Stefania Ascari (Deputata M5S ): "Sarò al valico di Rafah per dire basta al massacro di palestinesi a Gaza"

Stefania Ascari (Deputata M5S ): "Sarò al valico di Rafah per dire basta al massacro di palestinesi a Gaza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Agata Iacono


"Dopo 30 mila morti e 90 mila feriti non si può stare fermi e in silenzio. Il silenzio è complice". La deputata del Movimento 5 Stelle, Stefania Ascari, ha annunciato la sua partecipazione ad una delegazione - composta da operatori umanitari, 15 parlamentari dell’intergruppo per la Pace tra Israele e la Palestina, giornalisti, accademici e sindacalisti - che si recherà al valico di Rafah. L'iniziativa è stata promossa dalla Rete nell'ambito della Campagna "EmergenzaGaza" in collaborazione con Amnesty international Italia, ARCI e Assopace Palestina. 

Le abbiamo rivolte alcune domande per l'AntiDiplomatico.

Quali sono gli obiettivi prefissati dal convoglio umanitario che si recherà al valico di Rafah?

L’obiettivo sarà innanzitutto quello di fare pressione per il Cessate il Fuoco e per l’apertura di corridoi umanitari sicuri e adeguati al bisogno. È il primo passo necessario perché a Gaza, che è una vera e propria trappola di morte, si contano ormai più di 30mila vittime civili, il 70% donne e bambini. Noi rappresenteremo il Paese che dice basta al massacro di palestinesi a Gaza e faremo da megafono nelle istituzioni italiane dinanzi a un Governo che non solo è sordo ai continui richiami alla pace, ma che non sta neanche rispettando l’indirizzo dato dalla Camera con l’approvazione della mozione sul Cessate il fuoco: un fatto molto grave, segno di una progressiva svalutazione del ruolo del Parlamento. 


E' prevista la presenza di deputati europei o del Parlamento internazionale?
Sì, si tratta della più grande delegazione di società civile e parlamentari che si spinge fino al valico di Rafah. Oltre a deputati del Movimento 5 Stelle ci saranno anche deputati e deputati del Partito democratico e di Alleanza Verdi Sinistra. Non ci sono deputati europei perché si tratta di un’iniziativa della rete AOI che a livello istituzionale ha coinvolto solo il Parlamento italiano.


Dal valico di Rafah sono previsti incontri politici con le autorità palestinesi, egiziane o israeliane?

Saranno giorni di incontri, molti li stiamo definendo. Sicuramente entreremo in contatto con organizzazioni della società civile, agenzie delle Nazioni Unite, rappresentanze diplomatiche italiane in loco e organizzazioni umanitarie impegnate nell’invio di aiuti essenziali dentro la Striscia, tra cui UNRWA, ma anche la Mezzaluna Rossa Egiziana e quella Palestinese e l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari (OCHA).


Non crede che il riconoscimento dello stato palestinese sia il primo passo necessario per rendere il nostro paese un interlocutore credibile sulla vicenda?

Il riconoscimento dello Stato di Palestina è la condizione necessaria per la pace in Medioriente e il segno che la comunità internazionale è davvero interessata a costruirla.  Da più parti si sente ripetere la formula "due popoli, due stati", ma come si può realizzare se non è comunemente ammessa l’esistenza dello Stato di Palestina? Riconoscere lo Stato di Palestina significa dare dignità e autorevolezza al popolo palestinese al pari del popolo israeliano ed è il punto di partenza per una convivenza pacifica e sicura?

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti