Stop ai Rafale! L'India adesso vuole i caccia F-35 statunitensi?

Stop ai Rafale! L'India adesso vuole i caccia F-35 statunitensi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sembra destinata ad allungarsi la lista dei paesi richiedenti i caccia stealth F-35 statunitensi. Dopo gli Emirati Arabi Uniti (EAU), anche l’India infatti sembra desiderosa di acquisire i moderno caccia statunitensi. Nuova Delhi si trova in una fase di forti tensioni con la Cina per questioni di confini mai risolte, e quindi vorrebbe usare i caccia di produzione statunitense come arma di minaccia contro Pechino. 

 

L’India aveva già valutato vari caccia come gli F/A-18 della Boeing, Eurofighter Typhoon, il MiG-35 russo e il Gripen Saab svedese. Tuttavia, dopo una meticolosa analisi delle offerte la scelta dell’l'Indian Air Force (IAF) cadde su Eurofighter Typhoon e i caccia Rafale prodotti dalla francese Dassault.

 

I jet da combattimento francesi Rafale di 4,5 generazione sono rinomati per possedere la capacità senza pari di svolgere una varietà di ruoli. Il bimotore, canard-delta wing è dotato di una vasta gamma di armi e vanta la potenza di fuoco per eseguire missioni di supremazia aerea, interdizione, ricognizione aerea, supporto a terra, attacco in profondità, attacco anti-nave e deterrenza nucleare, rafforzando così le capacità di combattimento aereo dell'India contro i vicini Cina e Pakistan, scrive The EurAsian Times. 

 

Tuttavia, un'area in cui è significativamente in ritardo è la tecnologia stealth impiegata dagli F-35, che lo rende uno dei caccia più ricercati al mondo. I caccia utilizzano la furtività avanzata con velocità e agilità da combattimento, informazioni sui sensori completamente fuse, operazioni abilitate dalla rete e supporto avanzato, che se posseduto dagli squadroni aerei dell'IAF, darà loro capacità superiori per superare i J-20 cinesi non testati, secondo la pubblicazione indiana. 

 

Con l'India che già combatte su due fronti con Pechino e Islamabad su ciascuna delle loro parti e anche gli Stati Uniti che cercano di mettere all'angolo la Cina e sostenere i suoi alleati regionali, l'acquisto costoso ma significativo degli F-35 darebbe loro una presenza aerea posseduta da nessuno dei due paesi, secondo gli esperti di aviazione.

 

"Il vertice della IAF richiede formalmente un briefing riservato dal primo costruttore dell'F-35, Lockheed Martin, sulle capacità del sofisticato caccia di quinta generazione sviluppato nell'ambito del programma statunitense Joint Strike Fighter”, riporta la Indian Publication Business Standard.

 

Inoltre che la nazione del primo ministro Narendra Modi dovrà aumentare significativamente la spesa per la difesa se vuole raccogliere fondi per un jet da combattimento, che costa 100 milioni di dollari.

 

Oltre l’onerosa spesa che dovrebbe accollarsi l’India per acquisire i jet statunitensi, la loro efficacia e supremazia sulla Cina è tutta da verificare sul terreno.

 

Secondo quanto riferito da diversi media cinesi e non, già nel 2019, Pechino avrebbe sviluppato un radar anti-stealth capace di individuare individuare velivoli stealth nemici e persino guidare missili cinesi verso di loro.

 

Intervistato dal quotidiano cinese Global Times, Wu Jiangqi, uno scienziato della difesa presso il China Electronics Technology Group, un gigante elettronico di proprietà statale che crea una varietà di applicazioni per uso civile e militare, inclusi i radar, aveva affermato che il radar a onde "può soddisfare il requisito" di rilevare i sistemi stealth nemici con alta precisione "purché siano progettati per servire a questo scopo”. 

 

Il radar di nuova tecnologia, che può essere distribuito su una vasta gamma di piattaforme, dai veicoli alle navi da guerra, così come le installazioni stazionarie, si dice che sia progettato per individuare aerei stealth, progettati per essere "invisibili" ai radar a microonde, utilizzando il radar ad onda.

 

Pare che il team di Wu abbia risolto il problema fondamentale della bassa risoluzione e dell'accuratezza dei sistemi wave creando un "radar a impulsi e diaframmi sintetici a spettro sparso", che monitora costantemente i cieli, processando i ping da una serie di antenne trasmittenti e riceventi raggiungendo decine di metri in aria.

 

Secondo Wu, il radar anti-stealth della sua squadra non ha eguali nelle sue capacità. "Per ora, non vedo dall'estero un radar per la difesa aerea a onde metriche che possa corrispondere ai criteri del radar avanzato a onda quadra [come quello della Cina]”.

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo