Trump, Biden, il virus e Michal Kalecki

Trump, Biden, il virus e Michal Kalecki

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala 
 

Come vi ho sempre scritto sull'AntiDiplomatico, la candidatura nel 2016 di Trump ha rappresentato una rottura nel capitalismo Usa. Da una parte il vecchio capitalismo quello dell'immobiliare, delle petrolifere, dell'automotive e della manifattura e dall'altra parte in nuovo capitalismo digitale delle piattaforme social, di Amazon, delle telecomunicazioni e delle cryptomonete. Il primo rappresentato da Trump e il secondo dalla Clinton. Due capitalismi assolutamente incompatibili tra loro; il primo ancorato alla terra, al luogo e al popolo dove è nato e necessitante di una nazione ricca e prospera per sopravvivere, il secondo dematerializzato, reticolare, liquido, globale e totalmente indifferente alle condizioni economico-sociali del territorio dove è nato, perchè tutto il mondo è il suo mercato.


 

Vinse Trump, con lo slogan non casuale e anzi piuttosto emblematico de "Make America Great Again". Immediatamente iniziò, non senza difficoltà, la guerra al globalismo per generare un "decoupling" che riportasse in Usa tanta della manifattura Usa delocalizzata in tutto il mondo specialmente in Cina.


Ora, a distanza di quattro anni, arriva un virus che impone distanziamento sociale e dematerializzazione di tante attività a partire dall'istruzione. Un virus molto funzionale per far nascere quel capitalismo 4.0 con
l'imposizione sociale di un "new normal" disgregante. Ma anche un virus provvidenziale per demolire i successi economici dell'amministrazione Trump; basti pensare che prima dei Lockdown la disoccupazione in Usa era scesa al 3% e Trump aveva la rielezione certissima. Io vi ho detto come la penso, siamo di fronte ad un virus che sa tanto di operazione psyop. E chi vuole capire cosa intendo, basta che rilegga ciò che ho scritto in questi ultimi mesi. Aggiungo solo che per fare una operazione del genere bastano poche decine di persone piazzate nei posti giusti dello scacchiere. Poi il resto vien da sé, come un piccolo sassolino lanciato dalla cima di una montagna che crea un enorme slavina: si aggiungono - inconsapevoli - al coro dell'allarme milioni di persone. Ipocondriaci, persone in buona fede che non immaginano possa essere creata a tavolino una simile operazione, ma anche tutti coloro che traggono un vantaggio - grande o piccolo - dalla situazione, dalle case farmaceutiche, ai virologi al centro dell'attenzione (e ben remunerati nelle comparsate tv), ai giornalisti sempre a caccia di notizie, all'impiegato contento dello smart working.


Ecco, quello che si deve capire è che nelle elezioni Usa non si vota la persona Trump - che può essere personalmente anche cattivo, ignorante e puzzone - o la persona Biden - che potrebbe essere anche San Francesco redivivo - ma si vota una forma di capitalismo a dispetto di un'altra. E conseguentemente una postura di politica estera conseguente tenuta dal colosso Usa.


Ecco, questa crisi del virus è il risultato della spaccatura del capitalismo Usa in queste due fazioni. E a seconda di chi vincerà avremo conseguenze diverse (e probabilmente in entrambi i casi drammatiche). Ma sappiate almeno a chi conveniva questa crisi del virus e capirete chi l'ha causata (cui prodest scelus, is fecit) per capire il livello di spregiudicatezza della fazione del nuovo capitalismo.


Qui un passaggio di Michal Kalecki tratto da "Sul capitalismo contemporaneo" (Editori Riuniti) che questo potente movimento del capitale (del paese egemome) lo aveva capito benissimo in tempi non sospetti.




Questo vi dovevo.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti