/ Trump ha approvato il trasferimento di tecnologie nucleari a Riad...

Trump ha approvato il trasferimento di tecnologie nucleari a Riad due volte dopo l'assassinio di Khashoggi

 

Secondo i dati ufficiali ottenuti dal Senato degli Stati Uniti, in totale lo ha fatto sette volte dalla fine del 2017.


L'amministrazione del presidente americano Donald Trump ha trasferito sette volte le tecnologie nucleari all'Arabia Saudita da dicembre 2017, ha annunciato il senatore Tim Kaine in una dichiarazione pubblicata martedì scorso sul suo sito web ufficiale, in cui cita le informazioni fornite da Dipartimento dell'Energia in risposta a un ordine del presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, James Risch.
 
Due approvazioni hanno avuto luogo dopo l'omicidio di Jamal Khashoggi, giornalista saudita e residente negli Stati Uniti che è stato smembrato da un gruppo di agenti di Riad poco dopo essere entrato nel Consolato Generale dell'Arabia Saudita a Istanbul, il 2 ottobre 2018.
 
"Ho seri dubbi sul fatto che le decisioni riguardanti i trasferimenti nucleari [di tecnologie] siano state prese in base ai legami finanziari della famiglia Trump e non agli interessi del popolo americano", ha affermato Kaine.
 
"Il desiderio del presidente Trump di dare ai sauditi quello che vogliono, nonostante le proteste di entrambe le parti al Congresso, ferisce gli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti", ha detto il senatore, aggiungendo che la Casa Bianca "sta alimentando una pericolosa escalation di tensione" in Medio Oriente.
 
A febbraio, il capo della Commissione per la supervisione e la riforma della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, il democratico Elijah Cummings, ha avviato un'indagine sul presunto tentativo dell'amministrazione Trump di trasferire "tecnologia nucleare altamente sensibile" a Riad.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa