli Stati Uniti forniscono sostegno ai terroristi . "Quando gli Stati Uniti rubano apertamente 200.000 barili (un barile di circa 159 litri) di petrolio al giorno dalle risorse siriane e, inoltre, bruciano 400.000 tonnellate di cotone, 5.000.000 di capi di bestiame, migliaia di acri di campi di grano, possono fare a pezzi la Siria, svalutare consapevolmente la valuta nazionale, imporre misure coercitive economiche per soffocare il popolo siriano, occupano parti della Siria e proteggono il loro alleato turco che occupa un'altra grande parte, e poi quando il rappresentante permanente degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite afferma che il suo governo è preoccupato per il deterioramento delle condizioni di vita dei cittadini siriani , lo si attribuisce a "il regime "..." non sono quei sintomi della schizofrenia ", è la domanda che si pone Bashar-al-Jaafari? Ha ragione, ma è più di questo, è un comportamento criminale delle cosiddette "democrazie" governate da politici criminali.
 
 

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti