Stella Moris: Julian Assange ha avuto un ictus a fine ottobre

Stella Moris: Julian Assange ha avuto un ictus a fine ottobre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange ha avuto un ictus il 27 ottobre, ha  rivelato ieri  la sua compagna Stella Moris al tabloid britannico Daily Mail .

L'ictus ha colpito l'editore australiano mentre partecipava in videoconferenza a un'udienza dell'Alta Corte di Londra dal carcere di massima sicurezza di Belmarsh. Moris ha precisato che è stato un micro-ictus durante il quale Assange ha avuto problemi di memoria, segni di danni neurologici e una palpebra destra cadente. 

Dopo aver notato che il cyberattivista si sentiva male, il giudice gli ha permesso di lasciare l'udienza, ma Assange non ha potuto lasciare la sala video del carcere. Successivamente, un medico ha esaminato la sua salute e ha concluso che il paziente aveva una risposta ritardata della pupilla all'accensione di un occhio, il che avrebbe potuto indicare un possibile danno al sistema nervoso. Inoltre, hanno fatto una risonanza magnetica e prescritto farmaci anti-ictus.

"Julian sta lottando e temo che questo mini-ictus possa essere il precursore di un attacco più grande. Ciò esacerba i nostri timori sulla sua capacità di sopravvivere più a lungo durerà questa lunga battaglia legale", ha lamentato Moris.

"Guarda gli animali intrappolati nelle gabbie di uno zoo. Accorciano le loro vite. È quello che succede a Julian. Gli infiniti casi giudiziari sono estremamente stressanti dal punto di vista mentale", ha continuato, aggiungendo che sono state le persecuzioni giudiziarie a causare questo danno alla salute.

"Una guerra di logoramento"

Venerdì scorso l'Alta Corte di Giustizia di Londra ha approvato  l'estradizione del cyberattivista, in quanto soddisfatta delle garanzie della parte statunitense sul fatto che Assange  non sarà sottoposto a un duro regime  noto come misure amministrative speciali una volta prigioniero in un carcere del paese nordamericano. La difesa del fondatore di WikiLeaks ha il diritto di impugnare la sentenza fino al 23 dicembre.

In vista di questa sentenza, il partner di Assange ha ribadito che l'attivista non rappresenta "una minaccia per nessuno", così come hanno attaccato gli Usa, sostenendo che Washington sta conducendo " una guerra di logoramento". "È ancora scandaloso che qualcuno che non sta scontando una pena detentiva rimanga in carcere per anni", ha ricordato Moris.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti