Slavoj Zizek: "non libertà vissuta come libertà", il paradosso rivelato da Assange

Slavoj Zizek: "non libertà vissuta come libertà", il paradosso rivelato da Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Slavoj Zizek*

È un'ironia contorta che il cinquantesimo compleanno del giornalista incarcerato Julian Assange arrivi solo un giorno prima del Giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti. Questo ci ricorda gli aspetti oscuri della "Terra dei Liberi" e della maggior parte delle democrazie occidentali.

Oggi, il co-fondatore di WikiLeaks Assange festeggia il suo cinquantesimo compleanno, detenuto nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh a Londra, mentre Washington chiede la sua estradizione negli Stati Uniti, dove potrebbe essere incarcerato fino a 175 anni se ritenuto colpevole. 

Quando la Bielorussia ha costretto un aereo Ryanair in rotta da Atene a Vilnius ad atterrare a Minsk per arrestare l'attivista dell'opposizione Roman Protasevich, questo atto di pirateria è stato accolto dalla condanna globale. 

Tuttavia, dovremmo ricordare che le potenze occidentali hanno fatto esattamente lo stesso nel 2013, quando l'aereo che trasportava il presidente boliviano Evo Morales è stato costretto ad atterrare in Austria. È stato fatto per ordine degli Stati Uniti, che avevano affermato che l'informatore della NSA Edward Snowden era a bordo, cercando di arrivare dalla Russia all'America Latina. Per aggiungere al danno la beffa, Snowden non era sull'aereo.

Contro la sua volontà, Assange è diventato un simbolo di questo lato oscuro delle democrazie occidentali, un simbolo della nostra lotta contro le nuove forme digitali di controllo e regolazione delle nostre vite che sono molto più efficienti di quelli vecchi “ totalitari”. 

Molti liberali occidentali sottolineano che ci sono paesi con un'oppressione diretta molto più brutale rispetto al Regno Unito e agli Stati Uniti, quindi perché una tale protesta contro Assange? È vero, ma in quei paesi l'oppressione è aperta ed evidente, mentre ciò che stiamo ottenendo ora nell'Occidente liberale è l'oppressione che lascia in gran parte intatto il nostro senso di libertà.

Assange ha fatto emergere questo paradosso della non-libertà vissuta come libertà.

Ecco perché contro Assange sono stati usati tutti i trucchi sporchi: un completo assassinio del personaggio, dalla descrizione di lui come personalmente intollerabile alle false accuse sulla sua presunta attività sessuale illegale e alle bugie su di lui " sporco di feci” sui muri dell'ambasciata ecuadoriana a Londra. Temendo uno scontro di principio con Assange, ho il diritto di rivelare segreti di stato quando dimostrano che uno stato ha commesso crimini omicidi? – sono scesi al livello delle bugie e delle voci personali. L'orrore di una tale procedura non è solo che segnala un degrado del dibattito politico, ma prende di mira anche Assange come individuo. 

Assange non è solo un simbolo, è una persona viva che ha sofferto parecchio nell'ultimo decennio. Il Giorno dell'Indipendenza viene solitamente celebrato con fuochi d'artificio, sfilate, cerimonie e riunioni di famiglia… ma una famiglia sicuramente non si riunirà, quella di Assange.

Secondo una leggenda (probabilmente non di più), Neil Armstrong, dopo aver fatto il primo passo sulla Luna il 20 luglio 1969 e aver pronunciato il suo famoso " Questo è un piccolo passo per l'uomo, un gigantesco balzo per l'umanità " , fu seguito da un'osservazione enigmatica: " Buona fortuna, signor Gorsky ". 

Molte persone alla NASA pensavano che fosse un'osservazione casuale su un cosmonauta sovietico rivale. Abbiamo dovuto aspettare fino al 5 luglio 1995 quando, rispondendo alle domande a seguito di un discorso, Armstrong ha spiegato l'enigma: " Nel 1938, quando era un ragazzino in una piccola città del Midwest, stava giocando a baseball con un amico nel cortile di casa. Il suo amico colpì la palla, che finì nel cortile contro la finestra della camera da letto del vicino. I suoi vicini erano il signore e la signora Gorsky. Mentre si chinava per raccogliere la palla, il giovane Armstrong udì la signora Gorsky gridare al signor Gorsky: «Sesso! Vuoi sesso?! … Farai sesso quando il bambino della porta accanto camminerà sulla luna!'”. Questo è ciò che è letteralmente successo 31 anni dopo.

Dopo aver sentito questo aneddoto, ho immaginato una versione con Julian Assange. Diciamo che, quando è stato visitato nella sua prigione dalla sua compagna Stella Morris e sono stati separati dal solito vetro spesso, ha sognato un contatto intimo con lei, e lei ha risposto concisamente: “Sesso! Vuoi sesso?! …Farai sesso quando camminerai liberamente per le strade di New York, celebrato come un eroe del nostro tempo! ” – una prospettiva non meno utopica di quella di immaginare nel 1938 che un essere umano potesse camminare sulla luna. Ecco perché dovremmo mettere tutte le nostre energie nel raggiungimento di questo obiettivo, con la speranza che, entro 31 anni da oggi, potremo dire con tutta sincerità: Buona fortuna, signor Assange!

Citando la canzone dei Rolling Stones, coloro che sono al potere presumono che il tempo sia dalla loro parte se continuano a mantenere Assange nel suo status di morto vivente e, lo dimenticheremo gradualmente. È nostro dovere dimostrare che si sbagliano.

*Filosofo, sociologo, politologo ed accademico sloveno, esponente della filosofia marxista.

 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti